Totò, Peppino e i fuorilegge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Totò, Peppino e i fuorilegge
Totò Peppino e i fuorilegge.JPG
Peppino De Filippo, Titina De Filippo e Totò in una scena dell'invito a cena
Titolo originaleTotò, Peppino e i fuorilegge
Paese di produzioneItalia
Anno1956
Durata98 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaCamillo Mastrocinque
SoggettoVittorio Metz
SceneggiaturaEdoardo Anton, Mario Amendola, Ruggero Maccari
Produttore esecutivoIsidoro Broggi, Renato Libassi
Casa di produzioneD.D.L. Cinematografica, Manenti Film
Distribuzione (Italia)Cineriz
FotografiaMario Albertelli
MontaggioGisa Radicchi Levi
MusicheAlessandro Cicognini
ScenografiaAlberto Boccianti
CostumiGiuliano Papi
TruccoGuglielmo Bonotti
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Premi

Totò, Peppino e i fuorilegge è un film comico del 1956 diretto da Camillo Mastrocinque con Totò, Dorian Gray, Peppino De Filippo e Titina De Filippo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Antonio, disoccupato di mezza età, vive nella campagna romana insieme alla moglie Teresa, ricca e avara, la quale lo tiranneggia in ogni modo possibile, risparmiando persino sui generi di prima necessità. La loro unica figlia Valeria, studentessa universitaria, sembra invece non patire alcunché tale condizione familiare, e anzi ha appena cominciato a ricevere la corte di Alberto, un giovane giornalista intenzionato a realizzare uno scoop su Ignazio Altamonti detto "Il Torchio", un brigante che da diverso tempo infesta la zona con rapine e sequestri.

Intenzionato a sfuggire alla noia della vita di paese, Antonio cerca di coinvolgere l'amico Peppino, suo barbiere di fiducia, in un ambizioso affare: un istituto di bellezza a Roma del quale Teresa sarebbe proprietaria e in cui lui lavorerebbe come parrucchiere. La donna, tuttavia, ritiene Peppino un coiffeur mediocre e rifiuta la trattativa sul nascere. A quel punto Antonio, pur di spillare soldi alla consorte, progetta un piano diabolico con la complicità di Peppino: un finto rapimento con riscatto. Utilizzando dei fogli di giornale, i due realizzano una lettera minatoria attribuendo la paternità del rapimento a Ignazio "Il Torchio" e chiedendo a Teresa il pagamento di cinque milioni di lire. Mostrando per una volta sincera apprensione nei confronti del marito, oltre alla sua consueta avarizia, Teresa consegna il denaro proprio al coniuge e a Peppino, travestiti dai satanici membri di una fantomatica "Setta del Torchio". Ricevuto il finto riscatto, Antonio e Peppino fuggono a Roma.

Tre giorni dopo, però, Valeria scopre in un cestino i resti dei fogli di giornale, e capisce tutto; decide così di raggiungere il padre nella Capitale in compagnia di Alberto, con cui nel frattempo si è fidanzata. Quella stessa sera i due compari sono in un tabarin a bere fiumi di champagne e ospitare nel loro séparé le ballerine della compagnia del locale a cui regalano i soldi del riscatto. Caso vuole che la serata venga trasmessa in diretta dal Programma Nazionale, sicché Teresa, vedendo il consorte sul video, scopre l'inganno. Poco dopo nel night giungono anche Valeria e Alberto, e quest'ultimo scorge Antonio e Peppino in compagnia di una sedicente baronessa polacca, una femme fatale che aveva provato a intervistare tempo prima. Ritenendo il suocero in pericolo, Alberto cerca di convincere la donna a mollarlo spacciandolo per falsario, tuttavia finisce per venirne involontariamente sedotto, provocando l'ira di Valeria e la sua fuga inviperita dal tabarin.

Finiti i denari, Peppino resta a Roma mentre Antonio ritorna al paese raccontando alla moglie di essere sfuggito ai briganti, ignaro della scoperta fatta da Teresa che, infatti, lo rimprovera violentemente per poi schiaffeggiarlo. Informato da Valeria, Antonio decide di scrivere all'amico un telegramma per sconsigliargli di organizzare un altro falso rapimento, ma mentre sta recandosi all'ufficio postale viene fermato dal vero Ignazio, che ovviamente ha saputo tutto. Portato Antonio nel covo, "Il Torchio" gli comunica che la moglie dovrà pagare un riscatto dal valore corrispondente al suo peso corporeo, il che lo costringe a sottoporsi a una dieta ingrassante. Se entro cinque giorni Teresa non pagherà il riscatto, al marito verrà reciso l'orecchio, e di volta in volta, in caso di mancato pagamento, altre parti del corpo gli verranno tagliate e "rispedite" a casa. Pur avendo ricevuto una lettera minatoria, nonché la telefonata in cui Antonio dal covo ribadisce le condizioni poste dai rapitori, Teresa ovviamente non crede si tratti di un rapimento reale. Fortunatamente Valeria e Alberto, nel frattempo riappacificatisi, riescono a individuare il covo del "Torchio" e a entrarvici proprio poco prima che i briganti taglino l'orecchio ad Antonio. Al fine di liberarlo, Alberto chiede e ottiene da Ignazio un'intervista per il suo settimanale, convincendolo della fama che il bandito ne ricaverebbe. Registrata l'intervista, Antonio può lasciare il covo insieme alla figlia e al genero.

Celebrate le nozze tra Valeria e Alberto, Teresa caccia di casa il marito intimandogli di tornare solo quando si sarà rifatto una vita. E così Antonio, che non ha mai lavorato un giorno in vita sua, si vedrà costretto a dover fare il garzone di bottega da Peppino.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito il 21 dicembre 1956.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Peppino De Filippo con la sua interpretazione vinse il Nastro d'argento come miglior attore non protagonista nel 1957.
  • Dorian Gray in questo film parla, curiosamente, con due voci differenti: in poche sequenze (interni casa) evidentemente girate in presa diretta, ha la sua voce autentica, mentre in quasi tutte le altre scene è doppiata da Rosetta Calavetta.
  • Il titolo originario era Totò a peso d'oro, ma visto il successo della precedente apparizione di Peppino, si decise di inserire anche il suo nome nel titolo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema