Totò sexy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Totò sexy
Totosexy.png
Una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1963
Durata90 min
Generecomico
RegiaMario Amendola
SoggettoBruno Corbucci e Giovanni Grimaldi
SceneggiaturaBruno Corbucci e Giovanni Grimaldi
FotografiaAlessandro d'Eva
MontaggioJolanda Benvenuti
MusicheArmando Trovajoli
ScenografiaEnnio Michettoni
Interpreti e personaggi

Totò sexy è un film del 1963 diretto da Mario Amendola.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due suonatori ambulanti, Ninì e Mimì, vengono arrestati per contrabbando. Condotti in galera, passano il tempo ricordando i loro viaggi di piacere.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

É il secondo capitolo di Totò a fare il verso ai mondo movie, documentari realizzati negli anni Sessanta per stupire lo spettatore, spesso con l'uso di immagini violente oppure erotiche.

Compare, in un piccolo cameo, Gianni Morandi.

Ruggero Deodato è stato assistente alla regia di Amendola.

Alcune scene sono state "riciclate" dal precedente Totò di notte n. 1.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Uscito nelle sale italiane il 5 settembre del 1963, la pellicola venne vietata ai minori di 18 anni per contenuti esplicitamente sessuali.

Il lungometraggio venne, in seguito, proposto in formato home video.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Almeno dodici pellicole apparvero in Italia, nella stagione cinematografica 1962-1963, con la parola sexy nel titolo. «Con il centrosinistra che si profilava all'orizzonte, e, di conseguenza, con l'instaurazione di una censura cinematografica più "elastica" (...). i produttori si buttarono a pesce sulla confezione a scatola chiusa di intere serie di filmetti estremamente commerciali, aventi per unico scopo l'intento di mostrare un po' di cosce e seni al pubblico giubilante e pagante...»[1]

È considerata una delle pellicole peggiori di Totò, fotocopia di Totò di notte n. 1, con gli stessi scadenti risultati. Ne ha scritto Valentino De Carlo:

«Il divertimento manca del tutto [...] in questo ennesimo zibaldone rivistaiolo in cui un illustre attore come Totò avvilisce la sua fama senza alcuna ragione. In una lunga carriera cinematografica non costellata certo di capolavori, i più recenti film di Totò spiccano per la loro infima qualità; ma questo "Totò Sexy" è senza dubbio il gradino più basso della scala [...] Allusioni e battute volgari si sprecano e di regia non è neppure il caso di parlare [...].»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Domenico Cammarota, Il cinema di Totò, Fanucci, Roma 1985.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema