Ziqqurat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Choqa zanbil o Dur-Untash, una delle ziqqurat meglio conservate, si trova presso Susa, in Iran; fu edificata nel XIII secolo a.C. da Untash Napirisha
Ricostruzione grafica della ziqqurat di Sialk.

La ziqqurat (/dzikkurat/; nota anche, secondo traduzioni fonetiche diverse, come ziggurat, ziqqurath o ziggurath), è la costruzione templare caratteristica delle religioni dell'area mesopotamica (sumera, babilonese e assira).

A causa della mancanza di pietre in Mesopotamia le ziqqurat venivano costruite con mattoni crudi e cotti, con canne legate in fasci e con bitume usato come calce e come isolante; si pensa che le ziqqurat abbiano contribuito in modo sostanziale alla forma dei templi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La ziqqurat ha la forma di una torre composta da tronchi di piramide sovrapposti a più piani (piramide a gradoni), a rappresentare la volontà dell’uomo di avvicinarsi sempre di più al cielo. Attraverso 7 rampe (ognuna rappresentante una costellazione e di colore diverso) si accedeva ad una sommità piatta sulla quale i sacerdoti (veri e propri "custodi" di essa) officiavano le cerimonie rituali e dalla quale potevano scrutare i corpi celesti al fine di trarne auspici e profezie.

Le ziqqurat presentano analogie con le piramidi egizie e quelle mesoamericane. Vennero tuttavia destinate al culto delle divinità principali, identificate con gli astri celesti e al deposito del raccolto e non utilizzate a scopo funerario, com'era invece il caso delle piramidi egiziane.

Il tempio vero e proprio in cui, sotto forma di statua, risiedeva la divinità non era quello relativamente modesto che stava in cima; esso era collocato invece al livello del suolo.

Nelle parti più vicine al suolo vi era un vero e proprio magazzino dove veniva stivato il raccolto agricolo che veniva poi ridistribuito alla popolazione per opera dei sacerdoti custodi del tempio.

Valenza simbolica[modifica | modifica sorgente]

In origine forse la ziqqurat rappresentava simbolicamente la montagna sacra, sede delle divinità. Infatti il nome "ziqqurat" negli antichi scritti sumerici sono definite "montagne di dio".

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]