Annuncio matrimoniale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Annuncio matrimoniale
Titolo originale Oliver the Eighth
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1934
Durata 27 min
Colore B/N (colorato col doppiaggio di Franco Latini e Carlo Croccolo)
Audio sonoro
Genere comico
Regia Lloyd French
Soggetto Stan Laurel
Sceneggiatura Stan Laurel e Harley M. Walker
Produttore Hal Roach
Fotografia Art Lloyd
Montaggio Bert Jordan
Musiche Marvin Hatley
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

1º doppiaggio

2º doppiaggio

3º doppiaggio

4° doppiaggio

Annuncio matrimoniale (Oliver the eighth, nell'originale inglese) è un cortometraggio del 1934 con Stanlio e Ollio. Il doppiaggio originale, ora perduto, era di Carlo Cassola (Stanlio) e di Paolo Canali (Ollio). In alcuni casi, la comica è conosciuta anche con il titolo: Ollio, sposo mattacchione.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Stanlio e Ollio sono due parrucchieri, che trovano per caso sul giornale un annuncio di una vedova ricca in cerca di marito, così decidono entrambi di risponderle.
Ollio decide di fare l'egoista nascondendo la lettera di Stanlio (sigillata con un bacio) e imbucando solo la propria, casualmente riceve la risposta. La donna lo ha invitato a cena pre-nozze, così Ollio si prepara e se ne va.
Stanlio scopre l'imbroglio di Ollio e lo raggiunge in casa della donna, mostrandogli la paga del negozio di parrucchiere appena venduto: un lingotto d'oro massiccio e delle noci. Il maggiordomo si presenta come uno strano uomo con le allucinazioni, effettivamente gioca con un mazzo di carte invisibili e serve la cena a base di piatti, vassoi e bicchieri vuoti, e la donna sembra reggere il gioco. La situazione si ribalta: l'uomo rivela al duo di non essere assolutamente matto e che quella donna è in realtà una pazza omicida di uomini chiamati Oliver, questo perché fu tradita dal primo uomo della sua vita, un Oliver, e la cosa la spinse a vendicarsi di tutti gli Oliver che avrebbero incrociato la sua strada.

« Ho proprio paura di avere paura!!! »
(Stanlio è più atterrito di Ollio)

Mentre si preparano per andare a letto, trovano per caso un fucile nello sgabuzzino e con quello Stanlio ne combina, come bucare il pigiama di Ollio e sparargli al piede scambiato per una mano che si arrampicava sul letto. Ollio, per incoraggiare Stanlio a stare sveglio tutta la notte e fare la guardia, ha escogitato un piccolo piano: Stanlio dovrà continuamente abbassare lo spago lungo la candela, che tiene in bilico il lingotto d'oro sopra la sua testa, onde evitare un bel bernoccolo, purtroppo sarà Ollio a beccarselo e si accascia sulla poltroncina. La donna apre la porta e Stanlio per prendere il fucile che Ollio aveva rimesso apposto rimane chiuso nello sgabuzzino; la donna sta per sgozzare Ollio ma Stanlio sfonda la porta e sta per salvare l'amico quando Ollio si risveglia: era tutto un sogno!

Citazioni in altri film di Stanlio e Ollio[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema