Lingua islandese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Islandese (íslenska)
Parlato in Islanda
Stati Uniti (Parlato da immigrati)
Danimarca (Parlato da immigrati)
Norvegia (Parlato da immigrati)
Canada (Parlato da immigrati)
Persone 320.000
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Germaniche
  Settentrionali
   Scandinave Occidentali
    Islandese
Statuto ufficiale
Nazioni Islanda Islanda
Regolato da Istituto Árni Magnússon
Codici di classificazione
ISO 639-1 is
ISO 639-2 (T)isl (B)ice
ISO 639-3 isl  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Hver maður er borinn frjáls og jafn öðrum að virðingu og réttindum. Menn eru gæddir vitsmunum og samvisku, og ber þeim að breyta bróðurlega hverjum við annan.

L'islandese (nome nativo íslenska ['ʔistlɛnska] ascolta[?·info]) è una lingua indoeuropea del gruppo delle lingue germaniche. È la lingua ufficiale in Islanda e viene parlata da circa 300 mila persone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della lingua islandese.

Nel Medioevo, prima ancora dell'introduzione della scrittura, in Islanda e in altri Paesi nordici (Svezia, Danimarca e Norvegia) si parlava il norreno, che ci è noto soprattutto attraverso complessi componimenti poetici, detti "Skáldskapur", composti e recitati da poeti detti "Skáld". Gli "Skáld" hanno tramandato in questo modo buona parte della storia dei Paesi nordici.

L'occupazione danese dell'Islanda dal 1380 al 1918 non ha avuto quasi nessuna influenza nell'evoluzione della lingua islandese, che restò in uso per le comunicazioni quotidiane tra la popolazione. Il danese veniva impiegato solamente per le comunicazioni ufficiali, come d'altronde pure la lingua inglese durante l'occupazione statunitense dal 1940 fino agli anni 1950.

Nel 1944 la costituzione stabilisce che l'islandese è la lingua ufficiale del Paese e da allora è la sola autorizzata negli scritti ufficiali o nei dibattiti pubblici.

L'isolamento dell'Islanda e la sua forte cultura scritta hanno permesso un'eccezionale conservazione della lingua antica, rimanendo quasi immutata negli ultimi mille anni, in particolare nella sua versione scritta, ma anche in quella orale, rendendola, all'interno delle attuali lingue nordiche, la più simile all'originario norreno: di fatto un islandese di oggi è tuttora capace di leggere senza grandi difficoltà una saga scritta dai suoi antenati nel XIII secolo.

Particolarità grammaticali che nelle altre lingue sono andate attenuandosi sono rimaste sostanzialmente invariate nella lingua islandese. Inoltre in Islanda si pone attenzione a non introdurre parole straniere oltre lo stretto necessario e i nuovi termini vengono formati facendo uso del vocabolario già esistente. In questo modo sono venute a crearsi parole come tölva (= computer) dalla radice modificata per metafonia del verbo tala (= calcolare) unita al comune suffisso formativo -va, oppure alnæmi (= AIDS) formata da al (= tutti/completa/omni) e næmi (= sensibilità). Si fa pure notare la ricchezza di vocabolario presente nella lingua islandese. Molto simile all'islandese è il faroese, lingua delle Isole Fær Øer.

Alfabeto[modifica | modifica wikitesto]

L'alfabeto islandese è formato da 32 lettere, che corrispondono in buona parte a quelle presenti nell'alfabeto italiano. Si trovano tutte le vocali più la "Y", le quali esistono pure in una seconda forma accentata (con altra pronuncia). Le lettere C, W, Q e Z non sono presenti in parole islandesi; la Z era ancora in uso fino a qualche decennio fa, ma le regole che ne stabilivano l'impiego erano così complicate che fu sostituita dalla S, la cui pronuncia era di fatto la stessa. Tuttavia, alcuni ancora si rifiutano di abbandonare la Z, e quelli che furono alfabetizzati prima della sostituzione ancora la usano.

In aggiunta ci sono le lettere Ð/ð, Þ/þ, nonché Æ/æ.

Caratteri speciali

La seguente tabella mostra come i caratteri speciali possono essere scritti in sistemi operativi come quelli di Microsoft Windows: premere il tasto ALT fino a quando si termina di immettere la combinazione di numeri indicata (Codice ASCII Esteso).

  • Ð: ALT+0208
  • ð: ALT+0240
  • Þ: ALT+0222
  • þ: ALT+0254
  • Æ: ALT+0198
  • æ: ALT 0230
Alfabeto islandese
  A / a     Á / á     B / b     D / d     Ð / ð     E / e     É / é     F / f  
  G / g   H / h   I / i   Í / í   J / j   K / k   L / l   M / m
  N / n   O / o   Ó / ó   P / p   R / r   S / s   T / t   U / u
  Ú / ú   V / v   X / x   Y / y   Ý / ý   Þ / þ   Æ / æ   Ö / ö

Fonologia[modifica | modifica wikitesto]

La fonologia islandese è piuttosto inusuale per una lingua europea.

Tabella dei fonemi in trascrizione IPA:

Consonanti
Bilabiali Dentali Alveolari Palatali Velari Glottale
Faringale
Sonorità - + - + - + - + - + - +
Nasali m n [ɲ] [ŋ]
Occlusive p, ph t, th [c, ch] k, kh [ʔ]
Costrittive ɸ θ ð s [ç] x ɣ
Approssimanti β̞ j h
Laterali l
Vibra(n)ti ɾ, [r]

Note:

  • I simboli tra [ ] non sono fonemi bensì tassofoni («varianti combinatorie»).
  • /θ, ð/ in realtà non sono completamente costrittivi come in inglese; sono semi-costrittivi, cioè tra costrittivo e approssimante.

Tutte le vocali, dittonghi e consonanti con eccezione di h, ð e þ possono essere sia lunghe che brevi.

Grammatica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi grammatica islandese.

La grammatica islandese è ritenuta una delle più complesse tra quelle delle lingue germaniche. Essa ha mantenuto vari tratti distintivi delle lingue germaniche antiche, infatti distingue in tre generi (maschile, femminile, neutro), quattro casi (nominativo, dativo, genitivo, accusativo), e due numeri (singolare e plurale). I verbi sono coniugati per modo, tempo e persona, ma sia verbi che sostantivi presentano numerosissime irregolarità. Di recente questa lingua è stata usata come "prova" per Daniel Tammet, un ragazzo inglese affetto da autismo che dimostra delle straordinarie capacità di calcolo, memoria e apprendimento delle lingue (sindrome cosiddetta dell'idiota sapiente). La prova è consistita nell'apprendere questa difficile lingua in una sola settimana, e la "verifica" (brillantemente superata) è stata fatta in diretta nella televisione islandese[1].

Numeri cardinali da 0 a 11[modifica | modifica wikitesto]

  • Núll (zero)
  • Einn (uno)
  • Tveir (due)
  • Þrír (tre)
  • Fjórir (quattro)
  • Fimm (cinque)
  • Sex (sei)
  • Sjö (sette)
  • Átta (otto)
  • Níu (nove)
  • Tíu (dieci)
  • Ellefu (undici)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniel Tammet, il ragazzo "savant": doc sui confini della mente - Esteri

Premi Nobel per la letteratura di lingua islandese[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Islanda Portale Islanda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islanda