Cyrtaucheniidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cyrtaucheniidae
Bolostromus sp.jpg
Bolostromus sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Mygalomorphae
Superfamiglia Cyrtauchenioidea
Famiglia Cyrtaucheniidae
Simon, 1892
Generi

Cyrtaucheniidae Simon, 1892 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal greco κυρταύχην, cioè cyrtàuchen, che significa letteralmente dal collo piegato, per la postura del cefalotorace che assumono, e deriva a sua volta dal greco κυρτός, cioè cyrtòs, che significa curvo, piegato, arcuato, e αὐχήν, cioè auchèn, dal significato di collo, cervice, nuca; infine il suffisso -idae, che designa l'appartenenza ad una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Cyrtaucheniidae, porta-trappola chiusa
Cyrtaucheniidae, porta-trappola aperta

La caratteristica di questa famiglia di ragni, che appartiene al gruppo di famiglie che costruiscono porte-trappola nel terreno o sulle rocce per catturare le prede, è quella di non avere processi spinali sui tarsi e metatarsi del I e del II paio di zampe, in pratica sui segmenti estremi. Tali processi spinali sono invece presenti in altre famiglie, ad esempio Ctenizidae.

Questi ragni, per la maggior parte, costruiscono l'apertura delle porte-trappola a guisa di wafer, cioè formate di vari strati incrociati fra loro; alcune specie le costruiscono simili al sughero per compattezza e struttura. Sono comunque ragni finora osservati di rado e parte della loro biologia ci è sconosciuta. Il genere monotipico Angka hexops possiede solo sei occhi, non essendo presenti il mediano e il posteriore, ed è lungo 15 millimetri in entrambi i sessi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è ben rappresentata in America meridionale, Asia centrale e Africa[1].

Il genere Anemesia è reperito solamente in Asia Centrale, e Cyrtauchenius è stato introdotto dall'Algeria all'Italia. Angka è endemico della foresta tropicale di Doi Inthanon, in Thailandia[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Cyrtaucheniidae: distribuzione

A seguito di recenti lavori (Bond et al., 2012a e 2012b) i 7 generi che prima costituivano la sottofamiglia Euctenizinae Raven, 1985, della famiglia Cyrtaucheniidae, sono stati assurti al rango di famiglia a sé [2].

Attualmente, a giugno 2014, si compone di 10 generi e 105 specie[1], e per la classificazione in sottofamiglie si segue quella dell'entomologo Joel Hallan[3], tranne gli Euctenizinae al 2012 assurti al rango di famiglia a sé:

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista delle specie di Cyrtaucheniidae e Famiglie di Araneae.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c The world spider catalog, version 15, Cyrtaucheniidae URL consultato il 27 giugno 2014
  2. ^ Bond, J. E., B. E. Hendrixson, C. A. Hamilton & M. Hedin. (Bond et al., 2012b) - A reconsideration of the classification of the spider infraorder Mygalomorphae (Arachnida: Araneae) based on three nuclear genes and morphology
  3. ^ Biology Catalog

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simon, 1889 - Arachnides. Voyage de M. E. Simon au Venezuela (décembre 1887-avril 1888). 4e Mémoire. Annales de la Société Entomologique de France, ser. 6, vol.9, p. 169-220.
  • Bond, J. E., C. A. Hamilton, N. L. Garrison & C. H. Ray. (Bond et al., 2012a) - Phylogenetic reconsideration of Myrmekiaphila systematics with a description of the trapdoor spider species Myrmekiaphila tigris (Araneae, Mygalomorphae, Cyrtaucheniidae, Euctenizinae) from Auburn, Alabama. ZooKeys n.190, p. 94-109 Articolo originale URL consultato il 3 novembre 2012
  • Bond, J. E., B. E. Hendrixson, C. A. Hamilton & M. Hedin. (Bond et al., 2012b) - A reconsideration of the classification of the spider infraorder Mygalomorphae (Arachnida: Araneae) based on three nuclear genes and morphology. PLoS One vol.7(6): e38753 link all'articolo originale URL consultato il 3 novembre 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi