Costa-Gavras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Costa-Gavras, nome d'arte di Constantinos Gavras (greco: Κωνσταντίνος Γαβράς; Loutra-Iraias, 12 febbraio 1933), è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico greco naturalizzato francese.

I suoi film affrontano spesso temi politici e di denuncia sociale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Constantinos Gavras nasce a Loutra Iraias, una località di Iraia. Inizia dirigendo film polizieschi, poi si dedica al genere giallo-politico per il resto della sua carriera, spesso affiancato dallo sceneggiatore Jorge Semprun.

Trasferitosi in Francia e ottenuta la cittadinanza, nel 1965 gira il thriller Vagone letto per assassini con Yves Montand, uno degli attori preferiti dal regista, che compare in tutte le sue pellicole girate in Europa.

Con Il 13° uomo (1967), che parla della Seconda guerra mondiale in Francia, e principalmente con Z - L'orgia del potere (1969), in cui affronta la Dittatura dei colonnelli in Grecia, si pone alla critica come un regista profondamente impegnato. Z vince l'Oscar come miglior film straniero.

L'anno successivo esce La confessione, con cui Costa-Gavras dipinge uno splendido affresco dei metodi repressivi della dittatura filosovietica che governava la Cecoslovacchia ai tempi della guerra fredda.

Nel 1973 esce L'Amerikano, che denuncia l'appoggio dato dagli U.S.A. ai regimi autoritari del sudamerica. Il film (titolo originale État de siège) fu sceneggiato da Franco Solinas ispirandosi alla vicenda di Anthony Dan Mitrione, ex capo della polizia di Richmond divenuto per conto della C.I.A. "consigliere" U.S.A. di varie polizie sudamericane, che venne rapito e ucciso dai guerriglieri in Uruguay. Venne girato nel Cile socialista di Allende, poco prima del colpo di Stato di Pinochet, appoggiato anch'esso dal governo di Washington.

Del 1975 è L'affare della sezione speciale che parla dei processi del governo di Vichy.

Missing - Scomparso (1982) è ambientato nel Cile subito dopo il colpo di Stato di Pinochet. Charles Horman è un giornalista americano che scompare misteriosamente, suo padre (interpretato da Jack Lemmon) e sua moglie (Sissy Spacek) cercheranno di scoprire cosa gli sia successo. La colonna sonora del film è del musicista greco Vangelis.

Ottiene un nuovo grande successo nel 1989 con il film Music Box - Prova d'accusa (dove dirige Jessica Lange), pellicola che racconta il rapporto tra un ex criminale di guerra nazista ungherese che vive negli Stati Uniti e la figlia avvocato che prima lo difende e lo fa assolvere credendolo innocente, e poi scopre la verità. Nel 2008 il Reykjavík International Film Festival gli ha conferito il Premio alla carriera; nel 2013 riceve il Premio Magritte onorario.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

1969: Cannes: Premio della giuria, per Z - L'orgia del potere

1970: Oscar per il miglior film straniero: Z - L'orgia del potere

1972: Premio Louis-Delluc: L'Amerikano

1982: Cannes: Palma d'oro, per Missing

1990: Berlino: Orso d'oro, per Music Box

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna (Spagna)
— 29 luglio 2009[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 73823623 LCCN: n82161723