Pergamonmuseum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 52°31′16″N 13°23′48″E / 52.521111°N 13.396667°E52.521111; 13.396667

Museo di Pergamo
Pergamonmuseum Front 03.jpg
Tipo archeologia
Indirizzo Am Kupfergraben 5 (Mitte) Berlino, Germania

Il Museo di Pergamo (in tedesco: Pergamonmuseum) è uno dei più importanti musei archeologici della Germania e del mondo, visitato ogni anno da circa 850.000 persone. Sito nell'Isola dei musei sul fiume Sprea a Berlino, esso prende il nome dall'antica città ellenistica di Pergamo in Anatolia (oggi in Turchia), da cui provengono la maggior parte delle opere esposte.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1830 con la costruzione del Museo Antico ad opera di Karl-Friedrich Schinkel di fronte al castello di Berlino, fu creato il primo nucleo museale pubblico di opere antiche. Già da allora il visitatore veniva colto dallo stupore osservando la disposizione delle sculture antiche di divinità. Poi seguirono le prime acquisizioni al museo, che in breve tempo si rivelò troppo piccolo, tanto da far decidere la costruzione di un nuovo edificio. Esso fu eretto dall'architetto Friedrich August Stüler tra il 1843 e il 1855 e denominato dapprima Neues Museum ("Museo Nuovo"). La nuova area espositiva permise l'esposizione delle numerose opere egizie acquisite in quegli anni, in un ambiente nuovo e più appropriato.
Successive campagne di scavo in Grecia (Olimpia) e Turchia (Pergamo) incrementarono e arricchirono enormemente il patrimonio museale, determinando l'esigenza di un nuovo edificio dedicato all'esposizione greca e romana. Nel 1930 sorse il nuovo edificio progettato da Alfred Messel e realizzato da Ludwig Hoffmann. Così fu possibile ricostruire gli antichi edifici nelle dimensioni naturali, ponendo le basi al futuro Museo di Pergamo.

Durante gli anni della seconda guerra mondiale il museo soffrì i bombardamenti, anche se fu sostanzialmente risparmiato dalle bombe. Le opere furono protette dagli effetti delle esplosioni grazie a muri di mattoni, mentre i pezzi più piccoli vennero collocati nei sotterranei. Poté riaprire i battenti nel 1951 in maniera parziale, e nel 1953 in maniera completa. Negli anni 1983-1984 l'esposizione venne riallestita, mutando e migliorando il percorso logico espositivo.

Il museo di arte antica[modifica | modifica sorgente]

La porta di Ishtar dell'antica Babilonia

Senza dubbio l'opera più importante in esso contenuta è l'altare di Pergamo, uno dei principali richiami del museo. Ma anche la porta del mercato di Mileto costituisce un'importante attrattiva, oltre alle diverse esposizioni di statue antiche, colonne e fregi d'epoca. In alcune stanze sono esposte una parte dell'immensa collezione di monete antiche di epoca romana e greca. Il museo ospita anche la ricostruzione di opere assire e babilonesi.

Il museo del Vicino Oriente[modifica | modifica sorgente]

Il Pergamonmuseum non comprende solo esposizioni greche e romane, ma anche altre sezioni come quella del Vicino Oriente. Grazie alle opere di acquisizione e scavo nel 1936 fu ricostruita la porta di Ishtar e la strada processionale. Molti pezzi provengono dagli scavi delle città di Uruk, (Babilonia), (Assur), (Zincirli, Tell Halaf e Toprakkale).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


L'Altes Museum Musei sull'Isola dei Musei di Berlino

Altes Museum | Neues Museum | Alte Nationalgalerie | Bode-Museum | Pergamonmuseum