Peccati... e poi virtudi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Peccati... e poi virtudi
Lingua originaleitaliano
StatoItalia
CompagniaCompagnia Maresca
GenereRivista in 3 atti e 32 quadri
SceneggiaturaMa.Se.Ra (Marchesotti, Segurini, Rapetti)
ProduzioneAchille Maresca
MusicheArmando Fragna
Personaggi e attori
Totò, Isa Bluette, Mario Castellani, Angela Ippaviz, Elsa Ferri, Nella Ferri, Cesare Barbetti, Romigioli, Minnie Lises, Alfredo Orsini, Galliano, Giulio Marchetti, Cappelli, Mario Panchetti

Peccati... e poi virtudi è uno spettacolo di rivista presentata dalla Compagnia Maresca nella stagione 1927-1928. Il debutto, al Teatro Eldorado di Napoli, è avvenuto il 21 agosto 1928.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

«La rivista, scritta da tre nostri brillanti colleghi romani, che si dissimulano sotto lo pseudonimo di "Masera", nel suo spunto lieve e brioso, se non peregrino, nelle sue tipiche macchiette caricaturali e nel continuo succedersi di danze pittoresche, coreografie policrome, raggruppamenti di massa a grande effetto, conseguì uno schietto, unanime successo d'ilarità e d'allegria. La Ippaviz, mirabile come sempre di vivacità e di malizia nelle varie personificazioni dell'azione, il brillantissimo Barbetti, Totò, la Ferri, il Romigioli, la Lises, e tutti gli altri pregevoli elementi della compagnia Maresca insieme al corpo di ballo contribuirono largamente al successo ... Sontuosa e pittoresca la messa in scena, e assai suggestivi i costumi.»

(Anonimo, La Tribuna, 22 agosto 1928)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro