Garbagna Novarese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Garbagna Novarese
comune
Garbagna Novarese – Stemma Garbagna Novarese – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Garbagna Novarese – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Novara-Stemma.svg Novara
Amministrazione
SindacoFabiano Trevisan (lista civica) dal 20-9-2020
Data di istituzione18-3-1861
Territorio
Coordinate45°24′N 8°40′E / 45.4°N 8.666667°E45.4; 8.666667 (Garbagna Novarese)
Altitudine132 m s.l.m.
Superficie10,09 km²
Abitanti1 400[2] (31-12-2021)
Densità138,75 ab./km²
Comuni confinantiNibbiola, Novara, Sozzago, Terdobbiate, Trecate
Altre informazioni
Cod. postale28070
Prefisso0321
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT003069
Cod. catastaleD911
TargaNO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[3]
Cl. climaticazona E, 2 428 GG[4]
Nome abitantigarbagnesi (popolare: fasulòn[1])
Patronosan Michele
Giorno festivo8 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Garbagna Novarese
Garbagna Novarese
Garbagna Novarese – Mappa
Posizione di Garbagna Novarese nel territorio della provincia di Novara
Sito istituzionale

Garbagna Novarese (Garbagna ('d Noara) in piemontese, Garbagna in lombardo) è un comune italiano di 1 400 abitanti della provincia di Novara in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Una delle interruzioni del Terrazzo Novara-Vespolate: la valle del Ri

Il terreno è costituito da depositi alluvionali ghiaiosi e ghiaioso-sabbiosi, in associazione a materiale limoso e argilloso[5]. Il territorio ha una morfologia mista.

La sezione settentrionale-occidentale fa parte di un terrazzo alluvionale fluvioglaciale ghiaioso, il Terrazzo Novara-Vespolate. È tendenzialmente pianeggiante, principalmente a seguito degli interventi umani che hanno spianato il terreno a fini agricoli, e degrada dolcemente verso sud. Le uniche interruzioni corrispondono agli alvei degli antichi scaricatori glaciali, oggi identificabili con i percorsi dei torrenti Arbogna e . I lembi del terrazzo risultano contigui nel comune di Garbagna, mentre sono ancora collegati nel territorio comunale di Novara, che ne costituisce il limite settentrionale. Alcuni lembi isolati si rilevano in corrispondenza del centro abitato, ma il dislivello rispetto alla pianura circostante è stato pressoché annullato dagli interventi di urbanizzazione.

La restante parte del territorio è pianeggiante.[6]

Risorse idriche[modifica | modifica wikitesto]

Corsi d'acqua principali[modifica | modifica wikitesto]

Nella parte occidentale del comune scorrono il torrente Arbogna, il Cavo della Mensa Vescovile di Novara e il torrente , oltre diversi corsi d'acqua minori.[7]

L'Arbogna a sud di Novara

Il torrente Arbogna ha origine in Novara e raccoglie le acque piovane e di scarico delle aree urbane della parte meridionale del comunale di Novara, convogliando in aggiunta le acque agricole di colatura e il flusso dei fontanili. Ha un marcato carattere torrentizio, con portate estremamente variabili: le piene possono essere improvvise, in quanto legate alle precipitazioni. Il torrente raggiunge il territorio comunale da nord-ovest, scorrendo tra i lembi del Terrazzo Novara-Vespolate. Il corso è tendenzialmente rettilineo. Nel tratto a monte della Strada della Brusatina l'andamento è nord-ovest/sud-est, mentre a valle vira in direzione nord-sud. È contenuto solo marginalmente da argini in terra, ad esclusione dell'ultimo tratto in corrispondenza del depuratore, dove l'arginatura è più consistente.[7]

Nella zona di "vallata" dell'Arbogna scorre anche il Cavo della Mensa Vescovile, derivato dal torrente Arbogna ancora nel territorio comunale di Novara, poco a monte del confine con Garbagna. Il torrente Arbogna, poco a valle di Cascina Mariina, sottopassa il Cavo della Mensa tramite un sifone, dopodiché i due corsi d'acqua scorrono paralleli e accostati fino a Cascina Brusatina. Il Cavo della Mensa Vescovile raggiunge infine Garbagna, sottopassa la SS 211 ed è tombinato in alcuni tratti in corrispondenza delle aree urbane. Dalle evidenze morfologiche, è probabile si tratti di un antico percorso dell'Arbogna stesso, successivamente abbandonato.[7]

Il sul confine tra Novara e Garbagna

L'altro corso d'acqua del territorio occidentale è il torrente , che ha origine nella parte meridionale del comune di Novara. È utilizzato principalmente per l'irrigazione e come convettore delle acque piovane. Anche il rappresenterebbe un'antica linea di drenaggio, che con l'alternarsi di attività erosiva ed alluvionale ha plasmato l'aspetto del territorio.[7]

Al limite orientale del comune scorre il Rio Senella, ramo del torrente Terdoppio lomellino che ha origine poco a monte nel territorio di Sozzago. Il Terdoppio originariamente si sviluppava dalle alture moreniche di Divignano - Bogogno sino allo sbocco nell'Agogna. Una traversa costruita presso Cerano verso l'anno 1000, per alimentare le attività agricole ed artigianali presenti nella cittadina, portò nel tempo alla deviazione del corso. La zona dell'alveo originario presenta ad oggi numerose risorgive, quasi a sottolinearne l'antico tracciato. Tali risorgive convogliano in due rami principali, il Rio Senella ed il Rio Refreddo, che poco a valle (nei pressi di Cassolnovo, frazione Villanova) ricostituiscono il torrente Terdoppio, che prende il nome di Terdoppio lomellino.[7]

Il canale Quintino Sella a Garbagna

Nella parte orientale del comune transita infine un'importante arteria dell'irrigazione: il canale Quintino Sella. Realizzato nel 1870, ha origine dal Canale Cavour a nord di Novara e convoglia le acque verso sud ed est, fornendole ai comuni di Garbagna, Terdobbiate e Tornaco. All'altezza di Cilavegna si biforca poi in due subdiramatori. Con una portata stimata di circa 12 mc/s, in zona rappresenta l'arteria principale per l'irrigazione, distribuendo l'acqua ai canali e collettori di ordine inferiore.[7]

Corsi d'acqua secondari[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio è percorso da una fitta rete di cavetti e fossi, generalmente artificiali, che consentono la pratica di irrigazione agricola per sommersione. Soprattutto la parte orientale del comune ne è caratterizzata, distinguendosi marcatamente, da un punto di vista idrografico, dalla parte occidentale. Il sopra menzionato Canale Quintino Sella e i numerosi fontanili alimentano la gran parte di questa rete di canali e fossi artificiali.[7]

Tra i canali artificiali di una certa rilevanza occorre menzionare il Cavo dell'Ospedale, del quale è presente un vecchio alveo abbandonato da tempo. Scorre nel tratto a valle della ferrovia, parallelamente alla strada per Terdobbiate, poi parallelamente alla SS 211 sino al sovrappasso con il torrente Arbogna, a valle del quale l'alveo è stato eliminato.[7]

Un altro canale irriguo è il Cavo del Comune di Vespolate, nel settore orientale dell'abitato. Sottopassa la strada per Terdobbiate poco a ovest della stazione ferroviaria e scorre in direzione di Nibbiola, proseguendo successivamente a lato della SS 211 e piegando verso est lungo il confine meridionale del comune.[7]

Tra i canali sfruttati per l'irrigazione si ricordano ancora la Roggia Molinara ed il Cavo di Moncucco.[7]

Fontanili[modifica | modifica wikitesto]

Fontana Roggiola, testata orientale

La parte orientale del comune presenta numerosi fontanili (o risorgive), una peculiarità della pianura novarese. Nel territorio di Garbagna il fenomeno è originato da tagli artificiali del suolo, profondi a tal punto da raggiungere la falda freatica sottostante (prossima comunque al piano livello del suolo) e al suo successivo convogliamento in canali opportunamente predisposti. L'osservazione dei fontanili ha consentito di stimare la profondità della falda a 2-2,5 metri.[7]

Procedendo da ovest verso est i fontanili sono[7]:

  • fontanino del Borghetto: si origina poco a nord dell'abitato, è caratterizzata da una testata unica e dalla tipica forma "a goccia"; è tombinata per quasi tutto il corso, lungo via Colombo, da via IV Novembre alla strada per Terdobbiate, ad esclusione del primo tratto; la tombinatura si è resa necessaria per rendere la zona edificabile;
  • fontana dell'Ospedale;
  • fontana Roggiola: si origina poco a ovest del Canale Quintino Sella ed è a due testate;
  • fontana Gambalotta;
  • fontana San Martino.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

È nominata per la prima volta in diversi documenti risalenti tra l'anno 840 e l'anno 1150, come Carpania. Per i fenomeni linguistici della lenizione[8] e dell'anafonesi di primo tipo[9], dal 1150 iniziano ad essere utilizzate anche le denominazioni Garbania e Garbagna, mentre dal 1367 solamente quest'ultima rimane[10][11]. Il 31 maggio 1863 cambia ufficialmente denominazione da Garbagna a Garbagna Novarese[12], per distinguerla dalla corregionale Garbagna d'Alessandria. Curiosamente, in alcuni documenti ufficiali è ripetutamente chiamata Garbagno[13][14].

Riguardo all'origine del nome, si ritiene che Carpania significhi bosco di càrpani (o càrpini), piante della famiglia delle betulle che prediligono i terreni asciutti: nella moltitudine di boschi della zona alla fine del primo millennio, quel bosco doveva avere una posizione estremamente interessante, al punto di meritare una denominazione specifica[10].

Pur non riferendosi direttamente al paese di Garbagna, un'origine alternativa è proposta da alcuni studi linguistici, che hanno evidenziato come la radice indoeuropea *(s)kerb(h)- ("intrecciare") abbia generato molte parole delle lingue europee attuali. In particolare, passando per la base preromana *garb-, si è ottenuta la parola francoprovenzale garbagna ("cesta")[15][16].

Altre interpretazioni lo vogliono derivante dal basso latino garbus ("cespuglio"), col significato quindi di "luogo selvaggio e boschivo"[17].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cartolina d'epoca, con vista del paese dalla torre

La storia di Garbagna segue di pari passo la storia della vicina Novara.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia di Garbagna Novarese.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Come riportato dallo statuto comunale[18]:

  • stemma: d'argento al leone rampante di rosso. Ornamenti esteriori da Comune.
  • gonfalone: drappo d'azzurro riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma sopradescritto con l'iscrizione centrata in argento: "Comune di Garbagna Novarese". L'asta verticale sarà ricoperta di velluto azzurro con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune sul gambo inciso il nome. Cravatta e tricolori dai colori nazionali frangiati d'argento.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Monumento agli Alpini e ai caduti, sulla via principale

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti documentati prima dell'unità d'Italia:

Anno Abitanti Note
1600 350 [27]
Anno Abitanti Note
1700 400 [27]
1723 431 [27]
1764 446 [28]
1779 508 [27]
1780 525 [27]
1781 520 [27]
1790 480 [27]
1792 538 [27]
1793 540 [27]
Anno Abitanti Note
1805 553 [29]
1822 608 [30]
1837 690 [31]
1839 660 [27]
1841 674 [27]
1849 690 [27]
1854 762 [32]

Abitanti censiti[33]

Il comune di Garbagna Novarese ha visto negli ultimi anni la più consistente espansione demografica relativa di tutto il Piemonte, ritornando ai livelli di un secolo fa; la popolazione è infatti passata da 964 abitanti del 2001 ai 1326 del 2009. In particolare tra il 2007 ed il 2008 si evidenzia una crescita di 176 abitanti, corrispondente a +15,6%.[34] Questo ha comportato anche un notevole sviluppo edilizio con la costruzione di numerose abitazioni, sorte principalmente nella zona est dell'abitato.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Al secondo piano del municipio è presente la biblioteca civica[35], e al piano rialzato, accedendo dall'entrata a nord, si trova la scuola primaria pubblica[36].

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Le cascine[modifica | modifica wikitesto]

Come tutta la Bassa Novarese, anche il territorio di Garbagna è disseminato di cascine[37], centri nevralgici di tutta l'attività rurale[38].

Le cascine non inglobate nel centro abitato sono state considerate nel tempo vere e proprie frazioni del comune[39][40][41][42][43] e sono ad oggi riportate come agglomerati dallo statuto comunale: Marijna, Belvedere, Brusattina, Moncucco, Buzzoletto Nuovo, Buzzoletto Vecchio, Cascinetta[44]. L'unica cascina inglobata nel centro abitato è il Borghetto[45].

Brusattina[modifica | modifica wikitesto]

Cascina Brusattina
Pianta della cascina Brusattina (aprile 2003)

Il complesso si articola attorno ad un cortile.

Il corpo a nord-ovest è da sempre adibito a fienile, mentre la parte nord-orientale è adibita ad uso civile ed è disposta su tre piani. L'edificio è stato sopraelevato di un piano negli anni '40 del Novecento. Il corpo a sud, anch'esso a tre piani, è adibito ad uso civile solo al piano terra. Ad ovest è situato un piccolo edificio adibito a stalla. Altri due edifici prefabbricati per il ricovero degli attrezzi e del materiale agricolo sono ad est e all'esterno della corte principale, costruiti di recente.

L'edificio è attualmente utilizzato per fini residenziali ed agricoli. Lo stato della struttura è discreto per gli edifici residenziali, mentre le restanti parti sono decisamente peggio conservate[46].

Una grafia alternativa del nome è Brusatina[40].

È una delle tappe dell'itinerario Cascina Baraggiolo, parte del tema Vie Verdi del Riso[47].

Buzzoletto Vecchio[modifica | modifica wikitesto]

Cascina Buzzoletto Vecchio
Pianta della cascina Buzzoletto Vecchio (aprile 2003)

La cascina si raggiunge percorrendo la strada che collega Olengo a Terdobbiate.

La struttura è composta da diversi edifici di epoche differenti e le sue origini sono sicuramente antiche. A riprova di questa tesi, è presente all'interno dell'oratorio di Santa Maria un affresco raffigurante la Madonna in trono con Bambino e committente presentato da San Francesco. Un'iscrizione in latino inserita in una pergamena cita che Bernardino, figlio del fu Zaneto dei Rognoni di Taleggio, abitante a Buzzoleto, fece fare quest'opera ad onore della Vergine Maria e di San Francesco. E Tommaso Cagnoli abitante a Novara la dipinse. L'affresco è datato: 27 aprile 1481.

Nel XVII secolo era un comune autonomo, facente capo a Vespolate. Attorno al 1723, con la riorganizzazione amministrativa conseguente il catasto teresiano, la comunità della vicina cascina Calzavacca non fu ritenuta sufficiente a mantenere lo status di comune e fu aggregata a Buzzoletto Vecchio[48]. Nel XVIII secolo divenne frazione di Garbagna[49]. Nel 1767 e nel 1778 è riportato appartenere alla famiglia Caroelli[50]. Intorno alla metà del XIX secolo Buzzoletto con Calzavacca (la cascina adiacente, aggregata alla prima nel 1775[49]) contavano ben 220 residenti, ora circa una decina. Il complesso venne suddiviso in due parti da un muro intorno agli anni '30 del Novecento, intaccando anche la facciata dell'oratorio della Presentazione di Maria Vergine al Tempio, al cui interno sono conservati i due stemmi degli antichi proprietari: Cacciapiatti e Tornielli. Nel 1971 gli abitanti ammontavano a 40[51].

Parte degli edifici residenziali è ad oggi disabitata e alcune stalle non sono più utilizzate. Sono presenti inoltre diversi casseri per il ricovero dei macchinari agricoli e alcuni silos, di cui uno antico.[52]

Grafie alternative del nome sono Buzzoleto, Bussoletto e Bussoleto[53][54][55].

Cascinetta[modifica | modifica wikitesto]

Cascina Cascinetta
Pianta della cascina Cascinetta (aprile 2003)

Si ritiene che la cascina sia stata edificata nel XV secolo, la sua esistenza è comunque confermata dal catasto teresiano (1723-1726). Il fabbricato attuale presenta strutture risalenti ai secoli XVIII, XIX e XX[46].

È una cascina con corte cintata e gli edifici sono separati gli uni dagli altri[46].

A sud si trovano i locali per le mondine, realizzati negli anni '30, e un gruppo di edifici comprendenti mulino e depositi. A est si trova una piccola stalla con rimessa, di fronte alla quale è l'edificio che ospitava i lavoranti, su due piani e con i balconi ancora in legno, in stato ormai di avanzato degrado. Nelle vicinanze è la porcilaia con il pollaio. A nord della corte vi è ora solo un pozzo con abbeveratoio, poiché nel recente passato alcune costruzioni sono state abbattute[46].

L'edificio è attualmente utilizzato per fini residenziali ed agricoli. La struttura risulta nel complesso in buono stato[46].

Una grafia alternativa del nome è Cassinetta[56].

Marijna[modifica | modifica wikitesto]

Cascina Marijna
Pianta della cascina Marijna (aprile 2003)

Un primo accenno alla tenuta è contenuto nel catasto di Carlo V, nel documento relativo ai beni ecclesiastici datato 1588: un terreno di Olengo, appartenente alla chiesa di San Pietro di Novara, risultava amministrato da un non meglio specificato prete della Marijna[57]. In una grida dell'11 gennaio 1696, al tempo della dominazione spagnola del Ducato di Milano, la tenuta è esplicitamente dichiarata esser parte del Territorio di Garbagna e confermata appartenere a Donna Clara Conti Caxa ed al figlio Marchese Don Sebastiano Caxa[58]. In un editto di Carlo Emanuele III di Savoia datato 11 marzo 1739 risulta appartenere al marchese Giuseppe Caccia[59]. Si ipotizza che l'edificio sia stato costruito nel XVIII secolo, stando ad un'iscrizione presente nella parte più antica, riportante la data 1779. Al 1783 risale l'oratorio dedicato a San Giacomo Minore Apostolo e San Carlo, che Ernesto Colli descrive in buona forma e ben provvisto di suppellettili[60].

Il blocco principale si sviluppa attorno ad un cortile rettangolare. Il corpo ad est, di due piani, è adibito ad uso civile ed è affiancato da un oratorio. I corpi ad ovest e a sud sono fungono da magazzino, ma risultano ad ora poco utilizzati. Il corpo a nord è parzialmente utilizzato come cantina e contiene un vecchio mulino in legno. Sempre a nord, ma esternamente, una grande tettoia con copertura in coppi funge da ricovero per attrezzi e macchinari agricoli.

Un altro edificio posto di fronte all'edificio residenziale è adibito a magazzino.

Gli edifici più antichi risultano trascurati, mentre gli edifici residenziali sono in discreto stato. L'oratorio interno invece risulta curato ed in buone condizioni[46].

Diverse grafie del nome sono Mariina[60] e Marina[59].

È una delle tappe dell'itinerario Cascina Baraggiolo, parte del tema Vie Verdi del Riso[47].

Moncucco[modifica | modifica wikitesto]

Cascina Moncucco
Pianta della cascina Moncucco (aprile 2003)

Durante la dominazione milanese, il 15 aprile 1483 Moncucco fu venduto ed infeudato da Gian Galeazzo Sforza al suo segretario Luigi Terzago[61]. Dal contratto di vendita si evince che sin da allora Moncucco era tra le ville forzate a pagare un dazio sul pane, sulle carni, sul vino e sul foraggio. Nel 1592, alla morte del proprietario Amico Canobio, la tenuta aveva un'estensione di 700 pertiche, devolute da disposizione testamentaria al Monte di Pietà di Novara, fondato dallo stesso Canobio[28]. Nel XVII secolo era un comune autonomo[49], che il 23 febbraio 1691 Pietro Antonio Manzoni, bisnonno di Alessandro, acquistò come feudo (creato in quell'occasione), assicurando il titolo nobiliare alla propria famiglia[62]. Attorno al 1723, con la riorganizzazione amministrativa conseguente il catasto teresiano, la sua comunità non fu ritenuta sufficiente a mantenere lo status di comune (al pari di altre 18 comunità del Basso Novarese) e divenne frazione di Garbagna[49][48]. Nel 1753 il feudo passò al figlio Alessandro Valeriano e nel 1773 al secondogenito di quest'ultimo, Pietro (padre presunto del celebre Alessandro)[63]. Nel 1800 la tenuta aveva più che raddoppiato l'estensione lasciata dal Canobio, raggiungendo le 1534 pertiche e sappiamo che a quel tempo il diritto di sfruttamento era assegnato mediante incanto; nello specifico, nel 1833 assegnataria era la nobildonna Francesca Morbio (vedova Bollini ed ultima rappresentante del ramo primogenito della famiglia Morbio[64]), che possedeva alcune proprietà confinanti e a sua volta appaltò edifici e terreni di Moncucco mediante una procedura di subasta, ufficializzata con pubblicazione sulla Gazzetta Piemontese[65][66]. La pubblicazione del suddetto incanto non ne specificò la durata, tuttavia il dettaglio è reperibile nelle pubblicazioni di incanti successivi: dodici anni nel 1888 e nove nel 1936[67][68]. Grazie all'amministrazione del Monte di Pietà, in seguito furono aggregate altre terre, incluse cascine di Olengo e della Bicocca, giungendo nel 1870 alle 3200 pertiche riscontrate dal Lino Cassani ancora nel 1948[28][69]. Nella prima metà del Novecento Moncucco fu affittato ai Brustia, rinomata famiglia di agricoltori novaresi, la cui gestione portò a notevoli progressi riconosciuti dalla vittoria di diversi premi. Verso la metà del Novecento la gestione passò alla famiglia Tosi[70][71].

Relativamente agli abitanti, sappiamo che nel 1764 ammontavano ad 83[72], nel 1822 a 60[30] e nel 1971 a 46[51].

Il complesso si articola attorno a due cortili su cui si affacciano sia gli edifici residenziali che quelli ad uso agricolo. Il cortile principale è delimitato a nord da un fabbricato adibito al ricovero di materiale agricolo, ad est e a sud da due edifici ad uso magazzino/fienile. Un altro cortile, più piccolo, dove si ritiene esservi stata in passato l'antica entrata alla villa, è posto ad ovest rispetto a quello principale. È delimitato ad ovest dalla vecchia abitazione a tre piani, a nord da un edificio a due ordini avente al secondo un loggiato e ad est dall'attuale abitazione.

Lo stato delle strutture residenziali ed agricole risulta in discreta, mentre la parte più antica dell'edificio stata abbandonata, sebbene risulti sufficientemente curata[46].

Si ha testimonianza della presenza in passato di un oratorio dedicato a Santa Maria della Vittoria, non più usato almeno dal 1794 ed ora distrutto[60].

Grafie alternative del nome sono Moncuco e Montecucco[73][74].

Borghetto[modifica | modifica wikitesto]

Cascina Borghetto

È situata sulla strada che dal paese porta alla fermata ferroviaria[45]. Fu parte di una tenuta di oltre mille pertiche (quasi 70 ettari), appartenuta un tempo all'Ospedale Maggiore di Novara, che dovette vendere in seguito alle guerre napoleoniche.

Nel XIX secolo vi era affittuaria la famiglia Cassani e Lino Cassani, coautore della monografia su Garbagna, vi trascorse l'infanzia[75]. Il Cassani racconta che durante la sua dimora erano ancora visibili pregevoli dipinti settecenteschi, di probabile scuola valsesiana, vicino ad una finestra rivolta alla chiesa parrocchiale[76].

Negli anni '70 la proprietaria Carmen Magni, figlia del podestà del paese Francesco Magni, donò al comune parte della tenuta per la costruzione di un centro sportivo: un'area di 13000 m2 su cui sorse il Centro sportivo Mario Costadone all'inizio degli anni '80[77].

Ad oggi (2021) il corpo principale della cascina antica è andato distrutto[78], rimane solo una parte diroccata e abbandonata, la cui stalla presenta colonne considerate di rilevante valore storico[38]. Più volte si è cercato di avviare programmi di recupero, programmi che sono stati proposti anche durante le campagne elettorali per le elezioni comunali[79][80].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune e il paese sono attraversati longitudinalmente dalla strada provinciale 211 della Lomellina (SP 211), che conduce a Novara verso nord e a Mortara in direzione sud[81]. Le restanti strade sono la provinciale 76 per Terdobbiate e la provinciale 98 che collega Garbagna a Olengo e Terdobbiate[82].

Ad est dell'abitato è posta la stazione ferroviaria, connessa alla linea Novara-Alessandria[83].

Sulla via principale del paese, di fronte al municipio, è disponibile la fermata dell'autolinea Novara-Cilavegna[81].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo del municipio

I periodi delle amministrazioni precedenti il 1932 non sono riportati in modo sistematico dalle fonti consultate, segue la lista degli anni per cui il dato è disponibile.

Anni Primo cittadino Carica Note
1780 Giovanni Paolino Sindaco [84]
1797 Pietro Cerina Sindaco [85]
1799 Antonio Maria Bandi Presidente del corpo municipale [84]
1831, 1832 Pietro Cerina Sindaco [86][87]
1834, 1835, 1838 Gaetano Robecco Sindaco [88][84][89]
1837, 1840 Cesare Morbio Sindaco [84][90]
1841, 1842, 1844, 1845 Enea Silvio Moretti Sindaco [91][92][93][94]
1846, 1847 Gioachino Montalenti Sindaco [95][96]
1851, 1853, 1854, 1857, 1858 Carlo Cappa Sindaco [97][98][84][99][100]
1862, 1863 Giovanni Battista Robecchi Sindaco [101][102]
1865, 1866, 1869, 1870 Bartolomeo Manzini Sindaco [103][104][105][106]
1879, 1886, 1889 Costantino Bevilacqua Sindaco [107][108][109]
1896, 1899, 1907, 1910, 1916, 1919 Carlo Geri Sindaco [110][111][112][113][114][115]
1930 Carlo Geri Podestà [116]

Dal 1932 in avanti, invece, la successione delle amministrazioni è molto più precisa.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
- 1932 o 1933 Carlo Geri Partito Nazionale Fascista Podestà [117][118]
1932 o 1933 1937 Carlo Angelo Allevi Partito Nazionale Fascista Podestà [117]
1937 1943 (almeno) Francesco Magni Partito Nazionale Fascista Podestà [119][120]
1945 1948 Felice Pavesi Sindaco [121]
1948 1964 Emilio Tencaioli Partito Socialista Italiano Sindaco [122][123]
1964 1970 Gaudenzio Giarda Sindaco [124]
1970 1981 Mario Costadone Democrazia Cristiana Sindaco [125][126]
1981 1987 Giacomo Manzini Democrazia Cristiana Sindaco [127][128][129]
26 marzo 1987 22 giugno 1990 Giuseppino Boeri Democrazia Cristiana Sindaco [130]
22 giugno 1990 19 aprile 1993 Giuseppino Boeri Democrazia Cristiana Sindaco [130]
17 maggio 1993 24 aprile 1995 Giampiero Fornara Democrazia Cristiana Sindaco [130]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Giampiero Fornara Partito Popolare Italiano Sindaco [130]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Giampiero Fornara Partito Popolare Italiano Sindaco [130]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Davide Milanesi lista civica Sindaco [130]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Davide Milanesi lista civica Sindaco [130]
26 maggio 2014 22 maggio 2019 Matteo Manzini lista civica: Obiettivo Garbagna Sindaco [130]
22 maggio 2019 20 settembre 2020 Antonella Azzarello Commissario prefettizio [131][132]
20 settembre 2020 in carica Fabiano Trevisan lista civica: Progetto Garbagna Sindaco [130]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Il Centro sportivo Mario Costadone è stato costruito agli inizi degli anni '80, intitolato alla memoria del sindaco Mario Costadone, che in prima persona avviò l'opera[133].

Il centro è dotato di:

  • campi da tennis illuminati, con relativi spogliatoi e servizi;
  • area verde con panchine e giochi per bambini (tra cui una teleferica, dal 2015[134]);
  • campo da calcio a 11 illuminato, con relativi spogliatoi;
  • campetto esterno di pubblico utilizzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Colli, Vespolate - Folklore della Bassa novarese, pp. 75-76.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2021 (dato provvisorio).
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ Alberto Ventura, Jacopo Ventura e Sara Mussetta, Valutazione Ambientale Strategica (VAS) - Piano paesistico del terrazzo "Novara Vespolate" - Rapporto ambientale (PDF), su Provincia di Novara - Ufficio urbanistica e piano territoriale, 20 aprile 2009. URL consultato il 14 agosto 2021.
  6. ^ a b Ferrari, Geologia e geomorfologia, p. 5.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l Ferrari, Idrologia, pp. 9-13.
  8. ^ Romano Antonio, Capitolo VI - Fenomeni fonetici e processi evolutivi più comuni (PDF), in Inventarî sonori delle lingue: elementi descrittivi di sistemi e processi di variazione segmentali e sovrasegmentali, Alessandria, Dell'Orso, 2008, pp. 101, ISBN 978-88-6274-062-3. URL consultato il 21 luglio 2021. Ospitato su Laboratorio di Fonetica Sperimentale 'Arturo Genre' dell'Università di Torino.
  9. ^ Anafonesi nell'Enciclopedia Treccani, su Enciclopedia Treccani. URL consultato il 14 agosto 2021.
  10. ^ a b Cassani e Colli, Capitolo II - Il suo nome, pp. 15-17.
  11. ^ Hagen Keller, Origine sociale e formazione del clero cattedrale dei secoli XI e XII nella Germania e nell'Italia settentrionale (PDF), Le istituzioni ecclesiastiche della "Societas Christiana" dei secoli XI-XII. Diocesi, pievi e parrocchie. Atti della sesta Settimana internazionale di studio., Milano, Vita e pensiero, 1-7 settembre 1974, pp. 164,169. URL consultato il 27 luglio 2021.
  12. ^ REGIO DECRETO 8 aprile 1863, n. 1234, su Normattiva. URL consultato l'11 agosto 2021.
  13. ^ Ministero dell'Interno, Bullettino sanitario del Regno d'Italia - Aprile 1884 - Malattie epidemiche o dominanti, in Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, Supplemento al numero 156, Roma, 1º luglio 1884, p. 2. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  14. ^ Ministero dell'Interno, Bullettino sanitario del Regno d'Italia - Giugno 1884 - Malattie epidemiche o dominanti, in Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, Supplemento al numero 237, Roma, 26 settembre 1884, p. 2. URL consultato il 1º ottobre 2021.
  15. ^ (ES) Julián Santano Moreno, Descendientes de ie *(s)kerb(h)- "torcer" y *kar- "duro" en las lenguas romances y el vasco (PDF), in Nouvelle Revue d'Onomastique, n. 41-42, Société Française d'Onomastique, 2003, pp. 5-6. URL consultato il 14 agosto 2021.
  16. ^ (FR) garbagna: Patois de Brusson - Traduction et exemples, su Patois VdA - Le site du Francoprovençal en Vallée d'Aoste. URL consultato il 14 agosto 2021.
  17. ^ Giuliano Gasca Queirazza, Dizionario di toponomastica: storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, ISBN 9788802072289.
  18. ^ Titolo II - Caratteristiche costitutive - Art. 6 Stemma - Gonfalone - Fascia tricolore - Distintivo del sindaco (DOC), in Statuto comunale, approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 27/04/2004. URL consultato il 12 settembre 2021. Ospitato su Comune di Garbagna Novarese.
  19. ^ a b Colli, Garbagna Novarese, p. 19.
  20. ^ Chiesa Parrocchiale di San Michele Arcangelo, su comune.garbagna.no.it. URL consultato il 10 dicembre 2020.
  21. ^ Le chiese di Garbagna, su novartestoria.wordpress.com. URL consultato il 10 dicembre 2020.
  22. ^ Cassani e Colli, La chiesa parrocchiale attraverso i secoli, pp. 93-94.
  23. ^ Cassani e Colli, La chiesa parrocchiale attraverso i secoli, p. 96.
  24. ^ Chi siamo, su Gruppo Alpini di Garbagna Novarese. URL consultato il 21 settembre 2021.
  25. ^ Franca Franzosi, L'oratorio di Santa Maria de Agris a Garbagna Novarese, in Gian Piero Colombo (a cura di), Segni e tracce di architettura romanica nel Novarese. Rilievi e immagini, I segni, Novara, Interlinea, 2001, p. 177, ISBN 8882123197. URL consultato il 3 agosto 2021.
  26. ^ Cassani e Colli, Capitolo XIII - I conti Caroelli, p. 82.
  27. ^ a b c d e f g h i j k l Cassani e Colli, La popolazione in cifre, p. 138.
  28. ^ a b c Cassani e Colli, Capitolo XI - Amico Canobio, p. 74.
  29. ^ Bollettino delle leggi del Regno d'Italia, Parte prima - Dal 1 Gennaio al 30 Giugno 1805, Milano, Regia Stamperia Veladini, 1805, p. 161. URL consultato il 18 agosto 2021. Ospitato su Google Libri.
  30. ^ a b Cassani e Colli, Curiosità d'archivio comunale, p. 142.
  31. ^ I Parroci di Garbagna Novarese, su Parrocchie Bassa Novarese. URL consultato il 3 ottobre 2021.
  32. ^ Guglielmo Stefani (a cura di), Dizionario corografico degli stati sardi di terraferma, in Dizionario corografico-universale dell'Italia, Volume secondo - Parte prima, Milano, Stabilimento di Civelli Giuseppe e C., 1854, p. 337. URL consultato il 12 agosto 2021. Ospitato su Google Libri.
  33. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  34. ^ Classificazione della marginalità dei piccoli comuni del Piemonte 2009 (PDF), p. 8. URL consultato il 30 luglio 2021.
  35. ^ Biblioteca Comunale, su Comune di Garbagna Novarese. URL consultato il 2 ottobre 2021.
  36. ^ Scuole, su Comune di Garbagna Novarese. URL consultato il 2 ottobre 2021.
  37. ^ Anna Maria Ferrari, P.R.G.C. - Variante Strutturale - Elaborati geologici - Tavola 3: Carta della dinamica fluviale e del reticolato idrografico (PDF), su Comune di Garbagna Novarese, aprile 2005. URL consultato il 19 agosto 2021.
  38. ^ a b Provincia di Novara, Programma di Educazione Ambientale INFEA 2008-2010 - Progetto "I Parchi e le Città: cosa c'è nel mezzo?" - Mappa del Territorio - Mappa di Comunità (PDF), su Provincia di Novara, 29 giugno 2009, pp. 26. URL consultato il 7 novembre 2021.
  39. ^ Amato Amati (a cura di), Dizionario corografico dell'Italia, col concorso dei sindaci, delle rappresentanze provinciali e di insigni geografi e storici, Volume 5 - ME-PE, Milano, Francesco Vallardi, tipografo-editore, 1868, p. 239. URL consultato il 27 agosto 2021. Ospitato su Google Libri.
  40. ^ a b Amato Amati (a cura di), Dizionario corografico dell'Italia, col concorso dei sindaci, delle rappresentanze provinciali e di insigni geografi e storici, Volume 1 - A-B, Milano, Francesco Vallardi, tipografo-editore, 1868, p. 1062. URL consultato il 27 agosto 2021. Ospitato su Google Libri.
  41. ^ Amato Amati (a cura di), Dizionario corografico dell'Italia, col concorso dei sindaci, delle rappresentanze provinciali e di insigni geografi e storici, Volume 1 - A-B, Milano, Francesco Vallardi, tipografo-editore, 1868, p. 1120. URL consultato il 27 agosto 2021. Ospitato su Google Libri.
  42. ^ Amato Amati (a cura di), Dizionario corografico dell'Italia, col concorso dei sindaci, delle rappresentanze provinciali e di insigni geografi e storici, Volume 4 - GA-MA, Milano, Francesco Vallardi, tipografo-editore, 1878, p. 923. URL consultato il 27 agosto 2021. Ospitato su Google Libri.
  43. ^ Amato Amati (a cura di), Dizionario corografico dell'Italia, col concorso dei sindaci, delle rappresentanze provinciali e di insigni geografi e storici, Volume 2 - C-CI, Milano, Francesco Vallardi, tipografo-editore, 1868, p. 175. URL consultato il 27 agosto 2021. Ospitato su Google Libri.
  44. ^ Titolo II - Caratteristiche costitutive - Art. 7 Territorio (DOC), in Statuto comunale, approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 27/04/2004. URL consultato il 12 settembre 2021. Ospitato su Comune di Garbagna Novarese.
  45. ^ a b Cassani e Colli, Uomini benemeriti - La famiglia Cassani, p. 134.
  46. ^ a b c d e f g Alberto Ventura, Jacopo Ventura e Sara Mussetta, Valutazione Ambientale Strategica (VAS) - Piano paesistico del terrazzo "Novara Vespolate" - Rapporto ambientale (PDF), su Provincia di Novara - Ufficio urbanistica e piano territoriale, 20 aprile 2009, pp. 85-87. URL consultato il 14 agosto 2021.
  47. ^ a b Baraggiolo - ATL Novara - Itinerari, su Agenzia Turistica Locale della Provincia di Novara. URL consultato il 10 settembre 2021.
  48. ^ a b Giampietro Morreale, I mondi divisi di Città e Contado: ceti sociali e giochi economici nel territorio tra Rinascimento ed Illuminismo, in Sergio Monferrini (a cura di), L'età moderna (secoli XV-XVIII), Una terra tra due fiumi, la provincia di Novara nella storia, Novara, Provincia di Novara, 2003, pp. 57,58,61,73.
  49. ^ a b c d Francesca Ortolano, Comune di Garbagna Novarese, su Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, 3 gennaio 2007. URL consultato il 26 agosto 2021.
  50. ^ Antonio Manno, B, in Dizionario feudale degli antichi stati continentali della monarchia di Savoia, Firenze, Giuseppe Civelli, 1895, p. 41. URL consultato il 2 ottobre 2021.
  51. ^ a b Istituto Centrale di Statistica, Provincia di Novara - Tavola 2 (PDF), in 11º censimento generale della popolazione, Volume III - Popolazione delle frazioni geografiche e delle località abitate dei comuni - Fascicolo 1 - Piemonte, Roma, 1975, p. 76. URL consultato il 10 settembre 2021.
  52. ^ Cascina Buzzoleto Vecchio - ATL Novara - Arte e Storia Scheda, su Agenzia turistica della provincia di Novara. URL consultato il 24 agosto 2021.
  53. ^ Ambrosio Oppizzone, Cavallo di tasso del Contado della Città di Nouara, in Relatione Di tutte le Terre dello Stato di Milano, che sono Censite, distinte a provincia per provincia, Pavia, Andrea Magri, Stampatore della Città, 1638, p. 59. URL consultato il 6 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  54. ^ Direzione Generale delle Poste, Dizionario geografico-postale d'Italia pubblicato dalla Direzione Generale delle Poste del Regno, Torino, Giulio Speirani e figli, 1863, p. 72. URL consultato il 6 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  55. ^ Antonio Manno, Bibliografia storica degli stati della monarchia di Savoia, Volume III, Torino, Fratelli Bocca librai di S. M., 1891, p. 316. URL consultato il 6 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  56. ^ Direzione Generale delle Poste, Dizionario geografico-postale d'Italia pubblicato dalla Direzione Generale delle Poste del Regno, Torino, Giulio Speirani e figli, 1863, p. 132. URL consultato il 6 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  57. ^ Mario Crenna, Parte IV - 1558: Summario dei beni ecclesiastici à Terra per Terra, in Agli albori della burocrazia fiscale: il censimento di Carlo V nella provincia di Novara, Bollettino Storico per la Provincia di Novara, Società Storica Novarese, 1987, p. 87, ISSN 0392-1107 (WC · ACNP). URL consultato il 26 marzo 2022. Ospitato su Calameo.
  58. ^ Gridario dell'Eccellentissimo Signor Marchese di Leganes, p. 349. URL consultato il 27 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  59. ^ a b Felice Amato Duboin (a cura di), Titolo IX - De' furti e latrocinii, e delle truffe, in Raccolta per ordine di materie delle leggi, provvidenze, editti, manifesti, ecc., Tomo sesto - Volume ottavo, Torino, Vittorio Picco, 1830, p. 110. URL consultato il 2 ottobre 2021. Ospitato su Google Libri.
  60. ^ a b c Cassani e Colli, Gli oratori, pp. 101-102.
  61. ^ Novarese per A e B - Mazzo 6 - Fascicolo 1. Casalgiate (1609 - 1611), su Sistema informativo dell'Archivio di Stato di Torino. URL consultato il 25 marzo 2022.
  62. ^ Società storica lombarda, Il patriziato milanese, in Archivio storico lombardo - Giornale della Società storica lombarda, Milano, Libreria editrice G. Brigola, 1874, p. 462. URL consultato il 20 agosto 2021.
  63. ^ Antonio Manno, M, in Dizionario feudale degli antichi stati continentali della monarchia di Savoia, Firenze, Giuseppe Civelli, 1895, p. 167. URL consultato il 2 ottobre 2021.
  64. ^ Luigi Simonetta, La famiglia Morbio, su Società Storica Novarese. URL consultato il 7 settembre 2022.
