Holarchaeidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Holarchaeidae
Holarchaea.jpg
Holarchaea sp., adulto
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Archaeoidea
Famiglia Holarchaeidae
Forster & Platnick, 1984
Generi

Holarchaeidae Forster & Platnick, 1984, è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome deriva dal greco ὃλος, òlos, cioè per intero, interamente, e ἁρχαἶος, archàios, cioè primitivo, originario, antico, ed il suffisso -idae, che designa l'appartenenza ad una famiglia.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Sono ragnetti di colore da bruno scuro a nerastro, di dimensioni massime del corpo di 1,5 millimetri. Insieme agli Uloboridae e a tutti i Mesothelae sono specie completamente sprovviste di ghiandole velenifere, un carattere che conferma la loro arcaicità.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Vivono in foreste, boschi e ambienti caratterizzati da un elevato grado di umidità.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Gli esemplari sono stati rinvenuti in gran parte della Nuova Zelanda e in Tasmania[1].

Holarchaeidae - distribuzione

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Tassonomicamente è di controversa classificazione: costituita dagli autori come famiglia a sé stante nel 1984, già nel 1986 da Jörg Wunderlich e nel 1987 da Eskov è stata considerata una sottofamiglia degli Archaeidae; più di recente Wunderlich stesso l'ha posta come sottogruppo della famiglia Mimetidae[1].

Attualmente, a dicembre 2013, si compone di 1 genere e 2 specie[1]:

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista delle specie di Holarchaeidae e Famiglie di Araneae.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c The world spider catalog, version 14.5, Holarchaeidae URL consultato il 4 gennaio 2014

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Forster, R.R. & N. I. Platnick, 1984 - A review of the archaeid spiders and their relatives, with notes on the limits of the superfamily Palpimanoidea (Arachnida, Araneae). Bull. Am. Mus. nat. Hist. vol.178, p. 1-106
  • Wunderlich, J., 1986 - Spinnenfauna gestern und heute: Fossile Spinnen in Bernstein und ihre Heute Lebenden Verwandten. Erich Bauer Verlag of Quelle & Meyer. Wiesbaden, West Germany. pp. 283
  • Eskov, K.Y., 1987c - A new archaeid spider (Chelicerata: Araneae) from the Jurassic of Kazakhstan, with notes on the so called "Gondwanan" ranges of recent taxa. Neues Jahrbuch für Geologie und Paläontologie, Abhandlunge, vol.175 (1), p. 81-106
  • Wunderlich, J., 2004i - Fossil pirate spiders (Araneae: Araneoidea: Mimetidae s. l.) in Baltic and Dominican amber, with notes on intrafamiliar higher taxa. Beitr. Araneol.vol.3, p. 1249-1278

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi