Grand Theft Auto: Liberty City Stories

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grand Theft Auto: Liberty City Stories
Gta liberty city stories logo.png
Logo del gioco
Sviluppo Rockstar North, Rockstar Leeds
Pubblicazione Rockstar Games
Serie Grand Theft Auto
Data di pubblicazione 2005
Genere Azione, Avventura dinamica
Piattaforma PlayStation Portable, PlayStation 2
Fascia di età BBFC: 18
CERO: Z
DJCTQ: 18
ESRB: Ao
OFLC (AU): MA15+
OFLC (NZ): R18
PEGI: 18, violenza, turpiloquio
USK: 16
Periferiche di input DualShock 2
Preceduto da Grand Theft Auto: San Andreas
Seguito da Grand Theft Auto: Vice City Stories

Grand Theft Auto: Liberty City Stories è uno spin-off della serie di videogiochi di Grand Theft Auto, è il primo della serie ad essere distribuito su UMD per PlayStation Portable. Sviluppato da Rockstar North e Rockstar Leeds e pubblicato da Rockstar Games il 25 ottobre 2005 in USA e il 2 dicembre 2005 in Europa. Nel 2006 è nata una versione del videogioco anche per PlayStation 2.

È un prequel di Grand Theft Auto III, infatti il gioco è ambientato tre anni prima rispetto al suo predecessore.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Screenshot della versione per PSP

Il gioco è ambientato nel 1998 e racconta le vicende di Toni Cipriani (presente anche in Grand Theft Auto III). Toni è ritornato a Liberty City dopo un esilio di quattro anni per aver assassinato un uomo potente su ordine del suo boss, Salvatore Leone. Quest’ultimo, però, non lo considera più un uomo potente e mentre Toni era via, Vincenzo Cilli è ormai diventato consigliere dei Leone. A Vincenzo è affidato il compito di badare a Toni che, ovviamente, non è entusiasta di questa cosa.

Vincenzo inizia a impartire ordini a Toni, che è costretto a obbedirgli, pur non rispettandolo per il suo atteggiamento presuntuoso e arrogante. Dopo alcuni lavoretti, Toni viene mandato a recuperare l'auto di Vincenzo; quando Toni va a eseguire l'ordine, scopre però che l'auto era sorvegliata dalla polizia ed è costretto a fuggire. Seminata la polizia, Toni chiama Vincenzo ed accusa quest'ultimo di averlo sfruttato per recuperare il veicolo senza rischiare l'arresto e, per vendicarsi, gli telefona infuriato annunciandogli di non voler più lavorare per lui e porta l'auto allo sfasciacarrozze per farla rottamare.

Toni incontra Joseph Daniel "JD" O'Toole, che dirige il locale di spogliarello Paulie’s Revue Bar nel Distretto a Luci Rosse. Egli lavora per la Famiglia Sindacco, ma vuole passare sotto l'orbita dei Leone, arrabbiato con i suoi perché lo disprezzano essendo irlandese. O'Toole avvicina Cipriani dallo spioncino della porta sul retro e inizia a rivelargli i punti deboli dei nemici.

Tramite O'Toole, Toni viene a sapere che Salvatore è stato rapito dai Sindacco e che uno dei rapitori sta per allontanarsi dal locale. Toni, pedinando il rapitore, riesce a trovare Salvatore ed a salvarlo dal tentativo dei Sindacco di assassinarlo, Salvatore è grato a Toni e lo prende sotto la sua protezione. Per vendicarsi, Salvatore, insieme a Toni ed altri suoi uomini, attacca il Distretto a Luci Rosse e prende il controllo sia del quartiere e sia del locale, che viene rinominato in Sex Seven Club.

Toni comincia a fare visita a sua madre, semplicemente chiamata Ma' Cipriani. Ma’ è piuttosto arrabbiata perché Toni non l'aveva mai chiamata durante i suoi anni di assenza da Liberty City e ha conosciuto un altro uomo, Giovanni Casa, proprietario di una macelleria dei Leone, che ha sostituito virtualmente Toni come figlio. Toni cerca di riscattarsi in ogni modo, ma sua madre continua a criticarlo e a confrontarlo con suo padre ormai defunto, descritto dalla moglie come un uomo infallibile. Dopo aver tentato di dimostrare la vera natura dell'uomo scattandogli alcune foto compromettenti con delle prostitute, sua madre alla fine gli dà retta in quanto furiosa con Casa perché ha smesso di pagare il pizzo ai Leone. Per chiudere la questione, Toni lo porta con l'inganno dentro una segheria e lo fa a pezzi con un'ascia, per poi riportare i suoi resti alla sua medesima macelleria come carne da tavola. Dopo l’omicidio di Casa da parte di Toni, Ma’ decide di mettere una taglia sulla testa di Toni, pensando che lui doveva almeno morire come un vero uomo. Toni inizierà quindi a essere braccato da alcuni cacciatori di taglie, mentre nascono altri problemi.

Toni fa la conoscenza dell'amante di Salvatore, Maria Latore, che obbliga Toni a fare i lavori più strani e disparati. Maria spesso dichiara il suo amore per Toni, ma questo è dovuto dalle forti quantità di droga assunte da lei. Arriva quasi a morire per overdose, ma Toni riesce a salvarla.

Intanto in città inizia una vera e propria guerra fra Leone, Sindacco e la Famiglia Forelli. A complicare tutto c'è l'arrivo di Massimo Torini, esponente della mafia siciliana, arrivato apparentemente per calmare le tre Famiglie. Salvatore ha qualche dubbio su Torini e decide di farlo pedinare da Toni, che scopre che Torini sta progettando di scacciare la Famiglia Leone con l'aiuto dei Diablo e della Triade, altre bande di Liberty City, e di scatenare una guerra sanguinosa tra i Sindacco e i Forelli.

Dopo aver riferito ciò a Salvatore, a Toni è assegnato il compito di scortare O'Toole al suo battesimo mafioso, ma in realtà O'Toole è ucciso da Mickey Hamfists, fidato uomo dei Leone, perché Salvatore non si fida di lui.

Ritorna sulla scena Vincenzo, che vuole scusarsi con Toni per avergli fatto rischiare l'arresto ed ha intenzione di incontrarsi con lui al porto, infatti lo chiama dandogli appuntamento dentro la stiva di una nave. Raggiunto il luogo dell'incontro, diversi individui armati di motosega bloccano le uscite e tentano di fare a fette Toni, ma questo riesce a sopravvivere. Eliminati i killer, arriva Vincenzo, armato di Uzi, che confessa di essere geloso del successo di Toni ed ha deciso di farlo fuori per non rischiare di diventare una semplice pedina all'interno della famiglia. Nonostante la furbizia di Vincenzo, Toni riesce ad avere la meglio riuscendo ad uccidere il suo rivale.

La guerra fra i Leone e le altre bande mafiose raggiunge picchi mai visti e Salvatore chiede a Toni di aiutarlo a scappare a Stauton Island, il distretto centrale. Il problema è che i traghetti che collegano Portland dal resto della città sono fermi per sciopero a causa dell'imminente entrata in funzione del ponte Callahan. I due sono costretti a saltare il ponte, ancora incompleto riuscendo nell'incredibile imprese

Il primo obiettivo di Salvatore a Stauton Island è Roger C. Hole, sindaco di Liberty City e fantoccio dei Forelli, che rende difficile la vita di Salvatore. Toni è incaricato di assassinarlo mentre fa jogging al parco e riesce nella missione. Salvatore incarica Toni di aiutare il miliardario Donald Love, impresario edile alleato dei Leone, a diventare nuovo sindaco di Liberty City svolgendo per lui alcuni lavori. Con Love come sindaco i Leone possono infatti controllare la città. Purtroppo la gente apprende la connessione fra Love e Toni e le elezioni vanno quindi a favore di Miles O'Donovan, altra pedina dei Forelli. E così inizia una guerra tra mafiosi per le elezioni municipali.

Nel frattempo Toni è convocato da Salvatore per il suo battesimo mafioso; contrariamente a quanto accaduto a JD, a Toni va tutto bene e addirittura Ma' Cipriani, orgogliosa di suo figlio, decide di ritirare la taglia su di lui.

Salvatore Leone continua a indagare su Torini, scoprendo che stava mettendo sotto pressione il sindaco per far continuare le guerre fra le Famiglie, per poter poi sottrarre loro il comando di Liberty City. Toni è aiutato da Leon McAffrey, poliziotto corrotto nell'orbita della famiglia Leone e mentore del suo collega Ray Machowski.

La guerra fra bande raggiunge il culmine massimo quando Salvatore è arrestato dall'FBI e messo nella prigione di Shoreside Vale. Salvatore incolpa i Sindacco e i Forelli e ordina a Toni di eliminare il capo dei Sindacco, ossia Paulie Sindacco. Quando Toni riesce nell'impresa, i Leone accrescono il loro potere nella città.

La situazione non migliora perché i Leone iniziano ad essere attaccati da tutti i fronti dalle altre bande, come Diablo, Triade e Yakuza. È in questo periodo che Toni conosce Toshiko Kasen, la bella e nobile moglie del capo della Yakuza, Kazuki Kasen. Toshiko confessa a Toni di sentirsi trascurata da suo marito, che preferisce la compagnia degli uomini della Yakuza. È per questo che Toshiko vuole suo marito morto, ma non prima che lui e la sua Yakuza siano umiliati. Assume quindi Toni per quest'incarico. Comunque, dopo che Tony uccide Kazuki, Toshiko decide di suicidarsi, desiderando solo la libertà interiore.

Intanto Toni riceve una telefonata da Donald Love, che dopo il suo fallimento politico vive ora in miseria a Shoreside Vale. Donald chiede a Tony l'aiuto per un grosso affare e sebbene Toni all'inizio sia riluttante, alla fine accetta. I due organizzano l'omicidio del vecchio mentore di Donald, Avery Carrington, in arrivo a Liberty City con alcuni progetti per la Panlantic Corporation, una società edilizia, che avrebbero reso Love di nuovo ricco. Arrivando all'aeroporto scortato dal Cartello Colombiano, Avery è ucciso da Toni che ruba i suoi progetti. Il reporter Ned Burner lo scopre ma Toni sopprime anche lui prima che renda diffusa la notizia.

Donald ha comunque bisogno di alcuni territori per fare in modo che l'accordo vada in porto; sceglie quindi la zona molto popolata di Fort Staunton per la demolizione. Toni è infatti incaricato di demolire la zona, con l'aiuto dell'esperto di esplosivi 8-Ball che lo aiuta a caricare esplosivi su un furgone, portato da Toni a una metropolitana abbandonata sotto Fort Staunton. Toni riesce nella missione, facendo esplodere l'intero quartiere e probabilmente provocando anche la morte di Franco Forelli, boss della famiglia Forelli. Di nuovo ricco, Love si trasferisce in una residenza più grande nel quartiere di Cedar Grove. I membri del Cartello che avevano accompagnato Avery vogliono ricattare però Love, è quindi costretto ad abbandonare la città.

Salvatore è intanto rilasciato su cauzione ed è ottimista sul fatto che l'accusa su di lui sarebbe stata ritirata dal sindaco O'Donovan. Massimo Torini rientra in scena, rapendo il sindaco per impedirgli di fare ciò, ma Salvatore e Toni decidono di raggiungerlo. Arrivati al faro di Portland, dove O'Donovan è tenuto imprigionato da Torini, l'antagonista principale del gioco spiega i motivi delle ostilità verso i Leone. Torini rivela che ormai in Sicilia non ricevono più la giusta dose di contributi e per loro era arrivato il momento di espandersi in America, a Liberty City. Torini tenterà di scappare su un elicottero, abbattuto però da Toni. Toni e Salvatore salvano quindi O'Donovan, che passa sotto la protezione dei Leone.

Il gioco si chiude con l'incontro fra Toni, Salvatore e lo zio di quest'ultimo, boss dei Siciliani. I due, pur odiandosi molto, si assicurano che non sarebbero mai accaduti problemi simili. Liberty City è quindi sotto il pieno controllo della Famiglia Leone.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco si basa sulle ambientazioni di Grand Theft Auto III e si svolge nella città di Liberty City, sebbene esistano molte modifiche rispetto a GTA III: alcuni edifici appaiono in costruzione, altri sono completamente assenti. Le differenze più note sono:

  • Il ponte Callahan e il Tunnel Porter che in GTA III collegavano il distretto di Portland con quello di Stauton Island sono entrambi in costruzione e sono sostituiti da un servizio di traghetti.
  • Nel quartiere di Fort Stauton, al posto dell'immenso cantiere, è presente un complesso di appartamenti, tra cui un teatro e diversi magazzini.

Doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Double Cleff FM[modifica | modifica wikitesto]

Flashback FM[modifica | modifica wikitesto]

Head Radio[modifica | modifica wikitesto]

  • Conor & Jay - "Train"
  • Cloud Nineteen - "The One For Me"
  • L-Marie (feat. Raff) - "Free Yourself"
  • 15 Ways - "Drive"
  • Rosco Stow - "Welcome to the Real World"
  • Vanilla Smoothie - "Keep Dreaming"

K-Jah[modifica | modifica wikitesto]

  • Selah Collins, Ruddy Ranks, Redeye - "Pick a Sound"
  • Errol Bellot, Ruddy Ranks, Redeye - "What a Wonderful Feeling"
  • Kenny Knots, Ruddy Ranks, Redeye - "Watch How the People Dancing"
  • Richie Davis, Ruddy Ranks, Redeye - "Lean Boot"
  • Peter Bouncer, Ruddy Ranks, Redeye - "Ready For the Dancehall Tonight"
  • Richie Davis, Ruddy Ranks, Redeye - "You Ha Fe Cool"
  • Kenny Knots, Ruddy Ranks, Redeye - "Ring My Number"
  • Kenny Knots, Ruddy Ranks, Redeye - "Run Come Call Me"

The Liberty Jam[modifica | modifica wikitesto]

Lips 106[modifica | modifica wikitesto]

  • Rudy La Fontaine - "Funk in Time"
  • Sawaar - "Love is the Feeling"
  • Sunshine Shine - "Mine Until Monday"
  • Credit Check - "Get Down"
  • Cool Timers - "Tonight"
  • Nina Barry - "Bassmatic"
  • The Jackstars - "Into Something (Come on, Get Down)"

MSX 98[modifica | modifica wikitesto]

Radio Del Mundo[modifica | modifica wikitesto]

Rise FM[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]