'A livella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
'A livella
Autore Totò
1ª ed. originale 1964
Genere poesia
Lingua originale napoletano
« 'A morte 'o ssaje ched''è? ...è una livella. »

'A livella (in italiano, La livella) è una poesia in italiano e napoletano scritta da Totò nel 1964.

Materia narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Antonio De Curtis sfrutta la ricorrenza del 2 novembre, assai sentita nella sua Napoli natia, per affrontare ironicamente il tema della morte.

La poesia è ambientata in un cimitero, dove un malcapitato rimane chiuso dopo aver fatto visita alla tomba della zia defunta. Questi assiste incredulo al discorso tra due ombre: un marchese e un netturbino, casualmente sepolti l'uno accanto all'altro, rispettivamente in una tomba fastosamente ornata ed in un sepolcro abbellito solo da una misera croce di legno. È il marchese (signore di Rovigo e di Belluno, come ricordato alla lapide) ad aprire la discussione, lamentandosi con fare polemico e mordente che la salma del netturbino - del quale disprezza la miseria ed il tanfo - sia stata deposta accanto alla sua.

Il netturbino - tale Gennaro Esposito - inizialmente assume un atteggiamento accondiscendente, quasi di mortificazione, per poi ammonire il borioso nobile che, indipendentemente da ciò che si era in vita, col sopraggiungere della morte si diventa tutti uguali, grazie all'azione della morte-livella (la livella è uno strumento usato in edilizia per stabilire l'orizzontalità di un piano).[1] Non esiste né l'eversione per i ceti poveri, né la redenzione per quelli ricchi: sono solo i vivi, come ricordato da Totò negli ultimi versi, che si attengono alle classi sociali, in realtà pura apparenza, finzione:

« Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte! »

'A livella si compone di 104 versi, tutti endecasillabi in rime alternate, ripartiti in ventisei strofe.

Fonti d'ispirazione[modifica | modifica wikitesto]

Il modello letterario che serve da spunto alla composizione è il Dialogo sopra la nobiltà di Giuseppe Parini, scritto attorno al 1757. La materia di quest'opera, in cui è evidente la polemica antinobiliare e la vivacità satirica che hanno da sempre animato la produzione pariniana, è un dialogo tra due cadaveri, un nobile e un poeta, seppelliti casualmente in una fossa comune.[2]

Un'altra preziosa fonte d'ispirazione per 'A livella pare che sia stata la stessa infanzia del principe De Curtis, che non di rado giocava a nascondino con i suoi coetanei nelle catacombe di San Gaudioso, ubicate nelle immediate circostanze della chiesa dove prestava servizio come chierichetto. Nei cunicoli delle catacombe è collocato un affresco di Giovanni Balducci raffigurante uno scheletro, per simboleggiare la natura effimera dei beni mondani, che cessano di avere senso di fronte al potere della morte, che per l'appunto livella: pare che questa pittura pure gli sia servita da modello.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ livèlla, in Vocabolario on line, Treccani. URL consultato l'8 agosto 2016.
  2. ^ Dialogo sopra la nobiltà e ‘A livella: un confronto fra Parini e Totò, ilpesodeisogni.wordpress.com, 11 maggio 2015.
  3. ^ Catacombe di San Gaudioso, catacombedinapoli.it. URL consultato l'8 agosto 2016.
  4. ^ Vincenzo Esposito, Totò, la vera storia della poesia «’A livella», Corriere del Mezzogiorno. URL consultato l'8 agosto 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura