Solfossidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gruppo solfenile

Un solfossido è un composto chimico contenente un gruppo funzionale solfenile attaccato a due atomi di carbonio. I solfossidi possono essere considerati come solfuri ossidati. Un esempio di solfossido presente in natura è la alliina.

Natura del legame[modifica | modifica sorgente]

I solfossidi sono solitamente rappresentati con la formula strutturale R-S(=O)-R', dove R e R' sono gruppi organici. Il legame tra gli atomi di zolfo e di ossigeno differisce dai normali doppi legami tra carbonio e ossigeno nei chetoni. L'interazione S-O ha una forte differenza di elettronegatività, creando quindi un forte momento di dipolo con le cariche negative concentrate sull'ossigeno. Il legame è simile a quello negli ossidi di fosfina terziari, R3P=O.

Gruppo solfenile

Una coppia solitaria di elettroni risiede sull'atomo di zolfo conferendogli una geometria molecolare tetraedrica come in un carbonio ibridizzato sp3. Quando i due sostituenti organici sono diversi, il solfuro è un centro chirale come, per esempio, nel caso del metilfenilsolfossido.

Sulfoxide-tetrahedral.png

L'energia richiesta per invertire questo stereocentro è abbastanza alta da garantire al solfossido la stabilità ottica, cioè, il tasso di racemizzazione (la velocità di trasformazione da un enantiomero all'altro) è lento a temperatura ambiente. I solfossidi chirali sono usati in certi farmaci come l'esomeprazolo, e sono anche impiegati come ausiliari chirali.[1] Molti solfossidi chiarali sono preparati con una ossidazione catalitica asimmetrica di solfuri non chirali con un metallo di transizione e un ligando chirale.

Reazioni[modifica | modifica sorgente]

I solfuri sono i tipici materiali base per l'ossidazione organica per ottenere solfossidi. Per esempio, il solfuro dimetile con uno stato d'ossidazione di -2 viene ossidato a dimetilsolfossido con stato d'ossidazione 0. Ulteriori ossidazioni trasformano il composto in metilsolfonilmetano dove lo zolfo ha stato d'ossidazione +2.

Solfossidi, come il DMSO, hanno un comportamento basico, essendo ottimi ligandi e rapidamente alchilabili. I solfossidi alchilici sono suscettibili alle deprotonazione da basi forti, come l'idruro di sodio.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Oxidation of sulfides to chiral sulfoxides using Schiff base-vanadium (IV) complexes Ángeles Gama, Lucía Z. Flores-López, Gerardo Aguirre, Miguel Parra-Hake, Lars H. Hellberg, and Ratnasamy Somanathan Arkivoc MX-789E 2003 Articolo Online
  2. ^ 'Iwai, I.; Ide, J. (1988), "2,3-Diphenyl-1,3-Butadiene"Organic Syntheses Coll. Vol. 6: 531
chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia