Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza
Dioecesis Montis Politiani-Clusina-Pientina
Chiesa latina
1180 - Il Duomo - Montepulciano.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino
Regione ecclesiastica Toscana
  Italy Tuscany Diocese map Montepulciano-Chiusi-Pienza.svg
Vescovo Stefano Manetti
Sacerdoti 78 di cui 59 secolari e 19 regolari
898 battezzati per sacerdote
Religiosi 20 uomini, 83 donne
Diaconi 1 permanenti
Abitanti 73.100
Battezzati 70.100 (95,9% del totale)
Superficie 1.068 km² in Italia
Parrocchie 46 (3 vicariati)
Erezione III secolo (Chiusi)
1462 (Pienza)
1561 (Montepulciano)
in plena unione dal 30 settembre 1986
Rito romano
Cattedrale Santa Maria Assunta
Concattedrali Santa Maria Assunta
San Secondiano
Santi patroni San Giovanni Battista
Sant'Andrea
Santa Mustiola
Indirizzo Via S. Donato 13, 53045 Montepulciano [Siena], Italia
Sito web www.montepulcianochiusipienza.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Italia

La diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza (in latino: Dioecesis Montis Politiani-Clusina-Pientina) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino appartenente alla regione ecclesiastica Toscana. Nel 2004 contava 70.100 battezzati su 73.100 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Stefano Manetti.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende i comuni della provincia di Siena di Abbadia San Salvatore, Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, Pienza, Radicofani, San Casciano dei Bagni, San Giovanni d'Asso, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena e Trequanda.

Sede vescovile è la città di Montepulciano, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta. A Pienza e a Chiusi sono le due concattedrali, dedicate rispettivamente a Santa Maria Assunta e a San Secondiano.

Il territorio è suddiviso in 46 parrocchie, raggruppate in 3 vicarie foranee: di Chiusi-Chianciano-Montepiesi, di Montepulciano, di Pienza-Val di Chiana-Val d'Asso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi di Chiusi[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Chiusi fu eretta nel III secolo: il primo vescovo, Lucio Petronio Destro, è storicamente documentato nel 322.

La diocesi copriva inizialmente un vasto territorio della Tuscia, che successivamente fu smembrato per dare origine ad altre circoscrizioni ecclesiastiche: nel 1325 per l'erezione della diocesi di Cortona; nel 1462 per l'erezione delle diocesi di Pienza e di Montalcino; nel 1561 per l'erezione della diocesi di Montepulciano; nel 1600 per l'erezione della diocesi di Città della Pieve; nel 1772 per ingrandire il territorio di Montalcino.

Nel territorio diocesano v'erano le abbazie del Monte Amiata, di Sant'Antimo[1] e di Monte Oliveto Maggiore; oltre a Chiusi, la diocesi si estendeva sugli attuali comuni di Cetona, Chianciano, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Radicofani e Abbadia San Salvatore.

Il 23 aprile 1459 Chiusi entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Siena.

Diocesi di Pienza[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Pienza fu eretta il 13 agosto 1462 con la bolla Pro excellenti di papa Pio II ricavandone il territorio dalle diocesi di Chiusi e di Arezzo. Originariamente era unita aeque principaliter alla diocesi di Montalcino e immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Tra il 20 novembre 1528 e il 1535 l'unione tra Montalcino e Pienza fu revocata una prima volta e successivamente fu revocata una seconda volta tra il 1554 e il 1563.

Il 23 maggio 1594 papa Clemente VIII, con la bolla Ad exequendum, divise definitivamente Montalcino da Pienza, con effetto a partire dalla fine dell'episcopato del vescovo Francesco Maria Piccolomini, conclusosi con la sua morte nel 1599.

Apparteneva alla diocesi pientina anche l'abbazia di Monte Oliveto Maggiore, che nel 1765 divenne abbazia nullius dioecesis ottennendo l'esenzione dalla giurisdizione vescovile.

Il 15 giugno 1772 le diocesi di Chiusi e di Pienza furono unite aeque principaliter. Contestualmente Pienza cedette una porzione di territorio, comprensiva di 8 pievi, a vantaggio della diocesi di Montalcino.

Diocesi di Montepulciano[modifica | modifica wikitesto]

Incerta è l'epoca in cui la chiesa di Santa Maria Assunta di Montepulciano fu eretta in collegiata; di certo lo era già nel 1217, anno in cui si ha notizia di un arciprete di Montepulciano. Nel 1400 papa Bonifacio IX concesse all'arciprete il titolo abbaziale e l'uso della mitria e del pastorale. Nel 1480 papa Sisto IV dichiarò la collegiata esente dalla giurisdizione del vescovo di Arezzo e immediatamente soggetta alla Santa Sede.

La diocesi di Montepulciano fu eretta il 10 novembre 1561 con la bolla Ecclesiarum utilitatem[2] di papa Pio IV, ricavandone il territorio da due diocesi limitrofe: quella di Chiusi e quella di Arezzo.

Dalla diocesi di Chiusi infatti furono acquisite le parrocchie di: San Giovanni a Villanuova, tra Montepulciano e Monticchiello (zona Casa al Vento); la pieve di San Vincenzo, a Castelnuovo (località La Pievaccia), unita alla pieve di Sant'Egidio a Gracciano; la pieve di San Vittorino ad Acquaviva; la prioria di San Pietro ad Abbadia; la pieve di San Silvestro alla falde del Monte di Totona; la pieve di Sant'Albino in Parcia, a Sant'Albino; la parrocchia di Sant'Ilario ad Argiano; la pieve di San Lorenzo a Valiano; la pieve di Sant'Egidio a Gracciano; la Cura di Sant'Andrea a Cervognano la cura di Santa Mustiola alle Caggiole.

Dalla diocesi di Arezzo, invece: la pieve di Santa Maria in Montepulciano; Sant'Agostino in Montepulciano (dalla riunione di San Bernardo e San Mustiola); la parrocchia del Gesù in Montepulciano (San Bartolommeo); la parrocchia di S. Maria e Lucia (già Santa Maria della Veste nera); la parrocchia di San Bartolommeo a Caselle, (ora in San Biagio); la parrocchia di San Martino, ora in Santa Maria delle Grazie, sotto il borgo di Sant'Agnese; la parrocchia di Santa Maria a Nottola; la pieve della soppressa Badia di San Pietro a Ruoti in Val d'Ambra.

La diocesi era molto piccola, dato che il territorio diocesano comprendeva la sola città di Montepulciano con le sue contrade. Era immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza[modifica | modifica wikitesto]

Alberto Giglioli, vescovo ausiliare dal 1970 al 1975 dell'amministratore apostolico di Montepulciano Mario Jsmaele Castellano (arcivescovo di Siena), fu nominato il 7 ottobre 1975 vescovo delle tre diocesi di Montepulciano, Chiusi e Pienza, le quali si trovavano ad essere così unite in persona episcopi, avendo ciascuna diocesi propria autonomia giuridica.

Il 30 settembre 1986, in forza del decreto Instantibus votis della Congregazione per i Vescovi, fu stabilita la plena unione delle tre diocesi; la nuova circoscrizione ecclesiastica assunse il nome di diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza e divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino.

Nell'occasione, la Badia di San Pietro a Ruoti in Val d'Ambra venne scorporata dalla diocesi di Montepulciano e venne inglobata nell'attuale diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro. Montepulciano conserva la cattedrale e il suo capitolo, mentre i capitoli di Chiusi e di Pienza furono mantenuti come capitoli delle rispettive concattedrali. La curia di Montepulciano divenne l'unica curia diocesana.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi di Montepulciano[modifica | modifica wikitesto]

  • Spinello Benci † (9 gennaio 1562 - 10 agosto 1596 deceduto)
  • Sinolfo Benci † (24 gennaio 1597 - 5 giugno 1599 deceduto)
  • Sallustio Tarugi † (10 gennaio 1600 - 1º ottobre 1607 nominato arcivescovo di Pisa)
  • Roberto Ubaldini † (1º ottobre 1607 - 1622 dimesso)
  • Alessandro Della Stufa † (2 ottobre 1623 - 1640 dimesso)
  • Talento de' Talenti † (3 dicembre 1640 - 1651 deceduto)
  • Leonardo Dati † (19 febbraio 1652 - 1652 deceduto)
  • Marcello Cervini † (23 settembre 1652 - 8 agosto 1663 deceduto)
  • Antonio Cervini † (13 agosto 1663 - 9 settembre 1706 deceduto)
  • Callisto Lodigeri O.S.M. † (11 aprile 1707 - 4 marzo 1710 deceduto)
  • Francesco Maria Arrighi † (1º dicembre 1710 - settembre 1726 deceduto)
  • Antonio Maria Vantini † (17 marzo 1727 - 19 gennaio 1746 deceduto)
  • Pio Magnoni † (4 settembre 1747 - 4 ottobre 1755 deceduto)
  • Pietro Maria Franzesi † (3 gennaio 1757 - 7 dicembre 1799 deceduto)
    • Sede vacante (1799-1802)
  • Pellegrino Maria Carletti † (20 settembre 1802 - 4 gennaio 1827 deceduto)
    • Sede vacante (1827-1829)
  • Ippolito Niccolai † (27 luglio 1829 - 17 dicembre 1832 deceduto)
  • Pietro Saggioli † (23 giugno 1834 - 19 febbraio 1839 deceduto)
  • Claudio Samuelli † (27 gennaio 1843 - 19 settembre 1854 deceduto)
    • Sede vacante (1854-1857)
  • Ludovico Maria Paoletti † (3 agosto 1857 - 23 aprile 1890 deceduto)
  • Felice Gialdini † (23 aprile 1890 succeduto - 28 novembre 1898 dimesso e nominato vescovo titolare di Cirene)
  • Giuseppe Batignani † (28 novembre 1898 - 4 febbraio 1933 deceduto)
  • Emilio Giorgi † (18 settembre 1933 - 8 giugno 1964 deceduto)
    • Sede vacante (1964-1975)[3]
  • Alberto Giglioli † (7 ottobre 1975 - 30 settembre 1986 nominato vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza)

Vescovi di Chiusi[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucio Petronio Destro † (? - 11 dicembre 322 deceduto)
  • San Fiorentino † (menzionato nel 558/560)
  • Ecclesio † (prima del 600 - dopo il 604)
  • Marcellino † (menzionato nel 619)
  • Teodoro † (prima del 676 - dopo il 679)
  • Arialdo I † (menzionato nel 730 circa)
  • Gisolfo † (menzionato nel 752)
  • Andrea † (menzionato nell'826)
  • Teobaldo I † (menzionato nell'835)
  • Taceprando † (menzionato nell'853)
  • Liutprando † (menzionato nell'861)
  • Cristiano † (menzionato nel 911)
  • Luto † (prima del 962 - dopo il 968)
  • Arialdo II † (996 - 1036 deceduto)
  • Guido † (1036 - 1049)
  • Pietro I † (1049 - ?)
  • Giovanni † (menzionato nel 1059)
  • Lanfranco Bovacciani † (prima del 1066 - dopo il 1098)
  • Pietro II † (prima del 1116 - dopo il 1126)
  • Martino † (menzionato nel 1146)
  • Ranieri I † (menzionato nel 1176)
  • Leone † (menzionato nel 1179)
  • Teobaldo II † (menzionato nel 1191)
  • Lanfranco II † (menzionato nel 1200)
  • Gualfredo II † (prima del 1210 - dopo il 1211)
  • Ermanno † (prima del 1215 - dopo il 1230)
  • Gualfredo II ? † (menzionato nel 1231)
  • Pisano † (prima del 1235 - dopo il 1237)
  • Graziano † (circa 1240 - 10 agosto 1245 deceduto)
  • Frogerio o Frigerio † (1245 - 11 maggio 1248 nominato vescovo di Perugia)
  • Pietro † (menzionato nel 1250)
  • Ranieri II † (prima del 1260 - dopo il 1272)
  • Pietro † (17 aprile 1273 - 1299 deceduto)
  • Matteo de Medici, O.P. † (1299 - dopo il 1313 deceduto)
  • Matteo Orsini, O.F.M. † (12 gennaio 1317 - 15 giugno 1322 deceduto)
    • Leonardo † (9 luglio 1322 - 1327 dimesso) (amministratore apostolico)
  • Raniero III, O.S.B.Vall. † (25 settembre 1327 - ? deceduto)
  • Angelo † (3 marzo 1343 - ? deceduto)
  • Francesco de Aptis † (17 settembre 1348 - 17 aprile 1353 nominato abate di Montecassino)
  • Biagio, O.Cist. † (12 agosto 1353 - 1357 deceduto)
  • Biagio Geminelli † (21 agosto 1357 - ?)
  • Giacomo Tolomei, O.F.M.Conv. † (1383 - 1384 nominato vescovo di Grosseto)
  • Clemente Cennino † (1384 - ?)
  • Matteo III † (9 dicembre 1388 - 1393 deceduto)
  • Edoardo Michelotti, O.F.M. † (5 settembre 1393 - 29 febbraio 1404 nominato vescovo di Perugia)
  • Antonio I, O.S.B. † (27 febbraio 1404 - 1410 deposto)
  • Biagio Ermanni † (28 aprile 1410 - 16 novembre 1418 deceduto)
  • Pietro Paolo Bertini † (14 dicembre 1418 - 1437 deceduto)
  • Alessio de Cesari † (8 gennaio 1438 - 22 marzo 1462 nominato arcivescovo di Benevento)
  • Giovanni Chinugi † (6 aprile 1462 - 7 ottobre 1462 nominato vescovo di Montalcino e Pienza)
  • Gabriele Piccolomini, O.F.M. † (7 gennaio 1463 - 1483 deceduto)
  • Lorenzo Mancini † (22 ottobre 1483 - ?)
  • Antonio II † (1490 - 1497 deceduto)
  • Sinolfo di Castel Lotario † (8 marzo 1497 - 1503 deceduto)
  • Bonifacio di Castel Lotario † (8 febbraio 1503 - 1504 deceduto)
  • Niccolò Bonafede † (20 giugno 1504 - 1533 deceduto)
  • Bartolomeo Ferratini † (14 gennaio 1534 - 1534 deceduto)
  • Gregorio Magalotti † (20 agosto 1534 - settembre 1537 deceduto)
  • Giorgio Andreasi † (20 marzo 1538 - 2 aprile 1544 nominato vescovo di Reggio Emilia)
  • Giovanni Ricci † (20 febbraio 1545 - 19 novembre 1554 dimesso)
  • Figliuccio de Figliucci † (19 novembre 1554 - 1558 deceduto)
  • Salvatore Pacini † (24 agosto 1558 - 1581 deceduto)
  • Masseo Bardi, O.F.M. † (29 maggio 1581 - 1597 deceduto)
  • Ludovico Martelli † (1597 - prima del 1601 deceduto)
  • Fausto Mellari † (22 aprile 1602 - 1607 deceduto)
  • Orazio Spannocchi † (12 gennaio 1609 - 5 settembre 1620 deceduto)
  • Alfonso Petrucci † (16 novembre 1620 - marzo 1633 deceduto)
  • Giovanni Battista Piccolomini † (20 giugno 1633 - 14 luglio 1637 deceduto)
  • Ippolito Campioni † (14 dicembre 1637 - 27 gennaio 1647 deceduto)
  • Carlo de' Vecchi † (2 marzo 1648 - 12 marzo 1657 dimesso)
  • Alessandro Piccolomini † (12 marzo 1657 - 6 novembre 1661 deceduto)
  • Marco Antonio Marescotti † (11 febbraio 1664 - 8 dicembre 1681 deceduto)
  • Lucio Borghesi † (25 maggio 1682 - 31 luglio 1705 deceduto)
  • Gaetano Maria Bargagli, O.S.B. † (22 febbraio 1706 - 30 giugno 1729 deceduto)
  • Giovanni Battista Tarugi † (23 dicembre 1729 - 14 settembre 1735 deceduto)
  • Pio Magnoni † (9 luglio 1736 - 4 settembre 1747 nominato vescovo di Montepulciano)
  • Giustino Bagnesi, O.S.B.Oliv. † (15 luglio 1748 - 15 giugno 1772 nominato vescovo di Chiusi e Pienza)

Vescovi di Pienza e Montalcino[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi di Pienza[modifica | modifica wikitesto]

  • Gioia Dragomani † (15 dicembre 1599 - 26 dicembre 1630 deceduto)
  • Scipione Pannocchieschi † (28 luglio 1631 - 3 marzo 1636 nominato arcivescovo di Pisa)
  • Ippolito Borghese, O.S.B.Oliv. † (1º settembre 1636 - 1637 deceduto)
  • Giovanni Spennazzi † (5 ottobre 1637 - 11 agosto 1658 deceduto)
    • Sede vacante (1658-1664)
  • Giocondo Turamini † (31 marzo 1664 - 17 gennaio 1665 deceduto)
  • Giovanni Checconi † (11 novembre 1665 - 19 marzo 1668 deceduto)
  • Girolamo Borghesi, O.S.B. † (17 settembre 1668 - 15 gennaio 1698 deceduto)
  • Antonio Forteguerra † (15 settembre 1698 - gennaio 1714 deceduto)
  • Ascanio Silvestri † (13 giugno 1714 - novembre 1724 deceduto)
  • Cinugo Settimio Cinughi † (18 aprile 1725 - marzo 1740 deceduto)
  • Francesco Maria II Piccolomini † (3 luglio 1741 - 27 gennaio 1772 dimesso)

Vescovi di Chiusi e Pienza[modifica | modifica wikitesto]

  • Giustino Bagnesi, O.S.B.Oliv. † (15 giugno 1772 - gennaio 1775 deceduto)
  • Giuseppe Pannilini † (13 novembre 1775 - 12 agosto 1823 deceduto)
  • Giacinto Pippi † (12 luglio 1824 - 30 dicembre 1839 deceduto)
    • Sede vacante (1839-1843)
  • Giovanni Battista Ciofi † (27 gennaio 1843 - 25 marzo 1870 deceduto)
    • Sede vacante (1870-1872)
  • Raffaele Bianchi † (29 luglio 1872 - 30 dicembre 1889 dimesso)
  • Giacomo Bellucci † (30 dicembre 1889 - 19 febbraio 1917 deceduto)
  • Giuseppe Conti † (22 marzo 1917 - 24 aprile 1941 deceduto)
  • Carlo Baldini, O.M.D. † (31 luglio 1941 - 2 gennaio 1970 deceduto)
    • Sede vacante (1970-1975)
  • Alberto Giglioli † (7 ottobre 1975 - 30 settembre 1986 nominato vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza)

Vescovi di Montepulciano-Chiusi-Pienza[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 73.100 persone contava 70.100 battezzati, corrispondenti al 95,9% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
diocesi di Montepulciano
1950 20.000 20.000 100,0 41 34 7 487 7 27 19
1969 16.250 16.300 99,7 22 22 738 17
1980 14.850 15.100 98,3 27 20 7 550 8 35 18
diocesi di Chiusi e Pienza
1950 30.000 30.000 100,0 50 40 10 600 10 57 36
1970 26.000 26.000 100,0 38 35 3 684 4 45 36
1980 49.345 59.501 82,9 59 57 2 836 11 133 61
diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza
1990 71.500 72.000 99,3 75 59 16 953 18 130 46
1999 69.669 71.844 97,0 70 56 14 995 1 14 107 46
2000 69.705 71.890 97,0 70 56 14 995 1 14 95 46
2001 69.164 71.525 96,7 72 56 16 960 1 18 91 46
2002 69.539 72.545 95,9 64 47 17 1.086 1 18 92 46
2003 69.500 72.500 95,9 80 61 19 868 1 20 95 46
2004 70.100 73.100 95,9 78 59 19 898 1 20 83 46

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quest'ultima rimase nullius dioecesis fino al 1462, quando perse la sua immunità ed entrò a far parte della diocesi di Montalcino.
  2. ^ Testo della bolla in: Cappelletti, op. cit., pp. 302-304.
  3. ^ Durante la vacanza della sede furono nominati amministratori apostolici: Carlo Baldini, vescovo di Chiusi e Pienza (1964 - 1970); e Mario Jsmaele Castellano, arcivescovo di Siena (1970 - 1975).
  4. ^ Dal 1528 al 1535 fu vescovo solo di Pienza.
  5. ^ Dal 1554 al 1563 fu vescovo solo di Pienza.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Per la sede di Montepulciano[modifica | modifica wikitesto]

Per la sede di Chiusi[modifica | modifica wikitesto]

Per la sede di Pienza[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi