Seleucia al Tigri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre città con questo nome, vedi Seleucia.
Seleucia al Tigri
Σελεύκεια
Mappa delle antiche città di Seleucia e Ctesifonte, capitali del regno dei Parti e dei Sasanidi.
Mappa delle antiche città di Seleucia e Ctesifonte, capitali del regno dei Parti e dei Sasanidi.
Civiltà Seleucide
Utilizzo Città
Stile Ellenistico
Epoca 312 a.C.
Localizzazione
Stato Iraq
Provincia Baghdad
Dimensioni
Superficie 5500000
Scavi
Date scavi 1927

Coordinate: 33°05′40″N 44°31′20″E / 33.094444°N 44.522222°E33.094444; 44.522222

Seleucia al Tigri (greco antico: Σελεύκεια) è un'antica città fondata come sua capitale da Seleuco I Nicatore, iniziatore della dinastia seleucide, intorno al 312 a.C. sulla riva destra del fiume Tigri, in corrispondenza della confluenza con il canale che lo metteva in comunicazione con il fiume Eufrate. La capitale era destinata a sostituire in questa funzione l'antica Babilonia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dopo una prima fase ellenistica, venne occupata, intorno al 140 a.C., da Mitridate I di Partia formando, di fatto, un complesso urbano bipolare con l'appena fondata Ctesifonte sulla riva opposta del fiume.

Nel 117 Seleucia-Ctesifonte venne assediata, conquistata e incendiata nel corso della spedizione romana in Oriente condotta dall'imperatore Traiano e successivamente passò più volte di mano tra Romani e Parti. Nel 164 fu nuovamente distrutta dall'esercito inviato da Marco Aurelio, posto sotto il comando del fratello adottivo, Lucio Vero.

Fu in seguito rifondata dal re persiano Ardashir I, in posizione leggermente spostata rispetto alla vecchia collocazione, ebbe il nome mutato in Veh Ardashir non recuperando, comunque, mai del tutto lo sviluppo e lo splendore goduto nei secoli precedenti.

Archeologia della città[modifica | modifica sorgente]

Il sito archeologico dell'antica Seleucia, posto nella località detta Tell Omar (30 km da Baghdad), ha un'estensione di oltre 550 ettari, quasi tutti ancora da esplorare, e fin dai suoi primi scavi (1927), ha restituito una copiosa messe di materiali ed oggetti diversi. Particolarmente di pregio i rilievi ed i ritrovamenti effettuati tra il 1964 ed il 1989 dalla missione archeologica dell'Università di Torino che hanno portato all'identificazione di numerosi edifici e tombe, nonché al rinvenimento di oggetti notevoli come i 30.000 sigilli ritrovati in quello che era l'archivio della città.