Anidride

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il significato del termine anidride in chimica inorganica, vedi Ossidi#Nomenclatura classica.
Formula di struttura generica di un'anidride organica.

In chimica organica, il termine anidride (dal greco άνυδρος, ánhydros, senza acqua) indica un composto organico contenente il gruppo funzionale -CO-O-CO-.[1] Possono essere formate da un acido tramite rimozione di molecole di acqua, reazione che può avvenire anche in senso inverso. La più semplice è l'anidride acetica, prodotta per condensazione di acido acetico con eliminazione di acqua:

2 CH3COOH → (CH3CO)2O + H2O.

Le anidridi sono in genere più reattive dei corrispondenti acidi, giacché possono reagire con l'acqua per formarli spontaneamente. Sono spesso ottimi disidratanti. L'anidride acetica è utile nell'acetilazione dell'acido salicilico, piuttosto dell'acido acetico, il quale, reagendo, produce acqua, in grado di deteriorare il prodotto, l'acido acetilsalicilico. L'acetilazione o in genere l'acilazione di gruppi funzionali idrossilici è una metodica comune per la protezione dei gruppi stessi durante le sintesi organiche.

In biologia, la maggior parte dei legami del gruppo fosfato ad alta energia si realizzano per condensazione dello anione fosfato con zucchero fosforilato. Il legame risultante del pirofosfato è un legame classico dell'ossido di fosforo, anche se nella realtà quest'ultimo non interviene nel processo che è invece condotto dall'ATP.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "acid anhydrides"

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia