Dialetto fiammingo orientale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oost-Vlaams (Oost-Vlaams)
Parlato in Belgio
Paesi Bassi
Persone 1,1 milioni
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue germaniche
  Lingue germaniche occidentali
Languages Benelux.PNG

Il dialetto fiammingo orientale[1] (Oost-Vlaams in fiammingo) è un dialetto della lingua olandese parlato nei Paesi Bassi e nel Belgio.[2]

La lingua afrikaans, parlata in Sudafrica e in Namibia (sia dalla popolazione di origine boera sia da una larga parte dei "colorati", cioè persone di origine mista) ha molte somiglianze con l'Oost-Vlaams. Comunque, le sue particolarità grammaticali (mancanza quasi totale di coniugazione del verbo e dell'imperfetto, negazione doppia, un solo genere grammaticale) ne fanno una lingua a sé stante.

Nel 2005 è stato pubblicato il primo dizionario di questo dialetto.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • I. Teirlinck, Klank- en Vormleer van het Zuid-Oost-Vlaandersch Dialect. Gent, 1924
  • Woordenboek van de Vlaamse Dialekten. Gent/Tóngere, 1979-
  • E.J. van den Broecke-De Man en J.L. Eggermont, Dialecten in Oost-Zeeuwsch-Vlaanderen. Kloosterzande, 1982
  • Johan Taeldeman, De klankstructuren van het Gentse dialect. Een synchrone beschrijving en een historische en geografische situering,RUG, Gent, 1985.
  • Frans Debrabandere, Oost-Vlaams en Zeeuws-Vlaams etymologisch woordenboek: de herkomst van de Oost- en Zeeuws-Vlaamse woorden, L.J. Veen, Amsterdam 2005, ISBN 978-90-204-0364-0.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ Johan Winkler, Algemeen Nederduitsch en Friesch Dialecticon. Deel 2 · dbnl
linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica