Paruzzaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paruzzaro
comune
Paruzzaro – Stemma
Paruzzaro – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Novara-Stemma.svg Novara
Amministrazione
SindacoMauro Julita (lista civica Insieme per Paruzzaro) dal 26-5-2019 (3º mandato)
Territorio
Coordinate45°44′N 8°31′E / 45.733333°N 8.516667°E45.733333; 8.516667 (Paruzzaro)Coordinate: 45°44′N 8°31′E / 45.733333°N 8.516667°E45.733333; 8.516667 (Paruzzaro)
Altitudine334 m s.l.m.
Superficie5,23 km²
Abitanti2 132[1] (31-12-2020)
Densità407,65 ab./km²
Comuni confinantiArona, Gattico-Veruno, Invorio, Oleggio Castello
Altre informazioni
Cod. postale28040
Prefisso0322
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT003114
Cod. catastaleG349
TargaNO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 739 GG[3]
Nome abitantiparuzzaresi
Patronosan Siro
Giorno festivo9 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Paruzzaro
Paruzzaro
Paruzzaro – Mappa
Posizione di Paruzzaro nel territorio della provincia di Novara
Sito istituzionale

Paruzzaro (Parscé in piemontese e Parscee in lombardo) è un comune italiano di 2 132 abitanti della provincia di Novara in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Paruzzaro è un comune collinare del Piemonte orientale che si trova a circa 334 m s.l.m. al confine con Invorio - comune considerato "Porta" del Vergante - e il vicino basso Novarese[4][5].

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

L'etimologia del toponimo è assai discussa. Alcuni studiosi accostano Paruzzaro a “paluciarius”, cioè "palizzata" con riferimento a una probabile origine palafitticola. Altri, invece, rimandano alla voce piemontese “parussina”, nel significato di ‘cinciallegra', dando al toponimo il valore di "luogo ricco di cinciallegre"[5].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Dei primi abitanti di quest'area non sono state recuperate tracce certe, anche se alcuni ritrovamenti evidenziano la presenza preromana e romana[4]. Paruzzaro viene citato per la prima volta in un documento del 1034 d.C.[5], dove viene definito "loco Olegio qui dicitur Paruciaro". Invece, in altri documenti, ha più volte assunto l'appellativo di "longobardorum", vista la stretta relazione coi Longobardi[4]. In seguito, una volta passato dai Longobardi ai Franchi, Paruzzaro rientra nel "Comitato di Pombia"[4][5].

Il periodo Visconteo[modifica | modifica wikitesto]

Nel Medioevo passò dalla famiglia Da Castello, prima, e ai Conti di Biandrate, poi[5].

Dalla fine del 1200 fino al 1700, Parruzzaro diventa - insieme a Invorio Maggiore e Superiore, Oleggio Castello, Montrigiasco e Massino Visconti - isola Viscontea e realtà inserita del feudo d'Invorio Maggiore e nella Corte di Massino Visconti[4][5].

I tempi più recenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1928 a Paruzzaro sono stati aggregati, come frazioni, gli abitati di Montrigiasco e Oleggio Castello. Tuttavia, nel 1948, Oleggio Castello torna ad essere comune autonomo; mentre Montrigiasco nel 1960[4]. A differenza del passato, oggi l'agricoltura è praticata da pochi. Numerose, invece, sono le aziende operanti nei comparti alimentare, chimico, tessile, delle confezioni, delle calzature, del legno, della carta, della lavorazione di articoli in gomma e in plastica[4][5]. A Paruzzaro in comune con Oleggio Castello fino al 2007 c'era la sede della Mattel giocattoli filiale italiana.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di San Siro
  • Chiesa di San Marcello, chiesa romanica contenente un importante ciclo di affreschi del XV e XVI secolo
  • Le due porte (XIII secolo) di Borgo Agnello, borgo franco che non riuscì ad attrarre abitanti: sorgono a Nord e a Sud della strada Borgomanero-Arona.
  • Parchetto

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Paruzzaro comprende le frazioni di Borgo Agnello, già parte del comune di Gattico fino al 1878[7], San Grato e Sant'Eufemia. Durante il fascismo gli erano stati aggregati due comuni, ovvero Oleggio Castello, che ne fu frazione dal 1928[8] al 1948, anno in cui riacquistò l'autonomia[9], e Montrigiasco, dal 1960 frazione di Arona[10].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º luglio 1985 1º giugno 1990 Gianni Simonotti - Sindaco [11]
1º giugno 1990 24 aprile 1995 Gianni Simonotti Partito Socialista Italiano Sindaco [11]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Mauro Julita centro Sindaco [11]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Mauro Julita - Sindaco [11]
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Ettore Tettoni centro Sindaco [11]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Mauro Julita lista civica Sindaco [11]
26 maggio 2014 in carica Mauro Julita lista civica: insieme per Paruzzaro Sindaco [11]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale è presente l'azienda OMS Group, tra i maggiori produttori al mondo di macchine per l'imballaggio di fine linea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b c d e f g Guida turistica - Un po' di storia, su comune.paruzzaro.no.it.
  5. ^ a b c d e f g PARUZZARO (NO), su italiapedia.it.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Dati del Provvedimento di Variazione, su elesh.it.
  8. ^ Dati del Provvedimento di Variazione, su elesh.it.
  9. ^ Dati del Provvedimento di Variazione, su elesh.it.
  10. ^ Dati del Provvedimento di Variazione, su elesh.it.
  11. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN247398499
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte