Sfericità della Terra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rappresentazione artistica medievale di una terra sferica, con settori che rappresentano la terra, l'aria e l'acqua (ca. 1400).

Il concetto di sfericità della Terra risale all'antica filosofia greca intorno al VI secolo aC,[1] ma rimase una questione di speculazione filosofica fino al III secolo aC, quando l'astronomia ellenistica stabilì la forma sferica della Terra come un dato fisico. Il paradigma ellenistico fu gradualmente adottato in tutto il Vecchio Mondo durante la tarda antichità e il Medioevo.[2][3][4][5] Una dimostrazione pratica della sfericità della Terra venne conseguita dalla spedizione di circumnavigazione di Ferdinando Magellano e Juan Sebastián Elcano (1519-1521).[6]

Il concetto di una Terra sferica prese il posto di precedenti credenze in una Terra piatta. Nella prima mitologia mesopotamica, il mondo veniva raffigurato come un disco piatto galleggiante nel mare e circondato da un cielo sferico, costituendo ciò la premessa alle antiche mappe del mondo come quelle di Anassimandro ed Ecateo di Mileto. Altre speculazioni sulla forma della Terra sono lo ziqqurat a sette strati, la montagna cosmica, accennata nell'Avesta e in antichi scritti persiani (vedi i sette climi), o una ruota, una ciotola o un piano a quattro angoli, accennato nel Rigveda.[7]

La consapevolezza che la figura della Terra è più accuratamente descritta come un ellissoide risale al XVIII secolo (Maupertuis). All'inizio del XIX secolo, l'appiattimento dell'ellissoide Terra venne determinato nell'ordine di 1/300 (Delambre, Everest). Il valore moderno è vicino a 1/298,25, come calcolato negli anni sessanta dal Sistema Geodetico della Terra (World Geodetic System) del Dipartimento della Difesa USA.[8]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Antichità[modifica | modifica sorgente]

Grecia Classica[modifica | modifica sorgente]

Anche se la prima prova di una Terra sferica deriva da antiche fonti greche, non vi è alcun resoconto di come la sfericità della Terra sia stata scoperta.[9] Una plausibile spiegazione è che era "l'esperienza di viaggiatori che suggerì una tale spiegazione per le variazioni osservate nell'altitudine e nell'area delle stelle circumpolari, una variazione che era abbastanza netta negli insediamenti greci" attorno al Mar Mediterraneo orientale, in particolare quelli tra il delta del Nilo e la Crimea.

Secondo Diogene Laerzio, "Pitagora fu il primo greco a chiamare la terra rotonda, anche se Teofrasto attribuisce ciò a Parmenide e Zenone ad Esiodo".[10]

Pitagora

I primi filosofi greci avevano accennato ad una Terra sferica, sebbene con qualche ambiguità.[11] Pitagora (VI secolo aC) fu tra coloro dai quali, si dice, ebbe origine l'idea, ma ciò potrebbe derivare dalla pratica greca di attribuire ogni scoperta all'uno o all'altro dei loro antichi uomini saggi.[9] Qualche idea sulla sfericità della Terra sembra essere stata a conoscenza sia di Parmenide che di Empedocle nel V secolo aC,[12] e pur se l'idea non può essere attribuita con sicurezza a Pitagora, potrebbe tuttavia essere stata formulata nella scuola pitagorica nel V secolo aC.[9][12] Dopo il V secolo aC, nessuno scrittore greco di fama pensò che il mondo fosse altro che rotondo.[11]

Erodoto

Nelle Storie, scritto negli anni 431-425 aC, Erodoto respinge un resoconto del sole che splende a nord. Ciò si verifica quando si parla della circumnavigazione dell'Africa effettuata dai Fenici sotto Necao II 610-595 aC circa. (Le Storie, 4.43) Il suo commento sprezzante testimonia una diffusa ignoranza circa la declinazione invertita dell'eclittica nell'emisfero sud.

Platone

Platone (427-347 aC) viaggiò nell'Italia Meridionale per studiare la matematica pitagorica. Quando tornò ad Atene e fondò la sua scuola, anche Platone insegnava ai suoi studenti che la Terra era una sfera, pur senza fornire alcuna spiegazione. Se l'uomo potesse volare alto sopra le nuvole, la Terra assomiglierebbe a ”una di quelle palle con rivestimento in pelle in dodici pezzi decorata con vari colori, come quelli usati dai pittori sulla terra“.[13] Nel Timeo, il suo unico lavoro che rimase disponibile in latino per tutto il Medioevo, si legge che il Creatore "ha fatto il mondo in forma di globo, tondo come fatto da un tornio, con i suoi estremi in ogni direzione equidistanti dal centro, la più perfetta e la più simile a se stesso di tutte le figure",[14] benché la parola "mondo" si riferisca di norma all'universo.

Aristotele
L'ombra tonda della Terra durante l'eclissi lunare - agosto 2008

Aristotele (384-322 aC) fu allievo modello di Platone e ”la mente della scuola”.[senza fonte] Aristotele osservava che ”ci sono stelle viste in Egitto e [...] a Cipro che non si vedono nelle regioni settentrionali”. Dal momento che ciò può accadere solo su una superficie curva, anche lui credeva che la Terra fosse una sfera ”non molto grande, perché altrimenti l'effetto di un così piccolo cambiamento di luogo non sarebbe stato così evidente.” (De caelo, 298a2-10)

Aristotele fornì argomenti fisici e osservazioni a sostegno dell'idea di una Terra sferica:

  • Ogni porzione della Terra tende verso il centro fino a formare una sfera per compressione e convergenza. (‘'De caelo, 297a9-21)
  • Viaggiatori che vanno a sud vedono le costellazioni meridionali salire più in alto sopra l'orizzonte
  • L'ombra della Terra sulla Luna durante una eclissi lunare è rotonda. (‘'De caelo, 297b31-298a10)

I concetti di simmetria, di equilibrio e di ripetizione ciclica permeavano i lavori di Aristotele. Nel suo Meteorologia egli divide il mondo in cinque zone climatiche: due zone temperate separate da una zona torrida vicino all'equatore, e due regioni fredde e inospitali, ”una vicina al nostro polo superiore o settentrionale e l'altra vicina al... polo sud” entrambe impenetrabili e cinte di ghiaccio (‘'Meteorologica, 362a31-35). Sebbene nessun essere umano possa sopravvivere nelle zone glaciali, le regioni meridionali temperate potrebbero essere abitate.

Epoca ellenistica[modifica | modifica sorgente]

Eratostene

Eratostene (276-194 aC) stimò la circonferenza della Terra nel 240 aC circa. Aveva sentito dire che al solstizio estivo a Siene il Sole era allo zenit, mentre ad Alessandria gettava ancora un'ombra. Utilizzando gli angoli differenti formati dalle ombre come base per suoi calcoli trigonometrici, stimò una circonferenza di circa 250.000 stadi. La lunghezza di un singolo 'Stadio' non è conosciuta con precisione, ma il valore di Eratostene è errato soltanto del 5-15 per cento circa.[15][16][17] Eratostene utilizzò stime approssimative e numeri approssimati, ma a seconda della lunghezza dello stadio, il suo risultato sta in un margine fra il 2% e il 20% della effettiva circonferenza, 40.008 km (24.860 mi). Si noti che Eratostene poteva misurare la circonferenza della Terra, soltanto presupponendo una distanza del Sole talmente grande che i raggi solari possono essere considerati sostanzialmente paralleli.

Seleuco di Seleucia

Seleuco di Seleucia (circa 190 aC), vissuto nella regione mesopotamica della Seleucia, dichiarò che la Terra è sferica e che, influenzato dalla teoria eliocentrica di Aristarco di Samo, orbita realmente attorno al Sole.

Posidonio

Nello stabilire la circonferenza terrestre, Posidonio (circa 135-51 aC) si affidò al metodo di Eratostene, osservando la stella Canopo invece del Sole. Nel Geographia di Tolomeo, il suo risultato viene preferito a quello di Eratostene. Posidonio, inoltre, espresse la distanza del Sole in raggi terrestri.

Impero romano[modifica | modifica sorgente]

Dalle sue origini greche, l'idea di una terra sferica, come gran parte del pensiero astronomico greco, lentamente si diffuse in tutto il mondo e, in definitiva, divenne il punto di vista adottato in tutte le maggiori tradizioni astronomiche:[2][3][4][5]

In Occidente, l'idea era venuta in modo naturale ai Romani attraverso il lungo processo di fecondazione incrociata con la civiltà ellenistica. Molti autori Romani come Cicerone e Plinio fanno riferimento nelle loro opere alla rotondità della Terra come ad una cosa naturale.[18]

Strabone
Quando una nave è all'orizzonte, la sua parte inferiore è invisibile a causa della curvatura della Terra. Questo è stato uno dei primi argomenti a favore di un modello di terra rotonda.

È stato detto che la gente di mare ha probabilmente fornito la prima prova osservativa che la Terra non è piatta, sulla base di osservazioni dell'orizzonte. Questo argomento venne presentato dal geografo Strabone (circa 64 aC - 24 dC), il quale affermò che la forma sferica della Terra era probabilmente nota ai marinai di tutto il Mar Mediterraneo almeno dai tempo di Omero,[19] citando un verso dall'Odissea[20] come indicazione che il poeta Omero era già a conoscenza di ciò a partire dal VII o VIII secolo aC. Strabone citò vari fenomeni osservati in mare, a suggerire che la Terra era sferica. Egli osservò che luci e terre elevate erano visibili ai marinai a distanze maggiori rispetto a quelle meno elevate, affermando che la causa di ciò era ovviamente la curvatura del mare.[21]

Claudio Tolomeo

Claudio Tolomeo (90-168 dC) visse ad Alessandria, centro di erudizione del II secolo. Nell'Almagesto, che doveva rimanere l'opera astronomica di riferimento per 14 secoli, sostenne molti argomenti a favore della sfericità della Terra. Tra essi, l'osservazione che in navigazione verso le montagne, queste sembrano sorgere dal mare, ad indicare che erano nascoste dalla superficie curva del mare. Inoltre, egli usa argomenti separati per la curvatura nord-sud della Terra e per quella est-ovest.[22]

Egli ha anche scritto una Geographia in otto volumi che tratta della Terra. La prima parte di Geographia è una discussione sui dati e metodi da lui utilizzati. Come per il modello del sistema solare nell'Almagesto, Tolomeo mise tutte queste informazioni in un grande schema. Assegnò le coordinate a tutti i luoghi e agli elementi geografici da lui conosciuti, in una griglia spaziale che si estendeva attorno al globo (anche se la maggior parte di questo lavoro è andato perso). La latitudine venne misurata dall'equatore, come lo è oggi, ma Tolomeo preferì esprimerla come lunghezza del giorno più lungo piuttosto che in gradi d'arco (la lunghezza del giorno del solstizio d'estate aumenta dalle 12h alle 24h, andando dall'equatore al circolo polare). Assegnò il meridiano di longitudine 0 alla terra più occidentale che conosceva, le Isole Canarie.

Geographia indicava i paesi di "Serica" e "Sinae" (Cina) all'estrema destra, oltre l'isola di "Taprobane" (Sri Lanka, sovradimensionata) e la "Aurea Chersonesus" (penisola del Sud-est asiatico).

Tolomeo ha anche ideato e fornito le istruzioni su come creare mappe di tutto il mondo abitato (‘'ecumene) e delle province romane. Nella seconda parte di ‘'Geographia ha fornito le necessarie liste topografiche, e le didascalie per le mappe. La sua ‘'ecumene si estende per 180 gradi di longitudine dalle isole Canarie nell'Oceano Atlantico verso la Cina, e di circa 81 gradi di latitudine dal Mar Artico fino al Indie Orientali e in profondità fino in Africa. Tolomeo era consapevole di conoscere solo un quarto del globo.

Tarda antichità

La conoscenza della forma sferica della Terra è stata tramandata dal sapere della tarda antichità come una cosa naturale, sia nel neoplatonismo che nel primo cristianesimo. Per quanto nella Bibbia ebraica si alludesse alla sfericità della terra (Isaia 40:22), in maniera al dire il vero ancora oggi molto controversa per le diverse interpretazioni possibili del termine ebraico utilizzato[23], rimasero sulla concezione piatta di quest'ultima alcuni studiosi cristiani della prima ora come Lattanzio, Giovanni Crisostomo e Atanasio di Alessandria, ma questa rimase una corrente eccentrica e dotti autori cristiani come Basilio di Cesarea, Ambrosio Aureliano e Agostino d'Ippona erano evidentemente a conoscenza della sfericità della Terra. L'idea di una terra piatta è rimasta a lungo nel cristianesimo siriaco, la cui tradizione interpreta l'Antico Testamento in modo letterale, e gli autori di quella tradizione, come Cosma Indicopleuste, avrebbero rappresentato la Terra piatta fino al VI secolo. Quest'ultimo residuo dell'antico modello del cosmo scomparve durante il VII secolo, e dal VIII secolo, inizio del periodo medievale, "nessun cosmografo degno di nota ha messo in dubbio la sfericità della Terra".[24]

Diffusione in Oriente[modifica | modifica sorgente]

Con l'avvento della cultura greca in Oriente, l'astronomia ellenistica si espande verso est nell'antica India, dove la sua profonda influenza diventa evidente nel primi secoli dC.[25] Il concetto greco di una Terra sferica circondata dalle sfere dei pianeti, sostenuto con veemenza da astronomi come Varahamihira e Brahmagupta, soppiantò l'antica credenza cosmologica indiana in una terra a forma di disco piatto e circolare.[25][26] Le opere dell'astronomo e matematico indiano, Aryabhata (476-550 dC), trattano della sfericità della Terra e del moto dei pianeti. Le ultime due parti del suo opus magnum in sanscrito, Aryabhatiya, che sono state chiamate Kalakriya ("calcolo del tempo") e Gola ("sfera"), affermano che la Terra è sferica e che la sua circonferenza è di 4.967 yojana, che in unità moderne equivalgono a 39968 km, vicino al valore già calcolato da Eratostene nel III secolo aC.[27] Aryabhata afferma inoltre che la rotazione apparente degli oggetti celesti è dovuta alla effettiva rotazione terrestre. Aryabhatiya influenzò a sua volta la cultura medievale islamica.

Medioevo[modifica | modifica sorgente]

La conoscenza della sfericità della Terra è sopravvissuta nel corpus medioevale di conoscenze attraverso la trasmissione diretta dei testi dell'antichità greca (Aristotele), e tramite autori come Isidoro di Siviglia e Beda il Venerabile. Essa divenne sempre più tracciabile con l'aumento dello scolasticismo e l'apprendimento medievale.[18] La diffusione di questa conoscenza al di là fuori dell'erudizione greco-romana fu inevitabilmente graduale, associata al ritmo di cristianizzazione dell'Europa. Ad esempio, la prima prova di conoscenza della forma sferica della Terra in Scandinavia è una traduzione del XII secolo in antico islandese di Elucidarius.[28]

Un elenco non esaustivo di più di un centinaio di scrittori latini e vernacolari dalla tarda antichità e dal Medioevo, consapevoli del fatto che la terra era sferica, è stato compilato da Reinhard Krüger, professore di letteratura cavalleresca all'Università di Stoccarda.[18]

Mondo cristiano[modifica | modifica sorgente]

Terra sferica con le quattro stagioni. Illustrazione nel libro del XII secolo Liber Divinorum Operum di Ildegarda di Bingen
Isidoro di Siviglia

Il vescovo Isidoro di Siviglia (560-636) insegnò nella sua diffusa enciclopedia, Etimologie, che la Terra era rotonda. Mentre alcuni autori pensavano che si riferisse ad una Terra sferica,[29] questo ed altri scritti mettono in chiaro che egli riteneva che la Terra avesse forma di disco o di ruota.[30] Egli non ammetteva la possibilità che la gente abitasse agli antipodi, considerandoli una leggenda[31] e rilevando che non vi era alcuna prova della loro esistenza.[32]

Beda il Venerabile

Il monaco Beda il Venerabile (circa 672-735) scrisse nel suo influente trattato, De temporum ratione, che la Terra era rotonda, spiegando la diversa durata della luce del giorno da "la rotondità della Terra, perché non senza ragione viene chiamata 'il globo del mondo' nelle pagine della Sacra Scrittura e della letteratura ordinaria. Infatti, è collocata come una sfera al centro di tutto l'universo." (De temporum ratione, 32). Il gran numero di manoscritti superstiti di questo trattato, copiati per soddisfare il requisito carolingio che tutti i sacerdoti avrebbero dovuto studiare il computus, indica che molti, se non la maggior parte, dei sacerdoti venivano iniziati all'idea della sfericità della Terra.[33] Aelfric il grammatico parafrasò Beda in inglese antico, dicendo: "Ora la rotondità della Terra e l'orbita del Sole costituiscono l'ostacolo all'essere il giorno lungo uguale in ogni terra".[34]

Beda fu chiaro sulla sfericità della terra, scrivendo "Chiamiamo la terra un globo, non come se la forma di una sfera possa esprimere diversità da pianure e montagne, ma perché se tutte le cose sono racchiuse in un contorno, allora la circonferenza della terra raffigurerà un globo perfetto... In verità si tratta di una sfera posta al centro dell'universo; nella sua ampiezza è come un cerchio, e non circolare come uno scudo, ma piuttosto come una palla, e si estende dal suo centro con perfetta rotondità su tutti i lati ".[35]

Anania Shirakatsi

Lo studioso armeno del VII secolo Anania Shirakatsi descrisse il mondo come "un uovo con un tuorlo sferico (il globo), circondato da uno strato di bianco (l'atmosfera) e ricoperto da un guscio rigido (il cielo)".[36]

Alto Medioevo

Durante l'alto Medioevo, la conoscenza astronomica nell'Europa cristiana si estese al di là di ciò che venne trasmesso direttamente dagli autori antichi che l'avevano appreso dall'astronomia islamica medievale. Un primo destinatario di questa erudizione fu Gerbert d'Aurillac, il futuro papa Silvestro II.

Santa Ildegarda (Hildegard von Bingen, 1098-1179) raffigura più volte la terra sferica nella sua opera Liber Divinorum Operum. [37]

Giovanni Sacrobosco (ca. 1195-1256 dC) scrisse una famosa opera sull'astronomia basata su Tolomeo intitolata Tractatus de Sphaera, in cui egli considerava la Terra sferica.[38]

Tardo Medioevo
John Gower si prepara a colpire il mondo, una sfera con settori che rappresentano terra, aria e acqua (Vox clamantis, intorno al 1400)

La Divina Commedia di Dante Alighieri, scritta in italiano all'inizio del XIV secolo, ritrae la Terra come una sfera, discutendo le implicazioni di come altre stelle siano visibili nell'emisfero australe, della posizione diversa del Sole, e dei vari fusi orari della Terra. Inoltre, l'Elucidarium di Onorio Augustodunense (circa 1120), un importante manuale per l'istruzione del clero minore tradotto in medio inglese, francese antico, alto tedesco medio, russo antico, olandese medio, norvegese antico, islandese, spagnolo, e in diversi dialetti italiani, fa esplicito riferimento ad una Terra sferica. Allo stesso modo, il fatto che Bertoldo di Ratisbona (metà del XIII secolo) abbia utilizzato la Terra sferica come illustrazione di un sermone dimostra che poteva presumere questa conoscenza tra i suoi fedeli. Il sermone veniva tenuto in lingua vernacolare tedesca, e quindi non era destinato a un pubblico colto.

Le esplorazioni portoghesi in Africa e Asia, il viaggio di Cristoforo Colombo nelle Americhe (1492) e, infine, la circumnavigazione del globo di Ferdinando Magellano (1519-1521) hanno fornito prove pratiche per la forma globale della terra, mentre i coloni europei hanno seminato l'idea nelle colonie americane.

Mondo islamico[modifica | modifica sorgente]

L'astronomia islamica ha ereditato l'idea di una terra sferica dall'astronomia greca.[39] Il contesto teoretico islamico era basato in gran parte sui contributi fondamentali di Aristotele (‘'De caelo) e Tolomeo (Almagesto), che ben si adattavano all'ipotesi che la terra fosse sferica e al centro dell'universo (modello geocentrico).[39]

I primi studiosi islamici riconoscevano sfericità della Terra,[40] e indussero i matematici musulmani a sviluppare la trigonometria sferica[41] al fine di eseguire ulteriori misurazioni e per calcolare la distanza e la direzione da qualsiasi punto sulla Terra alla Mecca. Ciò ha determinato la Qibla, o la direzione della preghiera musulmana.

Al-Ma'mun

Intorno al 830 dC, il califfo Al-Ma'mun incaricò un gruppo di astronomi e geografi musulmani di misurare la distanza da Tadmur (Palmyra) a al-Raqqa, nella moderna Siria. Essi trovarono che le città erano separate da un grado di latitudine e la distanza tra loro in arco di meridiano era di 66,6 miglia; così calcolarono che la circonferenza della Terra era di 24.000 miglia.[42]

Un'altra stima fornita dai suoi astronomi era di 56,6 miglia arabe (111,8 km) per grado, che corrisponde ad una circonferenza di 40.248 km, molto vicina ai valori moderni di 111,3 km per ogni grado e di 40.068 km per la circonferenza.[43]

Al-Farghānī

Al-Farghānī (latinizzato come Alfraganus) fu un astronomo persiano del IX secolo incaricato della misurazione del diametro della Terra, commissionata da Al-Ma'mun. La sua stima sopra riportata, per un grado (56,6 miglia Arabe) era molto più accurata rispetto alle 60,6 miglia romane (89,7 km) fornita da Tolomeo. Cristoforo Colombo utilizzò acriticamente la stima di Alfraganus come se fosse in miglia romane, invece che in miglia arabe, al fine di dimostrare una dimensione più piccola della Terra rispetto a quella proposta da Tolomeo.[44]

Biruni
Metodo di Biruni per il calcolo del raggio terrestre

Abu Rayhan Biruni (973-1048) utilizzò un metodo nuovo per calcolare con precisione la circonferenza della Terra, con il quale arrivò ad un valore che era vicino ai valori moderni per la circonferenza terrestre.[45] La sua stima di 6.339,9 km per il raggio terrestre era di soli 16,8 km inferiore al valore moderno di 6.356,7 km. A differenza dei suoi predecessori che avevano misurato la circonferenza della Terra osservando il Sole contemporaneamente da due luoghi diversi, Biruni sviluppò un nuovo metodo di utilizzo di calcoli trigonometrici in base all'angolo formato tra una pianura e la cima di una montagna che forniva misurazioni più accurate della circonferenza della Terra e rendeva possibile la misurazione da parte di una sola persona da una singola postazione.[46][47] Il metodo di Biruni cercava di evitare di "camminare per deserti torridi e polverosi" e l'idea gli venne quando si trovò sulla cima di un'alta montagna in India. Dalla cima della montagna, osservò l'angolo verso l'orizzonte che, insieme con l'altezza della montagna (che aveva calcolato in precedenza), gli consentì di calcolare la curvatura della Terra.[48][49] Egli fece uso anche dell'algebra per formulare equazioni trigonometriche e utilizzò l'astrolabio per misurare gli angoli.[50]

John J. O'Connor ed Edmund F. Robertson scrivono nel sito MacTutor della storia della matematica:

« Importanti contributi alla geodesia e alla geografia vennero forniti anche da Biruni. Egli introdusse le tecniche per misurare la terra e le distanza su di essa utilizzando la triangolazione. Trovò che il raggio terrestre era di 6339,6 km, un valore non ottenuto in Occidente fino al XVI secolo. Il suo ‘'Canone Masudico contiene una tabella con le coordinate di seicento luoghi, di quasi tutti dei quali aveva una conoscenza diretta.[51] »

Inizio dell'era moderna[modifica | modifica sorgente]

Circumnavigazione del globo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Esplorazioni geografiche.
L'Erdapfel, il più antico globo terrestre superstite (1492/93)

La prima dimostrazione diretta della sfericità della Terra è venuta sotto forma di prima circumnavigazione nella storia, una spedizione capitanata dall'esploratore portoghese Ferdinando Magellano,[52] anche se già nel 1492 Martin Behaim aveva realizzato il primo mappamondo giunto ai nostri giorni, l'Erdapfel. La spedizione venne finanziata dalla Corona spagnola. Il 10 agosto 1519, le cinque navi sotto il comando di Magellano partirono da Siviglia. Attraversarono l'Oceano Atlantico, passarono attraverso lo Stretto di Magellano, attraversarono il Pacifico, arrivando a Cebu, dove Magellano venne ucciso in battaglia da indigeni filippini. Il suo secondo in comando, lo spagnolo Juan Sebastián Elcano, continuò la spedizione e, il 6 settembre 1522, arrivò a Siviglia, completando così la circumnavigazione. Carlo I di Spagna, come riconoscimento della sua impresa, diede ad Elcano uno stemma con il motto Primus circumdedisti me (in latino: "Tu per primo mi hai girato attorno").[53]

Una circumnavigazione da sola non prova che la terra è sferica. Potrebbe essere cilindrica o globulare in modo irregolare o di altre forme ancora. Eppure, insieme con la prova trigonometrica mostrata da Eratostene 1700 anni prima, la spedizione di Magellano rimosse ogni ragionevole dubbio negli ambienti istruiti in Europa.

Cina dei Ming[modifica | modifica sorgente]

Nel XVII secolo, l'idea di una terra sferica, ora notevolmente avanzata nell'astronomia occidentale, alla fine si diffuse nella Cina dei Ming, quando i missionari gesuiti, che ricoprivano come astronomi alte posizioni alla corte imperiale, sfidarono con successo la credenza cinese che la terra fosse piatta e quadrata.[54][55][56]

Riepilogo delle prove della sfericità della terra[modifica | modifica sorgente]

Le prove sono riportate in ordine cronologico approssimativo:

  • Navigando, si vedono in lontananza le montagne prima delle terre ai loro piedi, le vele delle barche prima dei loro scafi.
  • Salendo in luoghi sempre più elevati, si riesce a vedere sempre più in lontananza.
  • Spostandosi verso nord, Il sole è più basso nel cielo, mentre le stelle circumpolari sono più alte e altre stelle luminose come Canopo scompaiono dal cielo.
  • La terra getta un'ombra circolare sulla Luna durante un'eclissi lunare.
  • È possibile circumnavigare il mondo, cioè viaggiare attorno al mondo tornando al punto di partenza.
  • I viaggiatori che circumnavigano la Terra osservano il guadagno o la perdita di un giorno rispetto a quelli che non lo fanno. (vedi anche Linea internazionale del cambio di data).
  • Un satellite artificiale può fare il giro della terra di continuo e anche essere geostazionario.
  • La terra appare come un disco su fotografie scattate dallo spazio, a prescindere dal punto di osservazione.

Da un punto di vista ipotetico, alcuni di questi argomenti, se isolati, potrebbero avere anche spiegazioni alternative; ad esempio, l'ombra proiettata da una eclissi lunare potrebbe essere causata da una terra a forma di disco. Allo stesso modo il movimento nord-sud delle stelle nel cielo spostandosi potrebbe voler dire che sono molto più vicine alla terra. Tuttavia gli argomenti, considerati nel loro insieme, si confermano reciprocamente.

Geodesia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geodesia.

La geodesia, chiamata anche geodetica, è la disciplina scientifica che si occupa della misurazione e della rappresentazione della Terra, del suo campo gravitazionale e dei fenomeni geodinamici (moto polare, maree della Terra e moto della crosta) nello spazio a tre dimensioni con il variare del tempo.

La geodesia riguarda principalmente il posizionamento e il campo di gravità, e gli aspetti geometrici delle loro variazioni nel tempo, ma riguarda anche lo studio del campo magnetico terrestre. Soprattutto nel mondo di lingua tedesca, la geodesia è divisa in geomisurazione ("Erdmessung" o "höhere Geodäsie"), che si occupa di misurare la Terra su scala globale, e rilevamento ("Ingenieurgeodäsie"), che si occupa di misurare alcune parti della superficie.

La forma della Terra può essere considerata in almeno due modi;

  • come forma del geoide, il livello medio degli oceani.
  • come forma della superficie di terra del nostro pianeta, compresa quella in fondo al mare.

Con misure sempre più accurate da parte della geodesia, dapprima si è scoperto che la forma del geoide non è una sfera perfetta, ma all'incirca uno sferoide oblato, uno specifico tipo di ellissoide. Misurazioni più recenti del geoide con un grado di precisione senza precedenti, hanno rivelato concentrazioni di massa sotto la superficie terrestre.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ D.R. Dicks, Early Greek Astronomy to Aristotle, Ithaca, N.Y., Cornell University Press, 1970, pp. 72–198, ISBN 978-0-8014-0561-7.
  2. ^ a b Continuazione nel pensiero romano e medievale: Reinhard Krüger: "Materialien und Dokumente zur mittelalterlichen Erdkugeltheorie von der Spätantike bis zur Kolumbusfahrt (1492)"
  3. ^ a b Adozione diretta del concetto greco da parte dell'Islam: Ragep, F. Jamil: "Astronomy", in: Krämer, Gudrun (ed.) et al.: Encyclopaedia of Islam, THREE, Brill 2010, without page numbers
  4. ^ a b Adozione diretta da parte dell'India: D. Pingree: "History of Mathematical Astronomy in India", Dictionary of Scientific Biography, Vol. 15 (1978), pp. 533−633 (554f.); Glick, Thomas F., Livesey, Steven John, Wallis, Faith (eds.): "Medieval Science, Technology, and Medicine: An Encyclopedia", Routledge, New York 2005, ISBN 0-415-96930-1, p. 463
  5. ^ a b Adozione da parte della Cina tramite la scienza europea: Jean-Claude Martzloff, “Space and Time in Chinese Texts of Astronomy and of Mathematical Astronomy in the Seventeenth and Eighteenth Centuries”, Chinese Science 11 (1993-94): 66–92 (69) and Christopher Cullen, "A Chinese Eratosthenes of the Flat Earth: A Study of a Fragment of Cosmology in Huai Nan tzu 淮 南 子", Bulletin of the School of Oriental and African Studies, Vol. 39, No. 1 (1976), pp. 106–127 (107)
  6. ^ Pigafetta, Antonio (1906). Magellan's Voyage around the World. Arthur A. Clark. Primer viaje en torno del globo : Pigafetta, Antonio, ca. 1480/91-ca. 1534 : Internet Archive
  7. ^ Menon, CPS. Early Astronomy and Cosmology. Whitegishm MT, USA: Kessinger Publishing. p. 68. Early Astronomy and Cosmology - C. P. S. Menon - Google Books
  8. ^ Recenti misurazioni da satelliti suggeriscono che la Terra è in realtà leggermente a forma di pera. Hugh Thurston, Early Astronomy, (New York: Springer-Verlag), p. 119. ISBN 0-387-94107-X.
  9. ^ a b c James Evans, (1998), The History and Practice of Ancient Astronomy, page 47, Oxford University Press
  10. ^ Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, VIII, 48
  11. ^ a b D.R. Dicks, Early Greek Astronomy to Aristotle, Ithaca, N.Y., Cornell University Press, 1970, p. 68, ISBN 978-0-8014-0561-7.
  12. ^ a b Charles H. Kahn, (2001), Pythagoras and the Pythagoreans: a brief history, page 53. Hackett
  13. ^ Platone, Phaedo, p. 110b.
  14. ^ Platone, Timaeus, p. 33.
  15. ^ Albert Van Helden, Measuring the Universe: Cosmic Dimensions from Aristarchus to Halley, University of Chicago Press, 1985, pp. 4–5, ISBN 0-226-84882-5.
  16. ^ JSC NES School Measures Up, NASA, 11 aprile 2006. URL consultato il 7 ottobre 2010.
  17. ^ The Round Earth, NASA, 12 dicembre 2004. URL consultato il 24 gennaio 2008.
  18. ^ a b c Reinhard Krüger: "Materialien und Dokumente zur mittelalterlichen Erdkugeltheorie von der Spätantike bis zur Kolumbusfahrt (1492)"
  19. ^ Hugh Thurston, Early Astronomy, (New York: Springer-Verlag), p. 118. ISBN 0-387-94107-X.
  20. ^ Odyssey, libro 5 498: "Ulisse allor, cui levò in alto un grosso flutto, la terra non lontana scôrse, forte aguzzando le bramose ciglia."
  21. ^ Strabo, The Geography of Strabo, in Eight Volumes, trad. Horace Leonard Jones, A.M., Ph.D., Loeb Classical Library edition, London, William Heinemann [1917], 1960., Vol.I Bk. I para. 20, pp.41, 43. Un'edizione precedente è disponibile online.
  22. ^ Almagest, I.4. come citato in Edward Grant, A Source Book in Medieval Science, Harvard University Press, 1974, pp. 63–4.
  23. ^ Scienza e Testimoni di Geova
  24. ^ Klaus Anselm Vogel, "Sphaera terrae - das mittelalterliche Bild der Erde und die kosmographische Revolution," PhD dissertation Georg-August-Universität Göttingen, 1995, p. 19.
  25. ^ a b D. Pingree: "History of Mathematical Astronomy in India", Dictionary of Scientific Biography, Vol. 15 (1978), pp. 533−633 (533, 554f.)
  26. ^ Glick, Thomas F., Livesey, Steven John, Wallis, Faith (eds.): "Medieval Science, Technology, and Medicine: An Encyclopedia", Routledge, New York 2005, ISBN 0-415-96930-1, p. 463
  27. ^ Aryabhata_I biography. The Aryabhatiya: Foundations of Indian Mathematics | Gongol.com The Aryabhatiya: Foundations of Indian Mathematics
  28. ^ Rudolf Simek, Altnordische Kosmographie, Berlin, 1990, p. 102.
  29. ^ Isidore, Etymologiae, XIV.ii.1 [3]; Wesley M. Stevens, "The Figure of the Earth in Isidore's De natura rerum", Isis, 71(1980): 268-277.
  30. ^ Riferendosi ai cinque cerchi nel De Natura Rerum X 5: "La spiegazione del passaggio e della figura che l'illustra sembra essere che Isidoro accettava il termine di terra sferica da Hyginus senza cercare di capirlo (ne aveva certamente le capacità) e lo applicava senza imbarazzo alla terra piatta." Ernest Brehaut, Encyclopedist of the Flat Earth, 1912, p. 30. J. Fontaine si riferisce a questo passaggio come a ana "assurdità scientifica". Isidore of Seville, Traité de la Nature, a cura di J. Fontaine, 1960, p. 16.
  31. ^ Isidore, Etymologiae, XIV.v.17 [4].
  32. ^ Isidore, Etymologiae, IX.ii.133 [5].
  33. ^ Faith Wallis, trans., Bede: The Reckoning of Time, (Liverpool: Liverpool Univ. Pr., 2004), pp. lxxxv-lxxxix.
  34. ^ Ælfric of Eynsham, On the Seasons of the Year, Peter Baker, trans
  35. ^ Russell, Jeffrey B. 1991. Inventing the Flat Earth. New York: Praeger Publishers. p. 87.
  36. ^ Hewson, Robert H. "Science in Seventh-Century Armenia: Ananias of Sirak, Isis, Vol. 59, No. 1, (Spring, 1968), pp. 32–45
  37. ^ Hildegard of Bingen, Liber divinorum operum
  38. ^ Olaf Pedersen, "In Quest of Sacrobosco", Journal for the History of Astronomy, 16(1985): 175-221
  39. ^ a b Ragep, F. Jamil: "Astronomy", in: Krämer, Gudrun (ed.) et al.: Encyclopaedia of Islam, THREE, Brill 2010, senza numeri di pagina
  40. ^ Muhammad Hamidullah. L'Islam et son impulsion scientifique originelle, Tiers-Monde, 1982, vol. 23, nº 92, p. 789.
  41. ^ David A. King, Astronomy in the Service of Islam, (Aldershot (U.K.): Variorum), 1993.
  42. ^ Gharā'ib al-funūn wa-mulah al-'uyūn (The Book of Curiosities of the Sciences and Marvels for the Eyes), 2.1 "On the mensuration of the Earth and its division into seven climes, as related by Ptolemy and others," (ff. 22b-23a)Home: Medieval Islamic Views of the Cosmos
  43. ^ Edward S. Kennedy, Mathematical Geography, pp=187–8
  44. ^ Felipe Fernández-Armesto, Columbus and the conquest of the impossible, pp. 20–1, Phoenix Press, 1974.
  45. ^ James S. Aber (2003). Alberuni calculò la circonferenza della terra nella piccola città di Pind Dadan Khan, distretto di Jhelum, Punjab, Pakistan. Abu Rayhan al-Biruni, Emporia State University.
  46. ^ Lenn Evan Goodman (1992), Avicenna, p. 31, Routledge, ISBN 0-415-01929-X.
  47. ^ Behnaz Savizi, Applicable Problems in History of Mathematics: Practical Examples for the Classroom in Teaching Mathematics and Its Applications, vol. 26, nº 1, Oxford University Press, 2007, pp. 45–50, DOI:10.1093/teamat/hrl009. URL consultato il 21 febbraio 2010.
  48. ^ Raymond P. Mercier, Geodesy in J. B. Harley, David Woodward (eds.) (a cura di), The History of Cartography: Vol. 2.1, Cartography in the traditional Islamic and South Asian societies, Chicago & London, University of Chicago Press, 1992, pp. 182–184, ISBN 978-0-226-31635-2.
  49. ^ Beatrice Lumpkin, Geometry Activities from Many Cultures, Walch Publishing, 1997, pp. 60 & 112–3, ISBN 0-8251-3285-1. [1]
  50. ^ Jim Al-Khalili,  The Empire of Reason 2/6 (Science and Islam - Episode 2 of 3). YouTube, BBC
  51. ^ (EN) John J. O'Connor e Edmund F. Robertson, Sfericità della Terra in MacTutor, University of St Andrews, Scotland.
  52. ^ Nowell, Charles E. ed. (1962). Magellan's Voyage around the World: Three Contemporary Accounts. Evanston: NU Press.
  53. ^ Joseph Jacobs(2006), "The story of geographical discovery" p.90
  54. ^ Jean-Claude Martzloff, "Space and Time in Chinese Texts of Astronomy and of Mathematical Astronomy in the Seventeenth and Eighteenth Centuries", Chinese Science 11 (1993-94): 66-92 (69) (PDF).
  55. ^ Christopher Cullen, “Joseph Needham on Chinese Astronomy”, Past and Present, No. 87. (May, 1980), pp. 39–53 (42 & 49)
  56. ^ Christopher Cullen, "A Chinese Eratosthenes of the Flat Earth: A Study of a Fragment of Cosmology in Huai Nan tzu 淮 南 子", Bulletin of the School of Oriental and African Studies, Vol. 39, No. 1 (1976), pp. 106–127 (107-109)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni (in lingua inglese)[modifica | modifica sorgente]