Oxyopidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oxyopidae
Oxyopes.macilentus.female.-.tanikawa.jpg
Oxyopes macilentus, femmina
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Lycosoidea
Famiglia Oxiopidae
Thorell, 1870
Generi

Oxyopidae Thorell, 1870 è una famiglia di ragni appartenente all'ordine Araneae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva probabilmente dal greco ὁξύς, oxys, cioè acuto, aguzzo, a punta, e ὄψις, òpsis, cioè vista, apparenza, per la sviluppata capacità visiva, ed il suffisso -idae, che designa l'appartenenza ad una famiglia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Detti anche ragni-lince, sono predatori di altri ragni che scovano e attaccano fra le foglie e gli arbusti. Hanno otto occhi sei dei quali sono sistemati a mo' di esagono regolare, il che consente di identificarli con sicurezza. Hanno anche zampe spinose.

Oxyopidae, distribuzione

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Sono corridori molto agili e grazie alla vista acuta, ciò che consente loro di attaccare all'improvviso o d'agguato. Svariate specie, fra cui principalmente Oxiopes salticus, sono abbastanza abbondanti per essere annoverati fra gli agenti di controllo biologici in agricoltura nella lotta contro i parassiti.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Ragni cosmopoliti, ad eccezione della fascia desertica del Sahara e del deserto arabico[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, a giugno 2014, si compone di nove generi e 450 specie[1]:

Generi inglobati[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista delle specie di Oxyopidae e Famiglie di Araneae.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b The world spider catalog, version 15, Oxyopidae URL consultato il 28 giugno 2014
  2. ^ Questo genere è stato riconosciuto in sinonimia con Hamataliwa Keyserling, 1887 e ivi inglobato

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thorell, 1870 - On European spiders. Nova Acta Regiae Societatis Scientarium Upsaliensis, ser. 3, vol.7, p. 109-242.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi