Pietro Manzoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Manzoni
Pietro Manzoni.jpg
Pietro Manzoni in un ritratto d'epoca
Signore di Moncucco
Stemma
In carica 19 gennaio 1773 –
18 marzo 1807
Predecessore Alessandro Valeriano Manzoni
Successore Alessandro Manzoni
Nome completo Pietro Antonio Giacomo Maria Ignazio Manzoni
Trattamento Sua Signoria
Altri titoli Nobile, trattamento di Don
Nascita Caleotto di Lecco, 2 luglio 1736
Morte Milano, 18 marzo 1807
Sepoltura Palazzo del Caleotto, Lecco
Dinastia Manzoni
Padre Alessandro Valeriano Manzoni
Madre Maria Margherita Porro
Consorte Maria Teresa Maineri
Giulia Beccaria
Religione cattolicesimo

Pietro Antonio Giacomo Maria Ignazio Manzoni (Caleotto di Lecco, 2 luglio 1736Milano, 18 marzo 1807) è stato il padre di Alessandro Manzoni e membro della nobile famiglia dei Manzoni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Caleotto di Lecco, frazione di Lecco, nel 1736 da Alessandro Valeriano Manzoni (Caleotto di Lecco, 26 giugno 1686 – Caleotto di Lecco, 19 gennaio 1773) e da Maria Margherita Porro (1705 – Caleotto di Lecco, 12 aprile 1779)[1].

Intorno al 1750 con il fratello Paolo avvia i restauri del palazzo settecentesco del Caleotto di Lecco, la sua residenza di famiglia. Esponente di spicco della nobiltà lecchese, fu Primo Estimato della Comunità Generale di Lecco.

Tra il 1757 e il 1758 risulta "Reverendo chierico" nella Parrocchia di Castello sopra Lecco. Nel 1759 risulta fattosi secolare e nello stesso anno sposò Maria Teresa Maineri, dalla quale non ebbe figli. Dal 19 gennaio 1773 divenne il Signore di Moncucco. Il 9 settembre 1775 rimane vedovo e, all'età di 46 anni, il 20 ottobre 1782 si unisce in matrimonio religioso con Giulia Beccaria (20 anni), figlia di Cesare Beccaria[1]. Il matrimonio civile venne celebrato il 12 settembre. Gli sposi, con il fratello Paolo e la sorella Maria Teresa, ex monaca dopo le soppressioni operate da Giuseppe II[2], andarono ad abitare a Milano, in una modesta casa d'affitto nel quartiere di San Damiano, edificio tuttora esistente in via Visconti di Modrone 16, dove nascerà Alessandro Manzoni (il 7 marzo 1785)[3].

Il piccolo Alessandro, battezzato nella Chiesa di San Babila con i nomi di Alessandro Francesco Tommaso Antonio, rimase affidato al padre e per circa due anni allevato da una balia, Caterina Panzeri, che abitava nella cascina Costa di Galbiate[4]. Una serie di fonti, non decisive, ascrivono la paternità di Alessandro a Giovanni Verri[5]. Il 23 febbraio 1792, dopo un anno di trattative, si arriva all'atto di "separazione consensuale" tra Pietro e la moglie Giulia Beccaria[6].

Pietro Manzoni muore a Milano il 18 marzo 1807, dopo aver istituito il giorno stesso il figlio suo erede universale[7]. È sepolto nel vestibolo della sagrestia della cappella del palazzo del Caleotto a Lecco, dove il corpo rimase anche dopo che il figlio Alessandro vendette la casa a Giuseppe Scola (11 novembre 1818)[8].

Gli studi[modifica | modifica wikitesto]

Sotto l'aspetto culturale Pietro Manzoni fu un erudito e condusse i primi scavi archeologici, noti, nel Lecchese al Colle di Santo Stefano[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b D'Alessio, genealogia.
  2. ^ Pensa:

    «Paolo, suo fratello più anziano, divenne canonico del duomo; con lui e con diverse sorelle, tra le quali una monaca che aveva lasciato il velo in seguito alle leggi promulgate da Giuseppe II, Pietro si trasferì a Milano in una casa del Naviglio della parrocchia di San Babila e prese a frequentare la società bene della metropoli, condottovi da parentele e da conoscenze.»

  3. ^ Al tempo di Manzoni era al numero 20 di via San Damiano; Tellini, p. 16
  4. ^ Boneschi, p. 172.
  5. ^ Tellini, pp. 16-17.
  6. ^ Tellini, p. 17.
  7. ^ Nel testamento raccomandava «di non iscordare le massime, e i principj, ne' quali aveva procurato di farlo educare» e aggiungeva un codicillo con cui lasciava a Giulia Beccaria «due pendenti di diamanti in contrassegno della mia stima, e memoria che le porto»; Gallavresi-Sforza, pp. 77-78; 80-81
  8. ^ Villa Manzoni.
  9. ^ Lecco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Manzoni, Carteggio di Alessandro Manzoni. 1803-1821, a cura di Giovanni Sforza e Giuseppe Gallavresi, Milano, Ulrico Hoepli, 1912, SBN IT\ICCU\LO1\0259546.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie