Agrate Conturbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Agrate Conturbia
comune
Agrate Conturbia – Stemma Agrate Conturbia – Bandiera
Agrate Conturbia – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Novara-Stemma.svg Novara
Amministrazione
Sindaco Simone Tosi (lista civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 45°40′35″N 8°33′08″E / 45.676389°N 8.552222°E45.676389; 8.552222 (Agrate Conturbia)Coordinate: 45°40′35″N 8°33′08″E / 45.676389°N 8.552222°E45.676389; 8.552222 (Agrate Conturbia)
Altitudine 337 m s.l.m.
Superficie 14,54 km²
Abitanti 1 564[1] (31-03-2016)
Densità 107,57 ab./km²
Frazioni Agrate, Conturbia
Comuni confinanti Bogogno, Borgo Ticino, Divignano, Mezzomerico, Suno, Veruno
Altre informazioni
Cod. postale 28010
Prefisso 0322
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 003001
Cod. catastale A088
Targa NO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 743 GG[2]
Nome abitanti Agratesi, Conturbiesi
Patrono san Vittore
Giorno festivo prima domenica di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Agrate Conturbia
Agrate Conturbia
Sito istituzionale

Agrate Conturbia (Agrà e Contòrbia in piemontese, Agraa e Contorbia in lombardo) è un comune di 1.564 cittadini della provincia di Novara. Il comune è diviso nelle due frazioni di Agrate e Conturbia. I centri sono situati tra le leggere colline ondulate che allietano le terre tra Cressa e Borgo Ticino a sud del Lago Maggiore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo Agrate, anticamente Agredade Curtis o Agredade, risale al nome di persona romano Acrius, seguito dal suffisso -atum; secondo altri storici ad agr-et-atum, luogo dei campi.

Agrate viene indicata dagli storici come un'antica stazione romana, tesi dimostrata dal ritrovamento di cippi, reperti ed iscrizioni. Le prime descrizione fanno menzione che vi si stanziasse la V legione romana, comandata da Pallante, amico di Caligola e probabile fondatore di Pallanza. Alcuni autori riconoscono invece Conturbia come un antichissimo insediamento su palafitte, meno antiche di quelle di Mercurago, nei pressi di Arona, distanti pochi chilometri.

A dimostrazione di un passato antico si trova documentato di un Vir magnificus (Personaggio Illustre), un certo Rutterpert da Agredate disponesse di proprietà terriere in limite comitato Plombense. Alcune ricerche hanno dimostrato che nel X secolo i signori Da Conturbia erano boni homini e consiglieri del vescovo di Novara.

L'imperatore Ottone I divenuto proprietario della Curtis Regia di Agredade, ne fece dono ai canonici di San Giulio. Agrate poi fece parte del feudo dei Conti di Castello, passando ai Gattico prima e nel 1412 a Lancellotto ed Ermes Visconti. Successivamente Filippo Maria Visconti assegnò il feudo ai Borromeo che lo mantennero fino al XVIII secolo. Agrate e Conturbia ebbero ognuna il proprio castello.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

I Castelli di Agrate e Conturbia[modifica | modifica wikitesto]

Del Castello di Agrate sono rimaste poche parti originarie. Rimane intatto lo stemma dei Conti di Castello, signori di Agrate nell'XI secolo. A seguito di una parziale distruzione avvenuta nel 1400 ha subito diverse trasformazioni che non consentono di stabilirne la forma originaria. Il Castello di Conturbia invece fa pensare in origine ad un edificio a struttura quadrangolare, e a seguito della sua posizione strategica, fortificato. Anche in questo caso, dopo successive trasformazioni in villa gentilizia non è possibile darne una chiara identificazione della struttura originaria.

La Parrocchia di San Vittore[modifica | modifica wikitesto]

Documentata già nel 976 come Basilica sanctis Victoris constructa infra castro Agedade, la Parrocchia di San Vittore che sorge al centro di Agrate, viene considerato un edificio particolarmente interessante. Nel 1600 viene descritta in pietra squadrata coperta in legname, subendo nei secoli successivi sostanziali ristrutturazioni.

Il Battistero[modifica | modifica wikitesto]

Il battistero romanico di Agrate

Il monumento più importante del paese è il Battistero, costruito in stile romanico nel XII secolo, che sorge nella frazione Agrate. Gli storici sono soliti datare la parte inferiore del battistero attorno all'anno 930, e la sua parte superiore al 1120 circa.
La parte inferiore è realizzata sulle fondamenta di un preesistente edificio, riconoscibile fino a 30–50 cm in elevazione dal suolo, probabilmente un sacello o delubro (santuario) di epoca romana; essa si presenta a pianta circolare, edificata in pietra squadrata nella parte anteriore e in ciottoli di fiume in quella posteriore. La parte superiore, a pianta ottagonale, è realizzata in pietre squadrate regolari, ornata in alto da una cornice ad archetti pensili, suddivisi a gruppi di tre per ogni lato, e da alte e strette finestrelle a doppia strombatura. Nell'interno, sono presenti la vasca a scalini e un affresco quattrocentesco.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Battistero di San Giovanni Battista (Agrate Conturbia).

La Chiesa di San Giorgio[modifica | modifica wikitesto]

A Conturbia ha sede la Chiesa di San Giorgio. Databile prima dell'anno 1000, consacrata a seconda degli storici fra il 1122 ed il 1148 dal vescovo Litifredo. Ha subito profonde ristrutturazioni, mantenendo però intatta la facciata originale a capanna, in pietra squadrata, con finestra a forma di croce e portale con archivolto in pietra. Il pronao risulta invece un'aggiunta del XVII secolo. Vi si possono ammirare affreschi molto antichi.

La Chiesa di Santa Maria della Valle[modifica | modifica wikitesto]

Santa Maria della Valle

Piccolo gioiello architettonico, probabilmente il più antico del paese è la Chiesa di Santa Maria della Valle, costruita secondo alcuni storici intorno al 1100 su un antico tempio dedicato a Minerva. La costruzione è in ciottoli disposti a spina di pesce e blocchi squadrati in pietra. Ha subito nel tempo diverse ristrutturazioni, è dotato di aula unica semicircolare con una volta a botte e nell'attuale sottotetto è ancora visibile parte di un precedente affresco. Conserva attualmente dei pregevoli affreschi del XVI secolo: Cristo nella mandorla, Simboli degli Evangelisti e una pletora di santi con cartiglio.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune al giorno d'oggi non è più un paese a prevalente attività agricola. Essendo un territorio poco distante da Milano, circa 50 km, dispone di un ottimo patrimonio boschivo. Grazie a tale caratteristica, nel territorio del comune si trova il Parco faunistico "La Torbiera", composto da un'area aperta al pubblico e da una zona protetta per la salvaguardia della fauna selvatica. Il parco copre un'area di 40 ettari di torbiera. Al Golf Club di Agrate Conturbia si svolse un'importante edizione dei campionati mondiali di golf[senza fonte].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Agrate Conturbia è il paese da cui proviene la famiglia del campione di calcio Michel Platini, attuale presidente dell'UEFA

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 luglio 1985 25 maggio 1990 Rosa Barberis - Sindaco [4]
25 maggio 1990 24 aprile 1995 Rosa Barberis Democrazia Cristiana Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Rosa Barberis - Sindaco [4]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Rosa Barberis - Sindaco [4]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Remo Romolo Julita lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Angelo Gatti lista civica Sindaco [4]
25 maggio 2014 in carica Simone Tosi lista civica: il campanile Sindaco [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2016
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Piemonte paese per paese - Ed. Bonechi - 1993

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN301681240