  65. ^ Giuseppe Trezzi, Annunzii giudiziarii - Nota per subasta, in Supplimento alla Gazzetta Piemontese, n. 87, Torino, Tipografia di Giuseppe Favale, 23 luglio 1833, p. 435. URL consultato il 7 settembre 2022.
  66. ^ Giuseppe Trezzi, Annunzii giudiziarii - Nota per subasta, in Supplimento alla Gazzetta Piemontese, n. 101, Torino, Tipografia di Giuseppe Favale, 24 agosto 1833, p. 507. URL consultato il 7 settembre 2022.
  67. ^ L. Zanetti, Avviso d'asta, in Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, n. 188, Roma, Tipografia della Gazzetta Ufficiale, 11 agosto 1888, p. 3486. URL consultato il 7 settembre 2022.
  68. ^ Francesco Vercelli, Enti locali - Monte di Pietà di Novara - Avviso d'asta, in Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia - Parte seconda - Foglio delle inserzioni, n. 2, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 3 gennaio 1936, p. 8.
  69. ^ Cassani e Colli, Capitolo XIV - Conclusione, p. 89.
  70. ^ Cassani e Colli, Uomini benemeriti - La famiglia Brustia, p. 137.
  71. ^ Colli, Garbagna Novarese - I veri benefattori di Garbagna, p. 19.
  72. ^ Cassani e Colli, Capitolo I - Garbagna Novarese, p. 11.
  73. ^ Raccolta de' proclami, avvisi, editti, ordini ec. sì civili che militari, Tomo IX, Torino, Francesco Pulini al Bocchetto, 1801, p. 172. URL consultato il 6 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  74. ^ Carlo Morbio, Storia di Novara dalla dominazione de' Farnesi sino all'età nostra contemporanea, Milano, Dottor Giulio Ferrario, 1834, p. 154. URL consultato il 6 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  75. ^ Cassani e Colli, Capitolo X - Un Canonico del Duomo latifondista in Garbagna, p. 70.
  76. ^ Cassani e Colli, Capitolo IX - La Madonna di Campagna, p. 64.
  77. ^ Arrigoni, Mambrini e Ramati, Capitolo 36 - Nuove strutture sportive a Garbagna, p. 88.
  78. ^ Bruno Radice, Agricoltura e cascine nel territorio del Basso Novarese, in Emiliana Mongiat, Maria Grazia Porzio e Dorino Tuniz (a cura di), Le cascine: un patrimonio da recuperare, Volume 1: Indagine sulle strutture agricole di Novara e dell'ovest Ticino, Provincia di Novara, 2003, p. 252, ISBN 8889003006.
  79. ^ Elena Mittino, Verso le elezioni, a Garbagna Trevisan mette al centro la "persona", su La voce di Novara, 17 settembre 2020. URL consultato il 7 novembre 2021.
  80. ^ Elena Mittino, Verso le elezioni, Garbagna: Ferrera punta su trasporti e mercato settimanale, su La voce di Novara, 17 settembre 2020. URL consultato il 7 novembre 2021.
  81. ^ a b Trasporti, su Comune di Garbagna Novarese. URL consultato il 26 settembre 2021.
  82. ^ Alberto Ventura e Graziella Vallone, Piano Intercomunale di Protezione Civile (PDF), su Comune di Terdobbiate, Eco VeMa S.p.A., luglio 2014, p. 91. URL consultato il 13 dicembre 2021.
  83. ^ Linea Novara-Alessandria - Orario 2018 (PDF), su Trenitalia, maggio 2018. URL consultato il 26 settembre 2021.
  84. ^ a b c d e Cassani e Colli, Curiosità d'archivio comunale, pp. 140-146.
  85. ^ Cassani e Colli, Le nostra campane, p. 113.
  86. ^ Sindaci e segretari de' comuni - Provincia di Novara, in Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Stamperia di Giuseppe Pomba, 1831, p. 461. URL consultato il 9 marzo 2022. Ospitato su Google Libri.
  87. ^ Sindaci e segretari de' comuni - Provincia di Novara, in Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Stamperia di Giuseppe Pomba, 1832, p. 476. URL consultato il 2 novembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  88. ^ Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Stamperia di Giuseppe Pomba, 1834, p. 592. URL consultato il 29 ottobre 2021. Ospitato su Google Libri.
  89. ^ Regia segreteria di stato per gli affari interni (a cura di), Sindaci e segretari de' comuni di terraferma, in Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Tipografia di Giuseppe Pomba e C., 1838, p. 457. Ospitato su Google Libri.
  90. ^ Regia segreteria di stato per gli affari interni (a cura di), Sindaci e segretari de' comuni di terraferma, in Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Tipografia di Giuseppe Baglione e C., 1840, p. 446. Ospitato su Google Libri.
  91. ^ Regia segreteria di stato per gli affari interni (a cura di), Sindaci e segretari de' comuni di terraferma - Divisione di Novara, in Calendario generale pe' regii stati, Torino, Stamperia sociale degli artisti tipografi, 1841, p. 451. URL consultato il 29 dicembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  92. ^ Sindaci e segretari - Provincia di Novara, in Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Stamperia sociale degli artisti tipografi, 1842, p. 464. URL consultato il 2 novembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  93. ^ Sindaci e segretari - Provincia di Novara, in Calendario generale pe' regii stati, vol. 21, Torino, Stamperia sociale degli artisti tipografi, 1844, p. 475. URL consultato il 26 settembre 2022. Ospitato su Google Libri.
  94. ^ Sindaci e segretari - Provincia di Novara, in Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Stamperia sociale degli artisti tipografi, 1845, p. 303. URL consultato il 2 novembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  95. ^ Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Stamperia sociale degli artisti tipografi, 1846, p. 509. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  96. ^ Calendario generale pe' Regii Stati, Torino, Stamperia sociale degli artisti tipografi, 1847, p. 501. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  97. ^ Ministero dell'Interno (a cura di), Calendario generale del Regno, Torino, Tipografia sociale degli artisti A. Pons. e C., 1851, p. 669. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  98. ^ Ministero dell'Interno (a cura di), Sindaci e segretari - Provincia di Novara, in Calendario generale del Regno pel 1853, Torino, Stamperia sociale degli artisti A. Pons. e C., 1853, p. 571. URL consultato il 2 novembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  99. ^ Ministero dell'Interno (a cura di), Calendario generale del Regno, Torino, Stamperia dell'unione tipografico-editrice, 1857, p. 656. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  100. ^ Ministero dell'Interno (a cura di), Sindaci e segretari - Provincia di Novara, in Calendario generale del Regno pel 1858, Torino, Stamperia dell'Unione Tipografico-editrice, 1858, p. 682. URL consultato il 2 novembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  101. ^ Ministero dell'Interno (a cura di), Sindaci e segretari - Provincia di Novara, in Calendario generale del regno d'Italia, Torino, Stamperia dell'Unione Tipografico-editrice, 1862, p. 330. URL consultato il 2 novembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  102. ^ Ernesto Colli, L'irrigazione dell'agro Nibbiola-Garbagna, in Nibbiola nella storia, Novara, Tipografia S. Gaudenzio, 1952, p. 162. URL consultato il 2 novembre 2021. Ospitato su Foto Alzati.
  103. ^ Angelo dell'Acqua, Elenco alfabetico dei comuni del Regno d'Italia, in Annuario statistico del Regno d'Italia, Milano, 1865, p. 80. URL consultato il 27 settembre 2022. Ospitato su Google Libri.
  104. ^ Consorzio Nazionale - Bollettino ufficiale del comitato centrale, Anno IV, numero 20, Torino, Stabilimento Civelli, 1869, p. 308. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  105. ^ Cronaca cittadina - Nomine di sindaci - Provincia di Novara, in Gazzetta Piemontese, n. 22, 22 gennaio 1969. URL consultato il 12 maggio 2022.
  106. ^ Giuseppe Lenta, Guida di Novara coi suoi sobborghi ed aggregate per l'anno 1870 (PDF), Milano, Tipografia Fratelli Borroni, 1870, p. 293. URL consultato il 14 novembre 2021. Ospitato su Illinois University Library.
  107. ^ Album nazionale a ricordo della solenne manifestazione di protesta per l'odioso attentato contro Sua Maestà il Re, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1879, p. 199. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  108. ^ Ministero dell'Interno (a cura di), Annuario d'Italia amministrativo-commerciale, Parte prima, Roma, Tipografia delle Mantellate, 1886, p. 544. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  109. ^ Annuario d'Italia amministrativo-commerciale, Parte prima, Genova, Stabilimento Tipo-Litografico dell'Annuario d'Italia, 1889, p. 459. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  110. ^ Annuario d'Italia - Calendario generale del regno, Roma, Editore Bontempelli, 1896, p. 674. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  111. ^ Annuario d'Italia - Guida generale del regno, Roma, Editore Bontempelli, 1899, p. 644. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  112. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, vol. 190, Roma, Tipografia delle Mantellate, 1907, p. 4934. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  113. ^ Ministero dell'Interno (a cura di), Provincia di Novara, in Calendario generale del Regno d'Italia pel 1910, Roma, Tipografia delle Mantellate, 1910, p. 731. URL consultato l'8 febbraio 2022. Ospitato su Google Libri.
  114. ^ Calendario generale del Regno d'Italia, Roma, Tipografia delle Mantellate, 1916, p. 806. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  115. ^ Ministero dell'Interno (a cura di), Calendario generale del Regno d'Italia, Roma, Tipografia delle Mantellate, 1919, p. 809. URL consultato il 3 settembre 2021. Ospitato su Google Libri.
  116. ^ Arrigoni, Mambrini e Ramati, Gli anni del regime, p. 11.
  117. ^ a b Arrigoni, Mambrini e Ramati, 1º campionato di calcio a Garbagna, p. 16.
  118. ^ Annuario generale d'Italia, Volume primo: amministrazioni centrali del regno, comuni del regno dal n. 1 al n. 3439 (Piemonte - Liguria - Lombardia - Venezia Euganea), 48ª ed., Genova, Società Anonima Editrice, 1933, p. 446. URL consultato il 2 aprile 2022. Ospitato su Google Libri.
  119. ^ Arrigoni, Mambrini e Ramati, Gli anni difficili, p. 25.
  120. ^ (EN) Ministry of Economic Warfare, Italy Zone Handbook: Lazio, vol. 8, Londra, Ministry of Economic Warfare, 1943.
  121. ^ Arrigoni, Mambrini e Ramati, Nuovo ciclo, p. 31.
  122. ^ Arrigoni, Mambrini e Ramati, Prime strutture del dopoguerra a Garbagna, p. 35.
  123. ^ Anche il sindaco di Garbagna sospeso, in L'Azione, 26 giugno 1953. URL consultato il 10 settembre 2022.
  124. ^ Arrigoni, Mambrini e Ramati, Anni Sessanta, p. 60.
  125. ^ Arrigoni, Mambrini e Ramati, Si riprende sul serio, p. 61.
  126. ^ Largo rimpianto a Garbagna per la morte del Sindaco, in L'Azione, n. 44, 21 novembre 1981, p. 13. URL consultato l'8 settembre 2022.
  127. ^ Arrigoni, Mambrini e Ramati, Nuove strutture sportive a Garbagna, p. 90.
  128. ^ N.B., Una serata di sport al nuovo centro "Costadone", in L'Azione, n. 34, 16 settembre 1989, p. 24. URL consultato il 10 settembre 2022.
  129. ^ Le fonti non riportano esplicitamente che Giacomo Manzini fosse schierato con la Democrazia Cristiana, tuttavia ne indicano l'incarico di vicesindaco durante l'amministrazione di Mario Costadone, del quale è nota l'appartenenza a quel partito.
  130. ^ a b c d e f g h i Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali - Storia amministrativa dell'ente - Comuni, su Governo italiano - Ministero dell'Interno - Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato il 23 agosto 2021.
  131. ^ Marcello Giordani e Roberto Lodigiani, A Garbagna non si presenta nessun candidato sindaco: scatta subito il commissariamento, su La Stampa, 29 aprile 2019. URL consultato il 25 agosto 2021.
  132. ^ Decreto di Nomina Commissario Prefettizio del Comune di Garbagna Nov.se - D.ssa Antonella Azzarello, su Comune di Garbagna Novarese, 27 maggio 2019. URL consultato il 25 agosto 2021.
  133. ^ Centro Sportivo "Mario Costadone", su Comune di Garbagna Novarese. URL consultato il 2 ottobre 2021.
  134. ^ Sospesi in aria per 50 metri: è la teleferica dei bambini, su La Stampa, 23 novembre 2015. URL consultato il 2 ottobre 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte