Racconti romani (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Racconti romani
Racconti romani.jpg
Una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1955
Durata95 min
Rapporto2,35:1
Generecommedia
RegiaGianni Franciolini
SoggettoAlberto Moravia, Sergio Amidei
SceneggiaturaSergio Amidei, Age & Scarpelli, Alberto Moravia, Francesco Rosi
ProduttoreNiccolò Theodoli per I.C.S.
Distribuzione (Italia)Diana Cinematografica
FotografiaMario Montuori
MontaggioAdriana Novelli
MusicheMario Nascimbene, diretta da Franco Ferrara
ScenografiaAldo Tommasini
CostumiBeni Montresor
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Racconti romani è un film di genere commedia all'italiana del 1955, diretto da Gianni Franciolini e interpretato da Totò, Silvana Pampanini, Vittorio De Sica e Franco Fabrizi.

La sceneggiatura è ispirata all'omonima opera di Alberto Moravia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quattro giovani romani, Otello, Mario, Spartaco e Alvaro si incontrano dopo che quest'ultimo viene rilasciato dalla prigione.

Vedendo che Alvaro lavora in proprio e fa buoni guadagni, gli altri 3 decidono di imitarlo e si interessano all'acquisto di un camioncino a rate. Ma non avendo denaro sufficiente per l'anticipo e la prima rata, e lavorando rispettivamente come cameriere, aiuto barbiere e garzone di pescheria, ricorrono a vari espedienti escogitati da Alvaro per far quattrini in fretta.

Prima provano a fare bagarinaggio ad una partita della Nazionale Italiana, ma vengono scoperti dai poliziotti che sequestrano loro tutti i biglietti. Poi, con l'aiuto di uno scrittore in bolletta, tentano di imbrogliare un avvocato, ma vengono preceduti nella truffa proprio dallo scrittore a cui si erano rivolti.

Provano quindi a spacciare delle banconote false, ma nemmeno questa trovata riesce. Infine si fingono guardie della buoncostume per poter multare le coppiette colte in atteggiamenti intimi a Villa Borghese, ma vengono scoperti e arrestati: tutti tranne Alvaro, che riesce a fuggire.

I suoi compagni, dopo la lezione imparata con una notte in cella, decidono di "scaricare" finalmente il loro cattivo maestro e ritornano ai loro vecchi lavori.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema