Gran Turismo 6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gran Turismo 6
Gran turismo 6 logo-590x330.jpg
Titolo originale グランツーリスモ6
Sviluppo Polyphony Digital
Pubblicazione Sony Computer Entertainment
Ideazione Kazunori Yamauchi
Serie Gran Turismo
Data di pubblicazione PlayStation 3:
Giappone 5 dicembre 2013
ColoredBlankMap-World-10E.svg 6 dicembre 2013
Genere Simulatore di guida
Modalità di gioco Giocatore singolo, multiplayer, multiplayer online
Piattaforma PlayStation 3
Supporto Blu-ray Disc
Fascia di età ACB: G
CERO: A
ESRB: E
PEGI: 3
USK: 0
Periferiche di input Dualshock 3, volante e pedaliera
Preceduto da Gran Turismo 5

Gran Turismo 6 (グランツーリスモ6?) (o anche GT6) è un simulatore di guida sviluppato dalla Polyphony Digital e pubblicato il 6 dicembre 2013 da Sony Computer Entertainment in esclusiva per PlayStation 3. È il sesto principale capitolo della serie Gran Turismo.

È stato presentato ufficialmente il 15 maggio 2013 presso il Circuito di Silverstone, in occasione dei festeggiamenti per il 15º anniversario della serie. Il 2 luglio 2013 viene rilasciata una demo contenente la pista di Silverstone, che vale anche come qualificazione per il GT Academy.

Durante la conferenza stampa di Sony della Gamescom è stata annunciata la data d'uscita del gioco, fissata per il 6 dicembre 2013.[1]

Aggiornamenti[modifica | modifica sorgente]

Patch[modifica | modifica sorgente]

1.01

Pubblicata il 6 dicembre 2013 in concomitanza con l'uscita del gioco, attiva il componente di gioco online, gli eventi stagionali e il concessionario Vision GT, che ospiterà concept car realizzate appositamente per il gioco dai principali costruttori di automobili.[2]

1.02

Pubblicata il 18 dicembre 2013, aggiunge la sezione "Sfida Red Bull X" alla modalità Carriera e nuovi veicoli marchiati Red Bull. Ricompaiono i bonus per gli accessi consecutivi presenti in GT5, vengono incrementati i crediti delle gare e ridotti i requisiti di partecipazione agli eventi stagionali.

1.03

Pubblicata il 14 gennaio 2014, aggiunge gli interni alla BMW M4 Coupé e la Toyota FT-1, presentata al salone di Detroit 2014.

1.04

Pubblicata il 28 gennaio 2014, a completare la sezione "Sfida Red Bull X". Sono presenti quattro nuove autovetture (comprese le ultime due Red Bull) e reintrodotto il bonus di compleanno. Aggiunge la possibilità di rimuovere il fantasma in modalità Arcade e di vedere i premi degli eventi stagionali nella schermata principale dell'evento.

1.05

Pubblicata nel mese di marzo. Diverse aggiunte disponibili dal menù Lobby, compatibilità multi-monitor, funzioni di ricerca avanzata, modifiche sui kart ed altro.

1.06

Pubblicata il 7 aprile 2014, consente di creare alettoni personalizzati. Introduce anche la modalità 3D e il Registro Dati.

1.07

Pubblicata il 14 maggio 2014. Aggiunge la BMW Vision Gran Turismo, insieme alla wolkswagen Vision GTI Roadster,e apporta diverse migliorie alla lobby pubblica.

1.08

Pubblicata il 30 maggio 2014, aggiornamento che tra le altre cose introduce il "Tributo ad Ayrton Senna", aggiunge le varianti anni '80 di Brands Hatch e di Monza e introduce 4 nuovi veicoli, ossia la Mitsubishi Concept XR-PHEV EVOLUTION Vision Gran Turismo, il DAP Racing Kart #17, la West Surrey Racing, 1983 Ayrton Senna e la Lotus 97T ( queste ultime 3 ottenibili anche tramite l'evento "Tributo ad Ayrton Senna).

1.09

Pubblicato il 18 giugno 2014. Aggiunge il circuito del Red Bull Ring.

1.10

Pubblicata il 25 luglio 2014. Aggiornamento di 2115 MB che aggiunge la "Aston Martin DP-100 Vision Gran Turismo" e la "NISSAN CONCEPT 2020 Vision Gran Turismo", la possibilità di verniciare le pinze dei freni, personalizzare il numero pilota che è disponibile per più auto e Il controllo della riduzione del freno motore è stato disattivato sulle monoposto

1.11

Pubblicata il 6 agosto 2014. Aggiornamento di 30 MB che risolve il problema con la funzione monitor multiplo che provocava il blocco delle PS3 impostate come "Client". Apporta miglioramenti alla lobby aperta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://eu.gran-turismo.com/it/
  2. ^ https://www.youtube.com/watch?v=9e70G8UNsIs

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]