Hexathelidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hexathelidae
Victorian funnelweb rear.jpg
Hadronyche modesta
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Mygalomorphae
Infraordine Tuberculotae
Superfamiglia Hexatheloidea
Famiglia Hexathelidae
Simon, 1892
Generi

Hexathelidae Simon, 1892 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae della classe Arachnida.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Questi ragni, insieme a quelli della famiglia Dipluridae, sono noti per la caratteristica forma ad imbuto della loro ragnatela e, fra le loro specie, ne annoverano alcune velenose per l'uomo, quali Atrax robustus. Sono di media taglia, il corpo è lungo da 1 a 5 centimetri, hanno colorazioni scure per tutto il corpo variando dal bruno fino al nero, con un carapace lucente che copre la parte anteriore del corpo. Hanno lunghe filiere ed occhi molto ravvicinati fra loro. Come altri migalomorfi, hanno le zanne alquanto lunghe dirette verso il basso e le ghiandole velenifere fra i cheliceri.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Paragonati alle vere tarantole sono piuttosto piccoli, comunque dovrebbero essere maneggiati con cautela perché è noto che le loro zanne penetrano unghie e scarpe molli, dando luogo a morsi alquanto pericolosi. Dimorano tipicamente in cunicoli che sono costruiti nella terra o in scanalature degli alberi. L'ingresso del cunicolo è costruito con cura; infatti tessono una ragnatela a forma di imbuto e si appostano alla fine di esso per catturare la preda che vi è entrata incautamente. Frequentemente li si trova sotto abitazioni, pietre e nei pressi di tronchi. Sono attivi di notte.

Il loro habitat principale è la foresta pluviale, ma sono comunque ben adattati anche dal livello del mare alle montagne.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte degli exathelidi è stata rinvenuta in Australia, Nuova Zelanda e Asia. Una specie è conosciuta nel bacino del Mediterraneo e due nell'America Meridionale. Due specie sono conosciute in Africa Centrale.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Fino al 1980 erano considerati una sottofamiglia del genere Dipluridae; uno studio dell'aracnologo Raven ha loro conferito il rango di famiglia a sé[1].

Attualmente, a dicembre 2013, si compone di 13 generi, di cui 1 fossile, e 113 specie viventi[1] qui suddivisi in sottofamiglie secondo la classificazione di Joel Hallan:

Hexathelidae - distribuzione
  • Macrothele Ausserer, 1871 — Africa, Europa, Asia

Genere fossile[modifica | modifica sorgente]

  • Rosamygale grauvogeli (Selden & Gall, 1992) ;
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista delle specie di Hexathelidae e Famiglie di Araneae.

Sinonimie[modifica | modifica sorgente]

  • Anepsiada Rainbow & Pulleine, 1918; posta in sinonimia con Hadronyche L. Koch, 1873 a seguito di uno studio dell'aracnologo Gray del 1988[1].
  • Poikilomorpha Rainbow, 1914; posta in sinonimia con Atrax O. P.-Cambridge, 1877 a seguito di uno studio dell'aracnologo Gray del 1978[1].
  • Pseudatrax Rainbow, 1914; posta in sinonimia con Hadronyche L. Koch, 1873 a seguito di uno studio dell'aracnologo Gray del 1988[1].
  • Styphlopis Rainbow, 1913; posta in sinonimia con Hadronyche L. Koch, 1873 a seguito di uno studio dell'aracnologo Gray del 1988[1].

Omonimie[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g The world spider catalog, Version 14.5, Hexathelidae URL consultato il 4 gennaio 2014

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi