Maria Pia Casilio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maria Pia Casilio in Umberto D. (1952).

Maria Pia Casilio (Castelnuovo, 5 maggio 1935Roma, 10 aprile 2012[1]) è stata un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1935 a Castelnuovo, frazione di San Pio delle Camere in provincia dell'Aquila, ma si trasferì durante l'infanzia a Paganica. Iniziata giovanissima la carriera cinematografica, andò a Roma, dove visse per il resto della sua vita. Dopo aver preso parte a diverse produzioni, abbandonò lo schermo verso la metà degli anni '60, salvo sporadiche apparizioni.[2]

Famosa per le sue caratterizzazioni di ragazza di provincia dal viso grazioso, i modi spicci e la voce nasale, Maria Pia Casilio è stata una delle caratteriste più valide e longeve della commedia all'italiana. Debuttò giovanissima nel cinema, ottenendo un immediato successo nel ruolo della giovane servetta della pensione in cui vive l'anziano pensionato nel drammatico Umberto D. (1952) di Vittorio De Sica.

Apprezzata per le sue doti di attrice brillante, interpretò poi una serie di celebri commedie, come Pane, amore e fantasia (1953) di Luigi Comencini, Il medico dei pazzi (1954) di Mario Mattoli, insieme a Totò, e Un americano a Roma (1954) di Steno, nel ruolo della fidanzata di Alberto Sordi. Nonostante una fortunata esperienza in Francia (Teresa Raquin, 1953), la Casilio non riuscì ad affrancarsi dai ruoli di comprimaria, che pure interpretò con squisita vivacità. Nel 1955 prese parte alla commedia musicale La padrona di Raggio di Luna di Garinei e Giovannini. Vittorio De Sica la volle ancora nei film Stazione Termini (1953), con Montgomery Clift e Jennifer Jones, Il giudizio universale (1961) e Lo chiameremo Andrea (1972).

La Casilio si dedicò saltuariamente anche al doppiaggio: sue sono le voci di Marina Vlady in Giorni d'amore e di Stefania Sandrelli in Il federale.

Morì a Roma il 10 aprile 2012, a 76 anni, e i funerali si tennero il giorno seguente a Casal Palocco nella Chiesa di San Timoteo.[3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

La Casilio sposò il doppiatore Giuseppe Rinaldi (di cui rimase vedova nel 2007) e da questa unione nacque la figlia Francesca, anch'ella attrice.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Alberto Sordi con Maria Pia Casilio sulla Harley-Davidson in una scena di Un americano a Roma

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

La commedia musicale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maria Pia Casilio è morta. Funerali a Casal Palocco, su romatoday.it, 10 aprile 2012.
  2. ^ E' morta Maria Pia Casilio, celebre attrice della commedia all'italiana, su teatro.it, 10 aprile 2012. URL consultato il 9 aprile 2022.
  3. ^ E' morta Maria Pia Casilio La fidanzatina aquilana di Un americano a Roma, su ilcentro.it, 10 aprile 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Le attrici, Gremese editore, Roma, 1999

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32301705 · ISNI (EN0000 0000 8015 5774 · SBN UBOV485580 · LCCN (ENnr00018180 · GND (DE141480610 · BNE (ESXX1073977 (data) · BNF (FRcb15506259c (data) · CONOR.SI (SL220317283 · WorldCat Identities (ENlccn-nr00018180