Lingua fiamminga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Mappa che mostra i dialetti parlati in Benelux: molte persone nelle Fiandre parlano un dialetto e il fiammingo, e capiscono l'olandese parlato. I dialetti sono anche assai usati nella forma scritta, sebbene fiammingo e olandese, da questo punto di vista, siano quasi identici.

Lingua fiamminga (ISO 639-3 vls) è la definizione usata con riferimento alla variante dell'olandese parlato in Belgio, nella regione delle Fiandre (Vlaanderen, 6 milioni di abitanti circa) e da una percentuale minoritaria degli abitanti della Regione di Bruxelles-Capitale (Région de Bruxelles Capitale/Brussels Hoofdstedelijk Gewest). Esistono quattro principali dialetti olandesi nelle Fiandre: il Brabantino (incluso l'Anversese), il Fiammingo Orientale, il Fiammingo Occidentale ed il Limburghese. Gli ultimi due sono a volte considerati lingue a sé stanti.[1] Pur con alcune caratteristiche proprie, soprattutto sul piano lessicale, è in tutto e per tutto uguale alla variante settentrionale parlata nei Paesi Bassi e comunemente nota come olandese.

Esiste anche un ente pubblico misto olandese-fiammingo per il controllo sulla lingua olandese e per la sua diffusione nel mondo. Tale ente si chiama Nederlandse Taalunie (Unione linguistica olandese), è stato fondato nel 1980 e ha sede all'Aia (Paesi Bassi).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ WWT-agenzia-traduzioni.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (NL) Het Klein Woordenboek der Vlaamse Taal - Gentse toevoegingen [1] - Dizionario di fiammingo, con spiegazione in olandese standard