Racconti romani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo film, vedi Racconti romani (film).
Racconti romani
Moravia.jpg
Ritratto fotografico di Alberto Moravia
AutoreAlberto Moravia
1ª ed. originale1954
GenereRaccolta di racconti
Lingua originale italiano

Racconti romani è una raccolta di racconti di Alberto Moravia pubblicata per la prima volta nel 1954.

I racconti[modifica | modifica wikitesto]

I "racconti romani" scritti complessivamente da Alberto Moravia sono più di centotrenta e sono stati pubblicati su quotidiani e riviste fra il 1948 e il 1959, soprattutto sul Corriere della Sera e su La lettura, il periodico legato al Corriere della Sera. Settanta racconti furono raccolti nel volume del 1954 intitolato "Racconti romani"; i rimanenti nella raccolta del 1959 intitolata "Nuovi raccolti romani" che proseguono senza sostanziali modifiche i precedenti[1]. I "racconti romani" raffigurano stralci di vita quotidiana nella Capitale nel secondo dopoguerra. I racconti sono narrati in prima persona, e le vicende hanno protagonisti differenti appartenenti a qualsiasi condizione sociale: si va infatti dal povero perseguitato dalla fame all'uomo di condizioni modeste che incorre in una comunità di persone poverissime fino alle vicissitudini di cittadini agiati, in grado già di possedere un'automobile o di intraprendere una luna di miele in una località distante. A fare da sfondo la realtà romana in un'epoca di transizione, quella della ricostruzione, che si lascia alle spalle gli orrori della Seconda guerra mondiale, intravedendo l'imminenza del "boom economico" di là un decennio a venire.

I racconti romani del 1954[2][modifica | modifica wikitesto]

  • Fanatico
  • Arrivederci
  • Pioggia di maggio
  • Non approfondire
  • La bella serata
  • Scherzi del caldo
  • La controfigura
  • Il pagliaccio
  • Il biglietto falso
  • Il camionista
  • Il pensatore
  • Scorfani
  • Il mediatore
  • Il pupo
  • Il delitto perfetto
  • Il picche nicche
  • La voglia di vino
  • Prepotente per forza
  • Sciupone
  • La giornata nera
  • I gioielli
  • Tabù
  • Io non dico di no
  • L'incosciente
  • Il provino
  • Pignolo
  • La ciociara
  • Impataccato
  • Scherzi di Ferragosto
  • Il terrore di Roma
  • L'amicizia
  • La rovina dell'umanità
  • Perdipiede
  • Vecchio stupido
  • Caterina
  • La parola mamma
  • Gli occhiali
  • Il cane cinese
  • Mario
  • Gli amici senza soldi
  • Bu bu bu
  • Ladri in chiesa
  • Precisamente a te
  • Faccia da mascalzone
  • Un uomo sfortunato
  • Tirato a sorte
  • Pigliati un brodo
  • La vita di campagna
  • Le sue giornate
  • La gita
  • La rivincita di Tarzan
  • Romolo e Remo
  • Faccia da norcino
  • L'appetito
  • L'infermiera
  • Il tesoro
  • La concorrenza
  • Bassetto
  • Il guardiano
  • Il naso
  • Il godipoco

Critica[modifica | modifica wikitesto]

L'autore Moravia in Racconti Romani riesce, attraverso la descrizione dei personaggi a dare un'idea chiara di come fosse la vita dopo la Seconda guerra mondiale. Lo scrittore dimostra una notevole capacità di osservazione, grazie alla quale riesce a inquadrare la gente e a saperne poi raccontare solamente con uno sguardo. Quest'abilità nel capire cosa spinge realmente un individuo è dovuta, come lo stesso scrittore afferma, alla tubercolosi ossea che Moravia contrae da ragazzo. La malattia lo costringe a letto per molti anni, che egli trascorreva leggendo e osservando ciò che lo circonda.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

I film tratti dai "Racconti romani" sono numerosi, tanto che i racconti della raccolta sono stati definiti «sceneggiature in forma di racconto»[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simone Casini, op. cit
  2. ^ Elenco tratto da Racconti romani di Alberto Moravia, VII edizione, Collezione Tascabili Bompiani 28/29, Milano: Bompiani, febbraio 1988, XXI, 381 p.
  3. ^ Mario Monicelli, L'arte della commedia; a cura di Lorenzo Codelli; prefazione di Tullio Pinelli, Collezione Prisma 20, Bari: Dedalo, 1986, p. 200, ISBN 88-220-4520-3
  4. ^ Cesare Biarese e Francesca Solinas (a cura di), EuropaCinema 88: V Mostra del cinema europeo, Bari: Dedalo, 1988, p. 314 (Google libri)
  5. ^ Roberto Chiti et al., Dizionario del cinema italiano: I film, Vol. 1. Dal 1930 al 1944, Roma: Gremese Editore, 1991, ad vocem (p. 301), ISBN 8876055487 (Google libri)
  6. ^ Gaetana Marrone, Paolo Puppa, Luca Somigli (editors), Encyclopedia of italian literary studies,New York: Taylor & Francis, 2007, Vol. I, voce "Mauro Bolognini (1922-2001)" p. 280, ISBN 1579583903 (Google libri)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simone Casini, «Racconti romani». In: Dizionario Bompiani delle Opere e dei Personaggi, di tutti i tempi e di tutte le letterature, Milano: RCS Libri SpA, 2006, Vol. VIII, p. 7890, ISSN 1825-78870

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Moravia, Racconti romani, collana Opere complete di Alberto Moravia 7, Milano: V. Bompiani, , 1954, p. 442 p.
  • Alberto Moravia, Nuovi racconti romani, 2 voll., collana I delfini 266, Milano: Bompiani, 1959
  • Alberto Moravia, Racconti romani, collana Classici, Bompiani, 2003, pp. 293, ISBN 88-452-3299-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura