Claire Bloom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claire Bloom nel 2013

Patricia Claire Blume, nota come Claire Bloom (Londra, 15 febbraio 1931), è un'attrice cinematografica, teatrale e televisiva britannica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Claire Bloom nel film Il maestro di Vigevano (1963)

Attrice di grande sensibilità e di quieta bellezza, Claire Bloom raggiunse la celebrità sui palcoscenici britannici, dove aveva debuttato nel 1946[1], con un ruolo di primo piano in Ring Round the Moon[2]. Nel 1950, dopo una stagione a Stratford-on-Avon, venne segnalata a Charlie Chaplin, alla ricerca di una giovane interprete per il ruolo di Terry, la dolce ballerina protagonista del film che aveva in preparazione, Luci della ribalta (1952)[2].

Il successo di Luci della ribalta rivelò le doti di interprete drammatica e la sensualità nascosta della Bloom[1], aprendole definitivamente le porte del cinema e facendole ottenere una fama internazionale in seguito non più eguagliata[1]. Negli anni successivi l'attrice partecipò ad altri celebri film quali Riccardo III (1955), diretto e interpretato da Laurence Olivier, in cui interpretò Lady Lancaster, Alessandro il Grande (1956), con Richard Burton e Fredric March, e I giovani arrabbiati (1958), ancora con Burton, tratto dal dramma Ricorda con rabbia di John Osborne e diretto da Tony Richardson.

Sposatasi nel 1959 con l'attore americano Rod Steiger[2], la Bloom si trasferì per un certo periodo negli Stati Uniti, dove partecipò - tra gli altri - ai film Sessualità (1962) di George Cukor, in cui interpretò il ruolo della divorziata ninfomane sull'orlo del suicidio[1], L'oltraggio (1964), accanto a Paul Newman, e I due mondi di Charly (1968), al fianco di Cliff Robertson.

Ebbe anche una breve parentesi in Italia, comparendo nei film Il maestro di Vigevano (1963) di Elio Petri e Alta infedeltà (1964), nel quale venne diretta nuovamente da Petri nell'episodio Peccato nel pomeriggio.

Mai adattatasi del tutto a Hollywood la Bloom nel 1969 divorziò da Steiger e riprese la carriera prevalentemente sulle scene inglesi, sia a teatro con A Streetcar Named Desire, che alla televisione e al cinema. Tra le altre sue apparizioni cinematografiche, quelle nell'horror Gli invasati (1963), nel film di spionaggio La spia che venne dal freddo (1965), in cui recitò nuovamente con Richard Burton, e nel film mitologico Scontro di titani (1981), in cui impersonò Era, sovrana dell'Olimpo.

In anni più recenti, pur avendo diradato i suoi impegni cinematografici, sono da ricordare il ruolo della vecchia amica londinese dell'esule pakistano in Sammy e Rosie vanno a letto (1987) di Stephen Frears, le apparizioni in Crimini e misfatti (1989) e La dea dell'amore (1995), entrambi di Woody Allen, e il ruolo di Mary di Teck, consorte del re Giorgio V del Regno Unito e madre del futuro re Giorgio VI (Colin Firth), in Il discorso del re (2010).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Claire Bloom è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 117-118
  2. ^ a b c Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. I, pag. 54

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 46900256 · LCCN: n81046997 · GND: 119438097 · BNF: cb13177576h (data)