Jay Leno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Douglas Muir Leno

James Douglas Muir Leno, meglio noto come Jay Leno (New Rochelle, 28 aprile 1950), è un conduttore televisivo, autore televisivo e comico statunitense.

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Leno nasce a New Rochelle, nello stato di New York, da madre scozzese, Catherine Muir, e da padre statunitense, Angelo Lena, nato a New York da una coppia di immigrati italiani originari di Flumeri, paese in provincia di Avellino. Il reale cognome di Leno è Muir-Lena (lo si può evincere dagli anagrafici comunali, evidentemente nella trascrizione è stata confusa la a con la o). Leno cresce a Andover, Massachusetts, ottenendo un diploma in terapia del linguaggio all'Emerson College nel 1973. Leno era affetto da una leggera forma di dislessia.

Il periodo cabarettistico[modifica | modifica sorgente]

Leno cominciò la sua carriera come comico solitario, recitando in night club, bar e locali che gli concedevano qualche minuto di tempo sul palco. Presto divenne noto per la sua professionalità e per la sua simpatia sia sul palco che nella vita di tutti i giorni: molto apprezzato era il suo aspetto, soprattutto per il suo mento pronunciato.

Nonostante numerose comparsate in televisione come ospite al The Tonight Show, di Johnny Carson, non ottenne fama immediata e continuò a lavorare saltuariamente nei locali. Ci sono testimonianze che Leno lavorava anche in 8 o 9 locali a notte.

Quando alcuni suoi amici e colleghi diventarono più influenti nel mondo dei talk show, cominciò a comparire sempre più frequentemente in televisione: fece un numero record di apparizioni sul Late Night with David Letterman. La sua popolarità fu notata dai vertici della NBC, che decisero di renderlo ospite permanente al The Tonight Show quando Joan Rivers abbandonò il programma.

Conduttore del Tonight Show[modifica | modifica sorgente]

The Tonight Show di Jay Leno: l'ospite della puntata è Laura Bush

Quando Carson andò in pensione nel 1992 Jay Leno divenne il nuovo conduttore del The Tonight Show dopo una lunga indecisione tra Leno e David Letterman (che era stato considerato da molti il naturale erede di Carson). Letterman firmò un accordo con la CBS, dando vita alla eterna rivalità tra il suo programma e quello di Leno. Sebbene Letterman avesse ottenuto migliori risultati all'inizio, The Tonight Show superò il rivale nel 1995 e da allora continuò ad essere in vantaggio. Nell'ottobre 2005 Leno ha dichiarato al New York Daily News che lui e il suo rivale David Letterman non si sono parlati per 13 anni.

Sebbene sia noto soprattutto per la sua arguzia, Leno è anche conosciuto per mostrare in TV il suo lato umano. Quando The Tonight Show tornò in onda dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001, cancellò il suo monologo per parlare dell'accaduto. Parlò anche del disastro dello Space Shuttle Columbia, e quando in seguito a delle decisioni arbitrali ci fu una controversia riguardante il pattinaggio artistico alle Olimpiadi invernali 2002, invitò i pattinatori canadesi danneggiati e fece suonare l'inno canadese.

Nel 1998, Jay Leno e il suo co-conduttore Kevin Eubanks furono invitati al Pay-per-view della WCW Road Wild 1998, a Sturgis, Dakota del Sud, in cui Leno combatté insieme a Diamond Dallas Page contro Hulk Hogan e il presidente della WCW Eric Bischoff, in seguito all'apparizione delle star del wrestling al The Tonight Show. Il match finì con la vittoria di Leno e Page.

Nel 2002, Leno incaricò un gruppo di professionisti di costruirgli un robot, chiamato "Chin Killa", per il programma Battlebots. Gli fu permesso di partecipare, ma non venne incluso nel torneo non essendo un prodotto amatoriale.

Dal 12 maggio 2003, si sostituì a Katie Couric andando a condurre il The Today Show con Matt Lauer. Nel 50º anniversario del The Tonight Show (27 settembre, 2004), annunciò il suo ritiro nel 2009, quando il suo contratto finirà, e che la trasmissione verrà lasciata a Conan O'Brien.

Il 6 febbraio 2014, dopo 22 anni, Jay Leno lascia il The Tonight Show. L'ultima serata ebbe ospiti d'eccezione come Billy Crystal, che partecipò anche alla prima puntata del 25 maggio 1992[1][2].

Il popolare conduttore americano fu, a partire dal 17 febbraio 2014, sostituito alla guida del celebre show da Jimmy Fallon, prima presentatore del Late Night Show.

Cameo, partecipazioni e doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Leno non è un attore molto noto, ma ha partecipato a numerosi film di scarso successo con ruoli secondari all'inizio della sua carriera. Unica eccezione è la partecipazione ad un film di discreto successo: American Hot Wax. Il suo ruolo più importante fu nel film del 1989 Collision Course, una commedia su una coppia di poliziotti male assortita, dove recitava il ruolo del detective insieme all'anziano Pat Morita. Leno apparve anche in un episodio della serie Good Times. Il suo debutto artistico può essere identificato con l'interpretazione di uno dei ragazzi in piscina nella serie "Fun with Dick and Jane" (1977).

Dopo essere diventato protagonista del Tonight Show, Leno ha fatto un gran numero di camei, soprattutto in ruoli di conduttore televisivo o in personaggi caratterizzati ironicamente da un mento prominente. Nel 1994 recitò nella parte del Bedrock's Most Wanted Host nel film I Flintstones. Nel 1994 interpretò sé stesso in Major League II con Charlie Sheen. Nello stesso periodo apparve in La tata e nella sit-com Titus. Ironizzando sul suo profilo, recitò il ruolo di "Crimson Mentone" nella serie di cartoni animati Due fantagenitori, è inoltre apparso, nel ruolo di se stesso, nel film John Q di Nick Cassavetes. Nel 2005, ha prestato la voce ad un idrante animato in Robots. Nel 2006, ha dato la voce ad un armadillo di nome "Fast Tony" in L'era glaciale 2.

Jay Leno appare anche in un episodio della serie di cartoni animati I Simpson, dove mette il suo talento al servizio di Krusty il Clown. Appare in un episodio de I Griffin, dove minaccia di morte il capitano dei Patriots in uno spezzone.

Il processo Jackson[modifica | modifica sorgente]

Nel processo del 2005 a Michael Jackson relativo alle accuse di pedofilia, Leno apparì come testimone della difesa: era prevista la presenza di molti personaggi famosi, ma Leno fu uno dei pochi a testimoniare. Come testimone gli venne impedito di continuare a fare battute sul caso; tuttavia Leno e i suoi autori ottennero una deroga dopo l'intervento della NBC, purché le battute non fossero legate alle sue dichiarazioni in tribunale.

Nella deposizione, la difesa si aspettava che Leno dicesse che aveva dichiarato alla polizia che l'accusatore di Jackson sarebbe stato istruito dalla madre su come avrebbe potuto ottenere dei soldi dalla vicenda; mentre invece egli affermò di non aver mai chiamato la polizia, né di esser stato a conoscenza di alcun passaggio di denaro; ragion per cui la testimonianza sembrò ai giudici falsa e preparata.

Hobby[modifica | modifica sorgente]

Leno è un noto collezionista di auto e moto d'epoca, che acquista e restaura personalmente. Occasionalmente guida alcune di queste auto, inclusa una Stanley Steamer originale, da casa al suo studio. È un promotore delle arti meccaniche e scrive su Popular Mechanics. Leno possiede inoltre una Mercedes SLR McLaren, una Porsche Carrera GT e una McLaren F1.

Nel 2001, Leno mise all'asta una motocicletta Harley-Davidson firmata dagli ospiti illustri del suo programma per aiutare le vittime dell'11 settembre: la moto fu venduta a 360.000 dollari. Nel 2005 ne vendette altre due, una per le vittime dello tsunami in Asia (810.000 dollari) e una per le vittime dell'uragano Katrina (1.505.100 dollari).

Un'auto personalizzata di Leno (Chiamata con il suo nome, Jay Leno Tank Car, per via della sua imponente statura e il potente motore che ricordano una motrice) è stata inserita nel videogioco del 2005 Gran Turismo 4 e Gran Turismo 5.

Nel 2014 Jay Leno partecipa alla Mille Miglia  al volante di una Jaguar XK 120 del 1951 appartenuta a Sir James Scott-Douglas[3].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Leno è sposato con Mavis Leno, famosa per il suo lavoro con le donne afghane sotto il regime talebano, dal 1980. I due non hanno figli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L’addio di Jay Leno tra le lacrime, 7 febbraio 2014. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  2. ^ L’ultima puntata di Jay Leno, dopo 22 anni, 7 febbraio 2014. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  3. ^ Jaguar alla Mille Miglia 2014 con auto di lusso e vip, 15 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79411865 LCCN: n88179392