Fat Joe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fat Joe
Fat Joe
Fat Joe
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere East Coast rap
Hardcore rap
Rap latino
Periodo di attività 1993(solista) -in attività
Etichetta Terror Squad Entertainment
Imperial Records
Virgin Records
Gruppo attuale Terror Squad
Album pubblicati 6
Studio 6
Gruppi e artisti correlati D.I.T.C., Terror Squad, DJ Khaled
Sito web

Fat Joe, nome d'arte di Joseph Antonio Cartagena (New York, 19 agosto 1970), è un rapper statunitense di origini cubane e portoricane.

Dopo una brillante carriera negli anni novanta, in cui prese parte anche nel gruppo D.I.T.C., che raggruppa stelle dell'Hip hop, ha ottenuto un buon successo commerciale, specialmente in America.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joe diventa popolare presso la scena underground hip hop durante l'inizio degli anni 1990 continuando a rimanerlo oltre la metà del decennio, anche grazie all'affiliazione con la D.I.T.C. Crew (Diggin' in the Crates), di cui fanno parte rapper di tutto rispetto come Showbiz and A.G., Buckwild, O.C., Diamond D, Big L e Lord Finesse.

Con l'album del 2001 J.O.S.E. (Jealous Ones Still Envy), Joe mette a segno due ottimi colpi con i due singoli We Thuggin', assieme ad R. Kelly, e What's Luv?, con la promessa dell'R&B Ashanti, che diventa una delle hit di maggiore successo del 2002.

Verso la fine del 2002, Joe pubblica l'album Loyalty che contiene i singoli Crush Tonite (featuring Ginuwine) e All I Need. Il rapper inoltre appare in diversi film come Empire con John Leguizamo e Peter Sarsgaard.

Fat Joe incise anche un album di debutto intitolato con il suo nome nel settembre 1999. Dopo diversi cambiamenti (inclusa la morte improvvisa di Big Pun e l'espulsione di Cuban Link) la clique fa uscire un secondo album True Story nel luglio 2004. Il singolo Lean Back in cui compare solo Fat Joe e il nuovo membro Remy Ma (già nota come Remy Martin) diventa una grande hit e raggiunge il numero uno della Billboard Singles Chart. Il brano venne poi inserito nella colonna sonora del videogioco Need for Speed: Underground 2. La canzone fu poi remixata da Lil Jon, con una nuova strofa di Joe e il featuring di Eminem, Ma$e e Lil Jon. Nel settembre 2004, Jose Mulero, una ex guardia del corpo di Fat Joe, è arrestato e accusato di un omicidio risalente al 1994, nella cui sparatoria pare fosse implicato anche Fat Joe.

Alla fine del 2004 Fat Joe ritorna al successo per la partecipazione nel brano New York di Ja Rule, dove compare anche Jadakiss. A causa di questa collaborazione nasce una lite con 50 Cent: questi lo prende in giro nel suo brano Piggy Bank (dall'album The Massacre del 2005) e Fat Joe ribatte che, diversamente da lui, 50 Cent non si è mai esibito live nei club; per questo offre anche un premio di 1000 dollari a chi gli porterà una foto di un concerto di 50 Cent in un club. Esce poi una canzone che risponde a Piggy Bank: è My Fofo (riferito a una pistola 44 Magnum), bonus track dell'album All or Nothing, insieme al remix di Lean Back featuring Eminem e Lil'Jon.[1]. Il primo singolo è "So Much More", nel cui video compare DJ Kay Slay, che si era fatto anche chiamare il "Fat Joe nero". Nel secondo singolo, prodotto da Scott Storch "Get It Poppin'", compare anche Nelly; il brano è usato come sigla di WWE 2005 SummerSlam.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Albums ufficiali
Represent
  • Data di pubblicazione: 27 giugno 1993
  • Etichetta: Relativity
Jealous One's Envy
  • Data di pubblicazione: 24 ottobre 1995
  • Etichetta: Relativity
Don Cartagena
  • Data di pubblicazione: 1 settembre 1999
  • Etichetta: Atlantic
Jealous Ones Still Envy (J.O.S.E.)
  • Data di pubblicazione: 4 dicembre 2001
  • Etichetta: Atlantic
Loyalty
  • Data di pubblicazione: 12 novembre 2002
  • Etichetta: Atlantic
All or Nothing
  • Data di pubblicazione: 14 giugno 2005
  • Etichetta: Atlantic
Me, Myself & I
  • Data di pubblicazione: 14 novembre 2006
  • Etichetta: Virgin
The Elephant in the Room
  • Data di pubblicazione: 11 marzo 2008
  • Etichetta: Virgin
Jealous Ones Still Envy 2 (J.O.S.E. 2)
  • Data di pubblicazione: 6 ottobre 2009
  • Etichetta: Virgin
The Darkside Vol.1
  • Data di pubblicazione: 27 luglio 2010
  • Etichetta: E1 Music

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.nobodysmiling.com/hiphop/news/86671.php

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85538971 LCCN: no98117929