Giorgio Castriota Scanderbeg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Skanderbeg)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Scanderbeg" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Scanderbeg (disambigua).
Giorgio Castriota Scanderbeg
Gjergj Kastrioti Skënderebeu
Gjergj Kastrioti.jpg
NascitaDibër-Mat (Albania),
1405
MorteAlessio (Albania),
17 gennaio 1468 (63 anni)
Dati militari
GuerreGuerra albanese-turca
BattaglieBattaglia di Torvioll
Assedio di Danja
Battaglia di Oranico
Battaglia della Piana dei Merli
Battaglia di Kruja
Assedio di Sfetigrad
Battaglia di Berat
Battaglia di Modrič
Battaglia di Meçad
Battaglia di Albulena
Battaglia di Mat
Battaglia di Ocrida
Assedio di Kashar
Assedio di Kruja
Nemici storiciImpero turco-ottomano
Comandante diAlbania, Lega di Lezha
voci di militari presenti su Wikipedia

Giorgio Castriota, detto Scanderbeg (in albanese: Gjergj Kastrioti Skënderbeu; in turco-ottomano: اسکندر بگ, traslitt. İskender beğ; Dibër - Mat, 1405[1]Alessio, 17 gennaio 1468), è stato un condottiero e principe albanese.

Tra le figure balcaniche più rappresentative del XV secolo, fu principe albanese e re d'Epiro. Abile condottiero, stratega e diplomatico, che unì i principati d'Albania animando la resistenza degli Albanesi e bloccando per due decenni l'avanzata dell'Impero turcottomano verso l'Europa[2]. Eroe nazionale dell'Albania e degli albanesi, difese strenuamente il Paese dall'invasione ottomana, e per tale motivo ottenne da papa Callisto III l'appellativo di "atleta di Cristo"[3] e da papa Pio II quello del "nuovo Alessandro" (con riferimento ad Alessandro Magno)[4]. La sua figura e le sue gesta ispirarono in generale nei secoli le rapsodie, la letteratura, le arti e il senso identitario del popolo albanese della diaspora e la civiltà europea romantica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Stemma araldico dei Castriota

Giorgio Castriota nacque da Giovanni I Castriota (Gjon I Kastrioti), signore di due villaggi: Sinë e Gardi-Bassa sulle pendici ad ovest del fiume Drin nella regione di Dibër-Mat[5][6], nel nord-est della odierna Albania.[7][8], e Vojsava, nota anche come Voisava Tripalda (probabile eponimico col significato "dei Triballi")[9].

Battaglia della Piana dei Merli, di Adam Stefanović, olio su tela, 1870
Battaglia della Piana dei Merli, di Adam Stefanović, olio su tela, 1870

Tra la fine del XIV secolo e i primi decenni del XV secolo l'Albania fu occupata dalle forze ottomane, le quali dovettero subito reprimere le rivolte dei principi albanesi. Il primo progetto di una coalizione balcanica anti-ottomana risale al 1359, appena cinque anni dopo l'arrivo degli ottomani in Europa. I principi albanesi, insieme a quelli bosniaci e bulgari, risposero alla richiesta di aiuto dei serbi contro i conquistatori ottomani.[10] Il 15 giugno 1389, la coalizione balcanica (albanesi, bosniaci, bulgari, valacchi, serbi, ungheresi e dalmati) fu sconfitta nella Battaglia della Piana dei Merli da Murad I, sultano dell'Impero Ottomano. Giovanni I Castriota combatté al fianco di suo padre Pal, che morì in battaglia. Successivamente, gli ottomani si stabilirono nei Balcani centrali (Macedonia e Bulgaria). I principi albanesi Giovanni I Castriota, Đurađ II Balšić e Teodoro II Muzaka si ritirarono all'interno dei loro confini, dove riuscirono a resistere agli ottomani e fondarono un'entità cristiana albanese che si estendeva dal confine meridionale di Ragusa al Golfo di Patrasso.[11] Giovanni I, come molti altri Signori albanesi, divenne vassallo ottomano; doveva quindi rendere omaggio al Sultano e sostenere le guerre dello stesso nei Balcani con un suo esercito.[12] Nel 1402 Giovanni sostenne il sultano Bayezid I nella battaglia di Ankara, una battaglia tra gli ottomani e i timuridi nella quale questi ultimi vinsero.[13]

Per poter sfuggire alla crescente pressione degli Ottomani, Giovanni, aveva stabilito buoni rapporti con la Repubblica di Venezia; nel 1406 fu registrato negli archivi veneziani come “dominus partium Albanie[14] e nel 1409 come ”magnifici domini Johannis Castrioti[15] e, per ottenere protezione contro gli ottomani, Giovanni era diventato vassallo della Repubblica di Venezia, l'unico paese cattolico a lui vicino.

I Balcani meridionali intorno al 1410 con il piccolo regno di Giovanni I Castriota a nordovest

Giovanni Castriota condusse la sua guerra contro gli ottomani senza sosta dal 1407 al 1430, restandone sconfitto almeno quattro volte, nel 1410, 1416, 1428 e 1430.[16]

Quando Giovanni nel 1410 Giovanni subì la prima sconfit­ta per mano degli ottomani, comunicò a Venezia di essere stato costretto, come pegno per la sua fedeltà, a consegnare al nemico un figlio come ostaggio. Non dice quale: probabilmente sarà stato Staniša, che com'è noto sposerà una turca dalla quale avrà un figlio con il nome di Hamza Castriota.[16]

Nel 1413, nei documenti veneziani, Giovanni viene citato come "dominus partis Bosine".[17]

Nel 1415, Giovanni, che aveva perso Kruja agli ottomani, dovette riconoscere il sultano come suo Signore, pagandogli un tributo, e il figlio Staniša, dato in ostaggio agli ottomani nel 1410, poté fare ritorno in patria.[18]

Nel 1420 il territorio di Giovanni si era esteso a est quasi fino a Prizren, nell'odierno Kosovo, e a ovest fino ad Alessio nell'odierna Albania.[19] Il 28 gennaio del 1423 "Juannus Castrioti" divenne "unus ex dominis Albanie"[20] e il 25 febbraio del 1420 Giovanni Castriota, con tutti e quattro i suoi figli maschi (Staniša, Repoš, Costantino e Giorgio) firmò un accordo commerciale con la Repubblica di Ragusa, dove furono definite le imposte doganali che i mer­canti ragusei dovevano pagare quando attraversavano le terre dei Castriota, da Shufada, a sud di Alessio, e fino a Prizren.[18]

Nel 1422 Giovanni Castriota volta le spalle a Venezia e si alleò con Stefano Lazarevic del Despotato di Serbia al quale mandò uno dei suoi figli, forse ancora Staniša, con un esercito di albanesi, per combattere contro Scutari, allora veneziana.[18]

monastero di Hilandar
monastero di Hilandar

Nel 1426 Giovanni coi quattro figli, Staniša, Repoš, Costantino e Giorgio sottoscrisse un documento in cui la famiglia faceva dono al monastero serbo di Hilandar, sul Monte Athos, delle rendite di due villaggi, Rostuša e Trebište nell'odierna Macedonia del Nord. Forse nello stesso anno, o poco più tardi, Giovanni, Repoš, Co­stantino e Giorgio comprarono la torre di san Giorgio (detta anche torre albanese) dal suddetto monastero. Dall'assenza di Staniša nel docu­mento si deduce che è lui, e non Giorgio, il figlio che Giovanni inviava periodicamente con le sue armate, alleate di volta in volta del sultano o del despota di Serbia.[18]

Nel 1428 Giovanni venne sconfitto nuovamente dagli ottomani e fu costretto di fare pace col sultano: "scrive a Venezia pregandola, […], di non voler­ gliene se il figlio, convertito alla fede musulmana, occu­pa territori veneziani insieme con l’esercito turco. Da Venezia gli si risponde che lui, come padre, deve servirsi della sua influenza sul figlio e impedirgli di dar noie alla Repubblica." Non viene detto, neanche in questo caso, di quale figlio si tratta; ma dovrebbe trattarsi di Staniša. Comunque, sembra che si possa dedurre che questo figlio prendeva ordini più dal padre che dal sultano.[21]

Infine, Giovanni divenne nuovamente un alleato di Venezia nella battaglia di Tessalonica (1430), che, dal 1423, apparteneva a Venezia. Giovanni, come i veneziani, fu sconfitto dagli ottomani e le condizioni di pace, questa volta, divennero più pesanti: quattro suoi castelli furono rasi al suolo e due convertiti per alloggiare delle guarnigioni ottomane;[22] le sue terre, in gran parte, vennero poste sotto l'amministrazione ottomana, cosi che Giovanni si dovette ritirare nella stretta zona montuosa che, come vassallo, gli era stata lasciata. Inoltre, Giovanni doveva pagare al sultano un tributo annua­le e lo doveva servire col proprio esercito ovunque sarebbe stato chiamato. A parte Repoš, che, nel frattempo, si era fatto monaco, i suoi tre figli (Staniša, Costantino e Giorgio) servivano nell’esercito ottomano come alleati; in realtà questa sorta di servizio militare coatto veniva svolto non lontano dai confini albanesi, dove ri­tornavano appena terminava una missione. Sempre dopo la sconfitta nella battaglia di Tessalonica (1430), Giovanni e i suoi tre figli si convertono all'Islam, ma, secondo Fan Noli, solo in apparenza. Secondo la testimonianza di papa Pio II e del cronista di Ragusa, Pietro Luccari, lo stesso Gio­vanni prese il nome musulmano di "Hamza"[21] e i figlio Staniša e Giorgio rispettivamente quello di Karagus[23] e İskender (Alessandro, con riferimento ad Alessandro Magno).[24]

Giovanni Hunyadi, soprannominato Cavaliere Bianco
Giovanni Hunyadi, soprannominato Cavaliere Bianco

Intorno al 1436, Scanderbeg doveva essere stato un timariota[25] a Dibër, oppure nei possedimenti di Dhimitër Jonima, alle dipendenze del sanjak-bey di Ocrida perché si presentò davanti a quest’ultimo per chiedergli un certificato di benevolenza (şefkatname) in modo da ottenere il feudo di Misia rimasto vacante e che in precedenza aveva fatto parte dei possedimenti del padre. Fino a quel momento Giorgio Castriota compare col solo nome di İskender; successivamente, tra il 1436 e il 1438, quando il governo ottomano lo nominò subashi (in turco: subaşı) della circoscrizione amministrativa di Kruja[26][27], acquisì anche il titolo di Beg, necessario per il nuovo ruolo, divenendo così Skënderbeg(u), forma moderna albanese Skënderbej/beu "Scanderbeg".[28]

Secondo Frashëri, tre cronisti ottomani (Hoca Sadeddin Efendi, Sollak zade e Munecim Başi) affermano che Scanderbeg, nella primavera del 1438, avrebbe organizzato una ribellione che non ebbe successo, costringendolo a chiedere "perdono" al sultano; ritornò quindi ad essere vassallo ottomano.[29] Questo fatto viene confermato dai documenti catastali dove, alla fine del 1438, risulta subashi a Kruja non più Scanderbeg ma un certo Hızır beg,[30] anche se si può supporre che Skanderbeg abbia mantenuto la carica di subashi in qualche altro distretto e che, in questa qualità, abbia preso parte alla maggior parte delle campagne ottomane del periodo, quali la conquista della Serbia e della sua capitale Smederevo nel 1439, il fallito assedio di Belgrado nel 1440 e l'offensiva a Nord del Danubio nei pressi di (Hermannstadt) del 1442, dove le truppe ottomane furono annientate dal capitano generale ungherese Giovanni Hunyadi.[31]

Nel 1438 Giovanni I Castriota e i suoi figli, ritornarono a essere cittadini onorari[32] di Venezia. Nel luglio del 1439 ritornarono ad esserlo anche di Ragusa ma, con decisione del Senato raguseo, il nome di Giorgio Castriota venne prima scritto e poi depennato.[33] Fan Noli sostiene che "fra i turchi, in tempo di guerre e spedizioni, Giorgio Castriota adottò il soprannome di Scanderbeg; tornando a casa, per un armistizio o un periodo di pace, riprendeva il suo nome cristiano. Fu per questo che i veneziani, sapendolo cristiano, lo riconobbero loro alleato e cittadino onorario nel 1438; e fu per questo che nello stesso anno i ragusei, credendolo musulmano, lo rifiutarono."[34]

Alla morte di Giovanni I Castriota nel 1442 Giorgio ereditò il principato paterno senza fortezze e divenne vassallo e "alleato" del sultano Murad II a cui versava un tributo annuo di 6.000 ducati.[35]

La lotta per l'indipendenza albanese[modifica | modifica wikitesto]

Mappa delle attività militari durante la rivolta albanese dal 1432 al 1436

Sempre dopo la vittoria conseguita nella battaglia di Tessalonica (1430), il Sultano Murad II fu in grado di esercitare il suo potere nella regione albanese quasi senza ostacoli, con un'amministrazione che calcolava le tasse e gli altri oneri dovuti dagli agricoltori e dai proprietari terrieri, suscitando l'ira della popolazione, tanto che tra il 1432 e il 1436, nell'Albania centrale e meridionale, nella valle del fiume Shkumbin e nell'area di Argirocastro, ci furono una serie di rivolte armate anti-ottomane dei contadini.[36]

Sangiaccato d’Albania intorno al 1431
Sangiaccato d’Albania intorno al 1431

Quando Andrea II Thopia, nel 1432, sconfisse una piccola forza ottomana nell'Albania centrale, incoraggiò gli altri capi e la rivolta si diffuse in tutto il territorio albanese.[37] Tra il 1433 e il 1436, i ribelli (Giorgio Arianiti, Andrea II Thopia, Thopia Zenevisi, Nicola II Ducagini) sconfissero tre grandi offensive ottomane; Giorgio Arianiti, futuro suocero di Scanderbeg, prese il comando della resistenza contro gli ottomani, ai quali inflisse una prima sconfitta nel Kurvelesh nel 1433; dopo di che papa Eugenio IV, Alfonso V d'Aragona e l'imperatore Sigismondo lo misero sotto la loro protezione. Nel 1434 Giorgio Arianiti sconfisse nuovamente un esercito ottomano nelle strette valli dello Shkumbini, mentre Nicola II Dukagjini approfittava della rivolta per riconquistare i territori del principato dei Ducagini pre-ottomani nell'Albania settentrionale assediando e conquistando Dagno nel 1435.[38]

Successivamente le forze ottomane del generale Turakhan Bey repressero la rivolta attraversando i territori albanesi, perpetrando massacri diffusi di civili.[37] Nel 1438/39 ci furono di nuovo combattimenti contro gli ottomani, per cui Giorgio Arianiti dovette fuggire nella zona di Skrapar e Tomorica, dove continuò la sua guerriglia. Alla fine Murad II gli concesse tacitamente l'area tra Shkumbini e Voiussa come suo dominio; tuttavia fu una pace a breve termine perché nel 1443/44 Giorgio Arianiti attaccò nuovamente gli ottomani nell'area di Elbasan, Tepelenë e Vokopole.[39]

Per confermare l'autorità ottomana, Murad II nominò gli albanesi Scanderbeg e Yakup Bey Muzaka, rispettivamente come subashi di Kruja e sanjak-bey del Sangiaccato d’Albania. Ai Signori albanesi che accettarono la sovranità ottomana furono concessi i loro possedimenti pre-ottomani e i beni di confine, nonché un certo grado di autonomia, mentre gli altri furono esiliati o continuarono a fare la guerriglia.[40]

Impero ottomano intorno al 1450
Impero ottomano intorno al 1450

Nel febbraio del 1442, per riconquistare il proprio Stato il despota di Serbia, Đurađ Branković, chiese l'appoggio di papa Eugenio IV,[35] che inviò Giuliano Cesarini, legato pontificio, da Ladislao III, re di Polonia e d'Ungheria, e da Giovanni Hunyadi, capitano generale ungherese, per promuovere una crociata contro gli ottomani. Sempre di più si era diffuso l'opinione che "lo scudo contro i miscredenti" non fosse l'Impero bizantino bensì l'Ungheria.[41] Quasi contemporaneamente al Cesarini, nel marzo del 1442, il papa Eugenio IV inviò Cristoforo Garatone (Garatoni) per propagandare la crociata in Ungheria, Lituania, Moldavia, Valacchia e Albania.[42][43] Successivamente, con la bolla del 1º gennaio del 1443, papa Eugenio IV proclamò la crociata, chiamando tutti i cristiani, per liberare l’Europa dagli ottomani,.[44][45]

Secondo lo storico bizantino Laonico Calcondila, dopo la sconfitta degli ottomani nella battaglia di Niš del novembre 1443 da parte dell'esercito cristiano guidato da Giovanni Hunyadi, gli ex Signori albanesi si affrettarono a riprendere possesso dei territori dei loro padri.[46] Uno di loro fu Giorgio Castriota Scanderbeg, il quale abbandonò l'esercito ottomano insieme a suo nipote Hamza Castriota e il suo esercito composta da 300 albanesi e riprese il castello di Kruja iniziando così una lotta di 25 anni contro l'Impero ottomano.[47][48][49]

L'avversario degli Ottomani[modifica | modifica wikitesto]

Xilografia di una battaglia tra le forze albanesi di Giorgio Castriota e le forze turco-ottomane

La Lega di Alessio (1444)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lega di Alessio.

Il 2 marzo 1444, nella cattedrale di San Nicola, Scanderbeg organizzò un grande convegno con la maggior parte dei principi albanesi e con la partecipazione del rappresentante della Repubblica di Venezia; qui egli fu proclamato, all'unanimità, guida della nazione albanese.

Battaglia di Torvioll (1444)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Torvioll.

Intanto il sultano Murad II, furioso per il tradimento del suo protetto, inviò contro gli albanesi un potente esercito guidato da Alì Pascià, alla testa, si disse, di 100 000 o addirittura 150 000 uomini. Lo scontro con le forze notevolmente inferiori di Scanderbeg avvenne, quali che fossero le consistenze numeriche, il 29 giugno 1444, a Torvioll. I turchi riportarono una netta sconfitta. Il successo di Scanderbeg ebbe vasta risonanza oltre il confine albanese e arrivò fino alle orecchie di Papa Eugenio IV, il quale ipotizzò addirittura una nuova crociata contro l'Islam, guidata da Scanderbeg[50][51][52].

Con la delibera del 12 Febbraio 1445, i veneziani confermarono a Scanderbeg e suo fratello Staniša vari privilegi e un sussidio annuo di 200 ducati che, precedentemente, era stato concesso al padre Giovanni I.[53]

Battaglia di Mokra (1445)[modifica | modifica wikitesto]

L'esito dello scontro nella battaglia di Torvioll rese ancora più furibondo il sultano, che ordinò a Firuz Pascià di distruggere Scanderbeg e gli albanesi; così, il comandante ottomano partì alla testa di 15 000 cavalieri. Il Castriota lo attese alle gole di Prizren il 10 ottobre 1445 e ancora una volta uscì vincitore. Le azioni di Scanderbeg divennero celebri in tutto l'Occidente; delegazioni del papa e di Alfonso d'Aragona giunsero in Albania per celebrare la straordinaria impresa.

Incisione di un assalto albanese su un campo ottomano

Ma Murad II non si rassegnava. Allora dispose, agli ordini di Mustafà Pascià, due eserciti per un complessivo di 25 000 uomini, di cui una metà era di cavalieri, che si scontrarono con gli albanesi il 27 settembre 1446; l'esito fu disastroso, 5 000 soldati ottomani furono uccisi e 300 furono fatti prigionieri: a stento si salvò Mustafà Pascià.

Assedio di Svetigrad (1448)[modifica | modifica wikitesto]

Le imprese di Scanderbeg preoccupavano la Repubblica di Venezia che riconosceva la sovranità del sultano su tutta la regione e, almeno per quanto riguardava Scutari ed Alessio, gli pagava un tributo. Nel Dicembre del 1447, il Senato, preoccupato della possibilità che le operazioni di Scanderbeg si estendessero anche a Durazzo e cosciente del fatto che il desiderio veneziano di mettere mani sul ducato di Milano[54] rendevano impossibile una reazione militare adeguata, era sul punto di inviare un'ambasciata da Scanderbeg, ma poi non se ne fece nulla. Da due delibere del 4 maggio del 1448 si evince che, nella prima veniva data via libera ad un progetto di assassinio di Scanderbeg, affidato ad un ignoto suddito veneziano, probabilmente albanese, "persona bone reputationis et pratica et sagax", che si era offerto di eseguirlo;[55] mentre la seconda delibera prevedeva dei passi diplomatici verso il sultano con lo scopo di scatenare la potenza ottomana contro Scanderbeg.[54]

La battaglia del 3 luglio 1448 vide la sconfitta dei veneziani, che si vendicarono radendo al suolo la fortezza dei Balšići.

Successivamente, il 4 ottobre del 1448 Scanderbeg firmò un trattato di pace con i veneziani, anche perché intenzionato ad unirsi con il principe reggente di Ungheria, Giovanni Hunyadi, il quale con il suo esercito stava avanzando in Kosovo e invitava Skanderbeg a unirsi nella lotta contro il sultano. Ma Scanderbeg non riuscì a partecipare effettivamente al confronto, perché impedito dal re serbo Đurađ Branković, il quale si era alleato con il sultano Murad II.[56][57][58][59]. A causa di ciò, Scanderbeg si vendicò, distruggendo villaggi serbi lungo il suo cammino, per essergli stato impedito di unirsi alla causa cristiana[56][60]. Quando Scanderbeg riuscì a raggiungere Hunyadi, questi era stato già sconfitto dai turchi nella seconda battaglia di Kosovo Polje[61].

Assedio di Kruja (1450)[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 1450, Murad II in persona intervenne contro l'Albania alla testa di 150 000 soldati, assediando il castello di Croia. I turchi persero metà dell'esercito e il comandante Firuz Pascià venne ucciso da Scanderbeg. Ma, anche se le straordinarie vittorie avevano inferto profonde ferite alle forze e all'orgoglio turco, avevano pure indebolito le forze albanesi; allora il Castriota decise di chiedere aiuto ad Alfonso d'Aragona, che si rese disponibile, riconoscendo a Scanderbeg il merito di essersi fatto carico di una durissima lotta contro i turchi, che inquietavano molto la corona napoletana.

Maometto II, successore di Murad, si rese conto delle gravi conseguenze che l'alleanza degli albanesi con il Regno di Napoli poteva far nascere; decise quindi di mandare due armate contro l'Albania: una comandata da Hamza Bey, l'altra da Dalip Pascià. Nel luglio del 1452 queste due armate furono annientate e, mentre Hamza Bey fu catturato, Dalip Pascià morì in battaglia.

Altre incursioni turche si tramutarono in sconfitte: Skopje il 22 aprile del 1453, Oranik nel 1456, valle del fiume Mati il 7 settembre 1457. Infine, nel corso del 1458, in una serie di scontri scaturiti da offensive portate questa volta da Scanderbeg, altre tre armate turche furono sbaragliate. La fama di Scanderbeg fu incontenibile, anche per il fatto che gli uomini a sua disposizione non furono mai più di 20 000. Al sultano turco non rimase altro che chiedere di trattare la pace, ma il Castriota rifiutò ogni accordo e continuò la sua battaglia[62]. Scanderbeg si guadagnò i titoli di "Atleta di Cristo"[3] e il "nuovo Alessandro".[4] In alcune pubblicazioni italo-albanesi viene definito come "strenuo difensore della fede cattolica e indomito guerriero".[63]

Le imprese militari in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1459 si recò in Italia per aiutare Ferdinando I, re di Napoli, figlio del suo amico e protettore Alfonso d'Aragona, nella lotta contro il rivale Giovanni d'Angiò ed il suo esercito.

Intanto, altre due armate turche, comandate da Hussein Bey e Sinan Bey, nel febbraio del 1462 mossero contro gli albanesi, costringendo Scanderbeg a rientrare in tutta fretta in patria, per guidare il suo esercito. Una furiosa battaglia ebbe luogo presso Skopjë, e si concluse con la sconfitta dei turchi, tanto da far retoricamente dire che il sogno di Maometto II di far giungere il potere musulmano fino a Roma s'era allora infranto.[senza fonte] L'atto finale fu un trattato di pace firmato il 27 aprile 1463 tra Maometto II e il Castriota.

La battaglia decisiva fu combattuta tra Orsara e Troia il 18 agosto 1462, quando l'esercito italo-francese fu battuto. Il duca Giovanni d'Angiò a stento riuscì a riparare in Francia. Il conte Piccinino fu ucciso. Ferdinando I nel 1464, in segno di riconoscimento per l'aiuto ricevuto da Scanderbeg, lo nominò "Generale della Casa d'Aragona"[64] e gli concesse i feudi di Monte Sant'Angelo, Trani[65] e San Giovanni Rotondo.[66]

Il ritorno nei Balcani e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Assedio di Kruja (1466-1467).

Intanto, la morte di papa Pio II ad Ancona, il 14 agosto 1464, determinò il fallimento di una crociata che il Pontefice aveva in mente e che teneva in grande apprensione il sultano. Quest'ultimo, dopo aver fatto costruire nel giugno-luglio 1466 la fortezza di Elbasan, "avamposto che resistette a tutti gli attacchi degli albanesi",[67] nel settembre del 1464 incaricò Sceremet bey di muovere contro gli albanesi; ma i turchi furono nuovamente sconfitti. Il figlio di Sceremet bey fu catturato e rilasciato a fronte di un grosso riscatto.

L'anno dopo, scongiurato il pericolo della crociata, il sultano mise insieme un poderoso esercito, affidandolo a un traditore albanese, che era stato cresciuto allo stesso modo di Scanderbeg, Ballaban Pascià. Ma anche quest'impresa fallì: l'esercito turco, in prossimità di Ocrida, fu messo in fuga dalle forze albanesi.

Ancora una volta, nella primavera del 1466, Maometto II, riunite forze imponenti, mosse contro gli albanesi e cinse d'assedio Croia; una serie di scontri furiosi, nel corso dei quali Ballaban Pascià fu ucciso, portarono Scanderbeg a un'ennesima e straordinaria vittoria. Maometto II, ostinatissimo nella sua lotta contro il Castriota, riorganizzò nuovamente il suo esercito e, nell'estate del 1467, pose di nuovo l'assedio a Croia, ma, dopo innumerevoli tentativi di attacco alla città, dovette rassegnarsi a sgombrare il campo.

La ostinazione di Maometto II si spiega facilmente col fatto che l'Albania non poteva essere aggirata; lasciarsi alle spalle intatta l'Albania di Scanderbeg sarebbe stato un errore strategico notevole: qualunque avanzata dell'esercito ottomano verso l'Europa cristiana lo avrebbe esposto al sicuro attacco alle spalle da parte di Scanderbeg e Maometto II si sarebbe trovato tra due fronti; per di più, Scanderbeg era divenuto un vero esperto in agguati e contrattacchi e conosceva a perfezione le debolezze dell'esercito ottomano.

Albanesi alla tomba di Skanderbeg
Albanesi alla tomba di Skanderbeg

Nonostante i successi in molte imprese, Scanderbeg si rese conto che resistere alla pressione turca diventava sempre più difficile. La stessa preoccupazione convinse il Doge della Repubblica di Venezia a inviare Francesco Cappello Grimani da Scanderbeg per organizzare una difesa comune; ma l'ambasciatore veneziano non poté portare a termine l'incarico, perché Scanderbeg morì improvvisamente, forse di febbre malarica, ad Alessio il 17 gennaio del 1468.[68][69] Scanderbeg fu sepolto ad Alessio nella chiesa di San Nicola.[69]

Le fonti storiche[modifica | modifica wikitesto]

Copertina della "Storia della vita e delle gesta di Scanderbeg Principe epirotico", 1510
Biografia di Giorgio Castriota pubblicato a Venezia da Frang Bardhi, 1636
Barletius, "Storia della vita di Scander-beg", 1743

La prima biografia di Giorgio Castriota è opera di Marinus Barletius (Marin Barleti in albanese, Marino Barlezio in italiano), un sacerdote cattolico di Scutari, che alla morte di Scanderbeg aveva 13 anni. Egli si basò su testimonianze di alcuni dei condottieri al seguito del "primo cavaliere" e su documenti ufficiali dell'archivio di Venezia, dove Barleti si era rifugiato dopo la caduta di Scutari (1479) sotto il dominio ottomano. Scritta in latino, la Historia de vita et gestis Scanderbegi, Epirotarum principis venne pubblicata a Roma all'inizio del XVI secolo (1508-1510).[70]

Un secondo libro biografico su Scanderbeg venne pubblicato dal chierico cattolico, Demetrio Franco, proveniente da Drivasto, dominio veneziano in Albania, e esule albanese a Venezia. Contrariamente a Barletius, Demetrio Franco visse per qualche tempo presso Scanderbeg e pare abbia servito nella sua cancelleria come funzionario delle finanze negli ultimi anni dell’epopea, quindi un testimone oculare. La sua opera, originariamente in latino, fu pubblicata postuma senza il nome dell'autore, tradotta in italiano a Venezia nel 1539 col titolo: "Commentario delle cose de Turchi, et del S. Georgio Scanderbeg, principe di Epyrro".[71]

Un'altra testimonianza sulla vita di Castriota fu quella di Giovanni Musachi (in albanese Gjin Muzaka), appartenente alla famiglia feudale che governava la città di Berat. Gjin Muzaka combatté accanto a Skanderbeg e visse in Albania ancora per undici anni dopo la morte dell'eroe; più tardi si trasferì a Napoli dove, nel 1515, scrisse il libro Historia e Genealogia della casa Musachia, nel quale narra le vicende di cui fu testimone diretto.

Nel 1742, ca. due secolo più tardi Giovanni Maria Biemmi, prete di Brescia, presentò una biografia di Scanderbeg sostenendo di averla estratta da un incunabolo, dell’anno 1480, scritta da un autore anonimo che Biemmi chiama Tivari, che venne battezzato "il Tivarese" da Fan Stilian Noli. Il manoscritto originale dell'opera del Tivarese sarebbe andato perduto: lo si conosce soltanto da riferimenti e citazioni del libro di Biemmi intitolato Istoria di Giorgio Castrioto Scander-Begh. Il Tivari descrive criticamente tutti gli episodi, non mancando di fornire accuratamente nomi, regioni e date delle battaglie, con una precisione temporale raramente verificabile in Barletius. A duecento anni dalla "scoperta" del prete bresciano (Gianmaria Biemmi), lo storico e orientalista tedesco Franz Babinger (1931) e il bibliotecario tedesco Kurt Ohly (1933) denunciarono questo libro come un "magistrale falso storico" e come "la creazione" di un falsario che aveva inventato altre opere.[72] Nel XIX e all'inizio del XX secolo, Biemmi aveva servito a numerosi storici come fonte. Generazioni di storici albanesi da Athanase Gegaj a Fan Noli fino ai rappresentanti degli ultimi tempi hanno più volte protetto Biemmi e hanno continuato ad utilizzarla. L'atteggiamento di Kristo Frasheri, che è consapevole della contraffazione ma ne fa comunque uso perché contiene elementi essenziali di una tradizione amata, caratterizza il carattere di parti importanti della ricerca albanese. L'unico che si è opposto è Kasem Biçoku, che nella sua bibliografia di Scanderbeg del 1997 parlava chiaramente di un falso e non ha preso in considerazione Biemmi nella sua biografia di Scanderbeg.[73]

Jakob Philiipp Fallmerayer
Jakob Philiipp Fallmerayer

Nel XIX secolo studiosi di nazionalità diverse, accantonando le tante opere dei due secoli precedenti, si sono occupati delle fonti originali conservate negli archivi del Vaticano, di Venezia, di Ragusa e di Istanbul. La scoperta di questi documenti ha posto sotto una luce diversa la vita e l'opera di Scanderbeg. Il primo studio su Scanderbeg avente pretese scientifiche era il bizantinista tirolese Jakob Philipp Fallmerayer, che tra il 1857 e il 1866 pubblico nove volumi sul "Das Albanische Element in Griechenland";[74] gli seguì lo storico e bizantinista tedesco Karl Hopf nel 1873.[75] Alcuni studiosi lo nominano nelle loro lunghe e generiche opere che trattano il periodo in cui i turchi dominarono i Balcani. Altri, come l'inglese Clement Moors, il francese Camille Paganelle, il tedesco Julius Pisko, hanno scritto lunghe biografie sul Castriota. Il lavoro maggiore si deve agli eruditi Thalloczy, Jireçek e Shufflay, i quali raccolsero e pubblicarono una collezione di documenti che costituisce un'opera monumentale per l'Albania del XIX secolo.

Dopo la prima guerra mondiale padre Fan Stilian Noli, prete ortodosso, filosofo, storico e scrittore albanese, pubblicò nel 1921 l'opera Historia e Skënderbeut (La storia di Skanderbeg), riscuotendo ben presto una straordinaria popolarità, al punto d'essere quasi imparata a memoria da tutti gli studenti delle scuole dell'Albania libera. Dopo la seconda guerra mondiale pubblicò un altro libro sulla storia di Castriota in lingua inglese, un'analisi scientifica e critica delle opere di tutti i precedenti autori che avevano scritto la biografia dello Scanderbeg[76]. In questo lavoro del 1947 Noli cercò di distinguere i fatti storici dalle leggende e dai pregiudizi, interpretando e ponendo Castriota allo stesso livello di un comandante di guerriglia dei tempi più moderni.

Nel 1937 Thanas Gegaj presentò una tesi in francese, nell'Università belga di Louvain, intitolata L'Albanie et l'invasion au XVe siècle.

All'eroe nazionale dell'Albania e alla sua epopea sono riferite decine di leggende e tradizioni locali, e dedicate numerose opere di narrativa: tra queste meritano di essere ricordati il George Kastioti Scanderbeg del 1962 di Naim Frashëri, considerato il fondatore della letteratura nazionale albanese, il romanzo Kështjella ("I Tamburi della Pioggia", lett. "La Fortezza") del 1970, del più noto scrittore contemporaneo albanese, Ismail Kadare. La presenza di Scanderbeg in Italia è stata raccontata nel romanzo storico Skanderbeg - La campagna d'Italia di Alban Kraja. Gli atti eroici di Scanderbeg, di suo figlio Giovanni e di suo nipote Giorgio Castriota i Ri sono raccontati sotto forma romanzata nel libro Il mosaico del tempo grande di Carmine Abate.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Incisione di Donica di Johann Theodor de Bry, 1596

Nel 1451, Skanderbeg sposò Andronica "Donica" Arianiti-Comneniata[77]) (* Canina 1428; † Valencia, tra l'8 marzo 1505 e l'inizio di settembre del 1506[78]), figlia del principe di Kanina, Gjergj Arianiti Comneni e di Maria Muzaka, figlia di Andrea III Muzaka e Chiranna Zenevissi.[79] Nel 1456 nacque il suo unico figlio e discendente Gjon II Castriota (italianizzato: Giovanni).

Hamzà (o Bernardo), figlio del fratello Stanisha, che aveva sperato di ereditare il Principato dei Castriota, lo stesso giorno della nascita dell'erede (1456), si recò con la sua famiglia ad Adrianopoli[80].

Gjon, che aveva ereditato da suo padre i titoli di Signore di Monte San Angelo,[65] e San Giovanni Rotondo in Capitanata,[66] nel 1485, lasciò i suoi feudi in cambio di Soleto e Galatina nella provincia di Lecce con il titolo di conte e duca.[81]

Gjon, che sposò Irena Branković, discendente per linea materna dalla famiglia imperiale bisantina dei Paleologi, ebbe cinque figli:

  • Costantino (1477-1500), vescovo di Isernia (2 ottobre 1497 - 1500)[82].
  • Ferrante (? -1561), 2º conte di Soleto e 2º duca di San Pietro in Galatina, sposò Adriana Acquaviva d'Aragona dei duchi di Nardò[82]. La figlia Erina (? -1565), 3ª contessa di Soleto e 3ª duchessa di San Pietro in Galatina, sposò il principe Pierantonio Sanseverino di Bisignano[82].
  • Giorgio (? -1540)[82];
  • Federico (? -?)[82];
  • Maria (? -1560)[82].

Leggende[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante una furente battaglia contro i turchi che si prolungò oltre il tramonto, lo Scanderbeg ordinò ad alcuni suoi soldati di recuperare un gregge di capre, fece legare delle torce accese alle loro corna e le liberò in direzione delle file dei soldati turchi a notte inoltrata. I turchi, credendo di essere assaliti da preponderanti forze nemiche, batterono in ritirata. Per l'importante servigio reso dall'animale, Scanderbeg decise di assumerlo come suo emblema e raffigurarlo sul suo elmo.
  • Nel suo letto di morte, Scanderbeg ordinò, fra tutte le persone riunite accanto a lui, a un bambino di andare fuori, raccogliere tanti pezzetti di legno e di queste farne un mazzo. Al suo ritorno, Scanderbeg sfidò i presenti a spezzare questo mazzo, ma nessuno di essi riuscì nell'impresa. Fu così che il principe disse allora al giovane di disfare il mazzo e romperli uno per volta... Concluse dicendo: "Con questo gesto, io, vi volevo dimostrare che se restate tutti uniti nessuno potrà mai spezzarvi, ma dividendovi anche un solo bambino potrà condurvi alla morte". Detto questo spirò.
  • Appena diffusasi la notizia della morte di Scanderbeg, i turchi decisero di assalire le forze albanesi in virtù del basso morale che l'avvenimento aveva generato. I luogotenenti albanesi allora decisero di ricorrere a un singolare stratagemma: presero dal letto di morte il corpo esanime del loro condottiero e lo issarono sul suo cavallo, spronandolo in battaglia con dietro tutto il suo esercito. I turchi, sentitisi ingannati dalla falsa notizia circa la sua morte, batterono in ritirata.

Arte, musica e letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Palazzetto Castriota, con il suo ritratto, sito in Vicolo Scanderbeg a Roma (XV secolo).
Monumento equestre di Castriota in piazza Albania a Roma (1940).
Lapide marmorea in onore a Scanderbeg nella Parrocchia italo-albanese di San Nicolò nel centro storico di Palermo (1968).
Busto di Giorgio Castriota su Corso Plebiscito nel centro storico di Cosenza (1988).
Mausoleo di Scanderbeg ad Alessio in Albania (1981), costruito sui ruderi della Chiesa di San Nicola del XIV secolo.

Numerosissimi sono i monumenti (statue equestri, busti, lapidi celebrative) in Albania e Kosovo, così come nelle zone albanesi della Macedonia, del Montenegro e, in misura minore, in Grecia.

In Italia:

  • Il palazzo a Roma dove risiedette Scanderbeg negli anni 1465-1466 porta ancora il suo nome e la sua immagine dipinta nel medaglione sopra il portone[83][84], sebbene non offra testimonianze delle sue gesta; ha ospitato in passato il "Museo Nazionale delle Paste Alimentari". In piazza Albania una statua equestre gli è dedicata, opera dello scultore Romano Romanelli del 1940.
  • A Firenze, nella Galleria degli Uffizi, c'è uno storico dipinto (1552 - 1568) di Giorgio Castriota, opera dell'artista Cristofano dell'Altissimo[85].
  • A Fermo nella Sala dei Ritratti al Palazzo dei Priori si trova un ritratto di Scanderbeg che fa parte d'una collezione donata ai Priori di Fermo, si presume nel XVI secolo, da papa Sisto V. Con l'iniziativa del Consigliere Comunale Granit Muçaj nel 28 maggio 2005 per celebrare 600 anni della sua nascita è stata inaugurata una piazza intitolata "Giorgio Castriota Scanderbeg Eroe Albanese". Due anni dopo, al 25 novembre 2007, per l'occasione della festa Nazionale Albanese 95º anniversario d'indipendenza, con il contributo del imprenditore Nebi Muçaj e dell'Associazione Skanderbeg a Fermo, è stato inaugurato il busto dell'eroe (l'opera è dello scultore Artan Peqini ed è fusa in bronzo). Sei anni dopo in questa piazza a Fermo, è stato costruito il Monumento dell'Eroe Nazionale Albanese, che consiste in un piazzale pavimentato di circa 200 metri quadri opera dell'Arch. Francesco Alocco, inaugurato il 24 novembre 2013 con la partecipazione del Presidente del Parlamento Albanese on. Ilir Meta.
  • Il Palazzo Castriota o Palazzo del Tufo, ubicato a Napoli, è uno dei principali palazzi monumentali della città. Si trova in via Santa Maria di Costantinopoli e costituisce un bell'esempio di architettura rinascimentale e barocca. L'edificio, che appartenne ai Castriota Scanderbeg, presenta una facciata ornata mediante un semplice parametro in mattoni con alto basamento sul quale si apre il portale a conci alterni in marmo.
  • Ad Auletta (SA) è presente il Castello Marchesale della famiglia Maioli Castriota Scanderbech. Durante la prima metà del Novecento il Castello ha accolto come ospiti anche l’ultimo Re d’Italia, Umberto II di Savoia, e sua moglie Maria José.
  • In Umbria, secondo il sito web del Castello di Castelleone[86], un'antica fortezza feudale di origini medioevali nei pressi di Deruta (Perugia), sulla cima della cosiddetta Torre Longobarda, è presente una presunta statua equestre di Giorgio Castriota Scanderbeg. Pur trascurando le differenze minori (elmo, barba, spada) non si può non evidenziare che lo stemma rappresentato sullo scudo non è l’aquila bicipite dei Castriota. Si narra che Giorgio Castriota sia passato da quelle parti e abbia fatto tappa a Castelleone incaricato da Papa Pio II di richiamare alle armi i perugini contro gli ottomani.[87]
  • Nella città di Palermo, nella zona in stile liberty tra piazza Croci e il Teatro Politeama Garibaldi, gli è dedicata una via (Via Giorgio Castriota). Sempre nella città di Palermo, nella Parrocchia Italo-Albanese di rito bizantino S. Nicolò dei Greci alla Martorana, in pieno centro storico, una lapide marmorea posta nel 1968 (periodo in cui nelle comunità albanesi di Sicilia vi erano grandi festeggiamenti in onore dell'eroe d'Albania) dai papàdes/sacerdoti dell'Eparchia di Piana degli Albanesi (tra cui - per volere di - Papàs Matteo Sciambra, Papàs Ignazio Parrino, l'Eparca Giuseppe Perniciaro) e da intellettuali, albanologi e studiosi quali ad esempio Ernest Koliqi, Padre Giuseppe Zef Valentini, Rosolino Petrotta, Giuseppe Schirò Clesi, onora e ricorda le solenni celebrazioni del cinquecentenario della morte di Scanderbeg a Palermo.
  • Un busto di Castriota è presente nel centro storico di Cosenza, realizzato da Odhise Paskali, il più importante artista e scultore albanese del XX secolo. Fu donato dalla Repubblica Popolare Socialista d'Albania alla città di Cosenza nel 1968 e sistemato nel 1978, su richiesta dell'on. Mario Brunetti, nella piazza XXV Luglio (vicino a piazza Cappello), poi nel 1988, su richiesta di papàs Antonio Bellusci, primo parroco della chiesa italo-albanese del Santissimo Salvatore, fu spostato nella sede attuale, in Corso Plebiscito, nei pressi della parrocchia di rito bizantino per solennizzare il decimo anniversario dell'erezione della parrocchia “personale” per gli albanesi ivi residenti a Cosenza.
  • In molte delle colonie albanesi d'Italia, gli arbëreshë, storicamente già dal XVIII secolo piazze o vie/corsi principali sono dedicati a Giorgio Castriota Scanderbeg, come ad esempio nei centri di: San Costantino Albanese, San Paolo Albanese (Basilicata); Portocannone, Montecilfone, Campomarino (Molise); San Marzano di San Giuseppe (Puglia); Plataci, Lungro, San Demetrio Corone, Frascineto, Santa Sofia d'Epiro, Spezzano Albanese (Calabria); Piana degli Albanesi, Biancavilla (Sicilia); Villa Badessa (Abruzzo). Sono numerosi, nelle medesime, anche busti, statue e affreschi celebrativi dell'eroe albanese.

Nel resto del mondo:

  • Un'antica epigrafe (1502) in latino, misto al dialetto volgare locale, è presente al monastero della Trinitat di València, in Spagna.
  • Un monumento[88] a Scanderbeg è stato inaugurato nel 1968 a Bruxelles, in Belgio, dagli immigrati albanesi per celebrare i 500 anni della sua morte.
  • A Parigi, in Francia, in occasione del cinquecentenario nel 1968, con la presenza di varie comunità albanesi d'Italia, di Grecia, di Albania, Kosovo, Montenegro e Macedonia, è stata inaugurata la piazza Giorgio Castriota Scanderbeg.
  • A Ginevra, in Svizzera, è stata eretta una statua il 1º novembre del 1997.
  • A Pristina, in Kosovo, dopo la guerra, è stata inaugurata da Ibrahim Pjetër Rugova nel 2001 una nuova statua equestre dell'artista J. Paco.
  • A Rochester Hills, Michigan, presso St. Paul Albanian Parish, è stato eretto nel 2005 il primo monumento a lui dedicato degli Stati Uniti.
  • A Skopje, in Macedonia del Nord, il monumento è stato inaugurato il 28 novembre del 2006.
  • A Londra, in Inghilterra, è stata inaugurata nel 2012, in occasione del Centenario dell'indipendenza dell'Albania dai turchi, un busto e così intitolatagli la piazza omonima.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La data di nascita è calcolata. Scanderbeg è morto nel 1468 all'età di 63 anni.
    Fan Stilian Noli, 1924, nota 230 a p. 184

    «La data di 17 Gennaio ce la danno gli Anonimi, l 'anno 1468 Giorgio Sphrantzes, 1. IV . c. 22. p. 430: «Mense Ianuario eiusdem anni (6976 anno bizantino, cioè 1468) Albanitarum princeps Scantares morbo obiit».»

  2. ^ L'ardua resistenza ai tentativi di conquista dell'Impero ottomano consentì nel frattempo agli stati europei di organizzare l'esercito, che sconfisse alle porte di Vienna le falangi turche e fermò definitivamente i loro avanzare in Europa.
  3. ^ a b Franz Babinger, 1992, p. 152.
  4. ^ a b Oliver Jens Schmitt, 2011, p. 81.
  5. ^ Fan Stilian Noli, 1924, p. 45.
  6. ^ Fan Stilian Noli, 1924, nota 100 a p. 169

    «Secondo Barlezio nacque nel 1403 e fu dato come ostaggio nel 1412; se­condo Lavardin, Bienimi e Pisko, nacque nel 1404 e fu dato come ostaggio nel 1413; secondo l'Anonimo Veneto (ed. 1539) nacque nel 1410 e fu dato come ostaggio nel 1418; secondo l'Anonimo del Sansovino e di Demetrio Franco nacque nel 1407 e fu dato come ostaggio nel 1415; secondo l'Hahn e l'Hopf, nacque nel 1403 e fu dato come ostaggio nel 1410; secondo l'Hammer-Purgstall, il Paganel ed il Fallmerayer nacque nel 1414 e fu dato come ostaggio nel 1423. Secondo il Biemmi, il Pisko, l'Hahn e l'Hopf fu preso ostaggio dal Sultano Maometto I; secondo tutti gli altri, fra i quali tutti gli antichi, fu preso come ostaggio dal Sultano Murad II. In breve, la sua nascita ha avuto luogo fra il 1403 e il 1414, e la data del suo ostaggio cade fra il 1410 e il 1423.»

  7. ^ Christine von Kohl, 1998, p. 39.
  8. ^ John Musachi, Brief Chronicle on the Descendants of our Musachi Dynasty, p. 54.

    «You should know that the grandfather of Lord Scanderbeg was called Lord Paul Castriota. He ruled over no more than two villages, called Signa (Sina) and Gardi Ipostesi. To this Lord Paul was born Lord John Castriota who became Lord of Mat. And to him was born Lord Scanderbeg. The mother of the said Lord Scanderbeg, i. e. the wife of the said Lord John, was called Lady Voisava Tribalda who was of a noble family.»

  9. ^ Della madre di Giorgio Castriota sono giunti solo due riferimenti coevi (Marino Barlezio, alias Marin Barleti, e Giovanni Musachi, alias Gjon Muzaka) che indicano la origine nobile e l'eponimico ("pater nobilissimus Triballorum princeps", scrive Barlezio), ma non esattamente la sua famiglia di appartenenza. La nobildonna è stata, col tempo, accreditata come appartenente alla famiglia dei Branković (cfr. Schmitt, 2009, pp. 44-45), come originaria arbër-epirota (cfr. Pirro Prifti, Përse Vojsava Tribalda – Nëna e Skënderbeut ishte me origjinë Arbër, Bota Sot, 22 luglio 2017.) o della valle di Polog (cfr. Ilmi Veliu, Nëna e Skënderbeut, Vjosava Tribalda ishte e pastër shqiptare, nga Pollogu i Iliridës, in Tema, 5 dicembre 2018.). A quest'ultimo proposito, Fan Stilian Noli specifica che Voisava era la figlia del principe di Pollogu (secondo la denominazione albanese), nei pressi di Tetova: una regione che fa­ceva parte del principato dei Balsha ed rientrava nell'area di influenza dei Castriota, e che fa oggi capo alla regione statistica di Polog della Macedonia del Nord. Gli abitanti di tale area erano di stirpe bulgara, ma i suoi prìncipi erano albanesi dall'epoca dei Balsha o comunque si erano albanesizzati tramite legami matrimoniali (Fan Stilian Noli, 1993, p. 26).
  10. ^ Franco Demarchi, Minoranze linguistiche tra storia e politica, p. 175
  11. ^ Irvin Faniko: L’evoluzione storico-giuridico della Carta Fondamentale Albanese, pp. 29
  12. ^ Povijesno društro Hrvatske: Historijski zbornik, Volumi 41-42. 1989, p. 24
  13. ^ John Van Antwerp Fine: The Late Medieval Balkans, p. 422
  14. ^ Agostino Pertusi, Martino Segono di Novo Brdo, p. 292
  15. ^ Janko Šafařík, Acta archivi Veneti spectantia ad historiam Serborum et reliquorum Slavorum meridionalium, p. 447
  16. ^ a b Fan Stilian Noli, 1993, p. 27.
  17. ^ Archivio di Stato di Venezia: Acta Albaniae Veneta saeculorum XIV et XV, Parte 1,Volumi 3-4. Typis Josephi Tosini, Venezia 1980, p. 405
  18. ^ a b c d Fan Stilian Noli, 1993, p. 28.
  19. ^ Christine von Kohl, Albanien, p. 23
  20. ^ Janko Šafařík, Acta archivi Veneti spectantia ad historiam Serborum et reliquorum Slavorum meridionalium, p. 134
  21. ^ a b Fan Stilian Noli, 1993, p. 29.
  22. ^ Ludwig von Thallóczy, Illyrisch-Albanische Forschungen, p. 140
  23. ^ Francesco Pall, 1938, p. 78.
  24. ^ Julius Pisko, 1894, p. 8.
  25. ^ Pietro Zattoni, 2010, p. 2

    «L'organizzazione ottomana era ben diversa da quella, classica, dell'Europa medioevale, caratterizzata da una lunga catena di obblighi feudali, che legava i vassalli di rango più basso a quelli di rango superiore, questi a quelli del rango successivo e così via sempre più su fino al sovrano; i vassalli ottomani ricevevano i loro feudi, chiamati timar, direttamente dal sultano e direttamente a lui erano tenuti a fornire in cambio prestazioni militari accuratamente definite, come numero di uomini ed equipaggiamento, cui non potevano venir meno senza gravi rischi; inoltre i feudi timar erano piuttosto piccoli, dato che ognuno di essi poteva fornire, mediamente, 4-5 cavalieri (spahis) equipaggiati, e quindi il "potere contrattuale" di ogni singolo feudatario nei confronti del sultano era praticamente nullo; infine i feudi non erano ereditari ed anzi il sultano non aveva alcuna remora a privarne il vassallo che fosse incorso nella sua disapprovazione o ad effettuare delle rotazioni ogni volta che lo ritenesse opportuno.»

  26. ^ Pietro Zattoni, 2010, p. 6

    «Dai documenti catastali ottomani risulta che, nei primi anni '30, un certo Hızır beg era subaš di Kruja. Nel 1438 risulta Scanderbeg come subashi di Kruja, alla fine dello stesso anno, a Krujë era di nuovo subaş Hızır beg cui, nel 1440, successe Gazi oğlu Umur beg; quanto al grado successivo di sanjaq beg, è per lo meno dubbio che egli vi sia mai pervenuto, poiché il suo nome non figura nella lista di capi turchi, che presumibilmente comprende tutti i sanjaq beg presenti, inclusa nella lettera inviata da Huniady al suo collega Újlaki all'indomani della battaglia di Niš

  27. ^ Oliver Jens Schmitt, 2010, p. 75

    «Balaban paşa […]. Anciennement au service du père de Skanderbeg, il évolua vite dans l’armée ottomane. Appelé le «petit» (küçük), il servit, comme Hızır, en 1423 dans le château de Kruja […].»

  28. ^ Jeton Omari, 2013/14, p. 67.
  29. ^ Kristo Frashëri, 2002, p. 118-120.
  30. ^ Oliver Jens Schmitt, 2010, p. 74

    «Hızır bey était un concurrent de Skanderbeg; commandant ottoman de Kruja, il fut destitué et remplacé par Skanderbeg; quand ce dernier tomba en disgrâce et fut éloigné de l’Albanie, Hızır reprit le poste à Kruja;[…].»

  31. ^ Pietro Zattoni, 2010, p. 7.
  32. ^ Le potenze cristiane, Venezia e Ragusa promettevano protezione e sostegno (finanziario o in approvvigionamenti) in caso di ribellione al sultano.
  33. ^ Fan Stilian Noli, 1993, p. 30.
  34. ^ Fan Stilian Noli, 1993, p. 37-38.
  35. ^ a b Fan Stilian Noli, 1993, p. 39.
  36. ^ Arshi Pipa, Sami Repishti, 1984, p. 14.
  37. ^ a b John Van Antwerp Fine, 1994, p. 535.
  38. ^ I Conti albanesi Ducagini a Capodistria, 2015, p. 535.
  39. ^ Peter Bartl, 1974, p. 94.
  40. ^ Frashëri, 1964, p. 65.
  41. ^ Rigomera Eysser, 1938, p. 8

    «[…] Nicolaus V. kam, soviel er konnte, allen seinen christlichen Untertanen zu Hilfe. Gleich seinen Vorgängern unterstützte er das kleine Königreich Cypern, den Johanniterorden von Rhodos, Bosnien, auch Skanderbeg in Albanien. Im Interesse des Türkenkrieges opferte der Papst reiche Summen für die Kriegsflotte des Aragoners, Alfons V. von Neapel. Seinen besondern Schutz liess er Ungarn zukommen. Denn mehr und mehr verbreitete sich die Auffassung, dass nicht das griechische Reich, sondern Ungarn «der Schild gegen die Ungläubigen» sei, nachdem die Griechen keine Hand gerührt hatten zur Unterstützung der Lateiner in den schweren Kämpfen von Nicopolis und Varna. Daraus erklärt sich, wenigstens zum Teil, der geringe Eifer der Lateiner zur Rettung Konstantinopels. […].»

  42. ^ Fan Stilian Noli, 1924, p. 40.
  43. ^ Francisc Pall, 1965, p.436.
  44. ^ Fan Stilian Noli, 1924, p. 40.
  45. ^ Iulian Mihai Damian, 2018, p. 14.
  46. ^ Halil İnalcık, 1998, p. 88

    «Comme nous le dit Chalcocondy- las après la retraite des Ottomans dans les Balkans en 1443 devant l'Hunyade, les anciens seigneurs se dépêchèrent de tous les côtés à rentrer en possession des domaines de leurs pères […].»

  47. ^ Encyclopaedia of the Muslim World, 2003, p. 45.
  48. ^ p. 78, Dialogue, Volume 5, Edizioni 17-20, 1996.

    «Posle bitke kod Pirota, Skenderbeg zajedno sa sinovcem Hamzom, sinom svog starijeg brata Staniše (prešavši u hrišćanstvo Hamza će uzeti ime Branilo po svom čukundedi) i 300 vernih Albanaca, napušta turske redove […]»

  49. ^ Francisc Pall, 1965, p. 460.
  50. ^ Barbara Barletta, Giorgio Castriota Scanderbeg, in Personaggi del Medioevo.
  51. ^ Famiglia Castriota Scanderbech, su nobili-napoletani.it.
  52. ^ Scanderbeg, in InStoria.it.
  53. ^ Pietro Zattoni, 2015, p. 2.
  54. ^ a b Pietro Zattoni, 2010, p. 3

    «Nel 1447 morì senza eredi il duca di Milano, Filippo Maria Visconti, un evento che offriva a Venezia la possibilità di mettere le mani sulla Lombardia, unificare pressoché totalmente l’Italia settentrionale sotto il suo dominio e stabilire così un'indiscutibile egemonia su tutta la penisola.»

  55. ^ Pietro Zattoni, 2010, p. 3

    «La cosa in sé non deve troppo stupirci, perché l’assassinio politico era tutt’altro che raro nell’Europa del Quattrocento (e non è ignoto neanche nella nostra epoca) e Venezia non faceva eccezione; c’è da dire, semmai, che, a differenza di quanto poteva avvenire per altri potentati, la natura collegiale del governo veneto faceva sì che decisioni del genere dovessero essere verbalizzate e votate, cosicché era inevitabile che ne rimanesse traccia negli archivi.»

  56. ^ a b Frashëri,  pp. 160–161
  57. ^ Dorothy Margaret Vaughan, Europe and the Turk: a pattern of alliances, 1350-1700, AMS Press, 1º giugno 1954, p. 62, ISBN 978-0-404-56332-5. URL consultato il 12 settembre 2012.
  58. ^ Jean W. Sedlar, East Central Europe in the Middle Ages, 1000-1500, University of Washington Press, 1994, p. 393, ISBN 978-0-295-97290-9. URL consultato il 12 settembre 2012.
  59. ^ Babinger
  60. ^ Setton,  p. 100

    «Scanderbeg intended to go "personalmente" with an army to assist Hunyadi, but was prevented from doing so by Branković, whose lands he ravaged as punishment for the Serbian desertion of the Christian cause.»

  61. ^ Noel Malcolm, Kosovo: A Short History, 1998, pp. 89-90.
  62. ^ Attilio Vaccaro, Per una lettura dell’Albania medievale e delle guerre antiturche nei Balcani, Soveria Mannelli, 2011.
  63. ^ Sarro, 2019, p. 21.
  64. ^ Sbrana, 2016, p. 198.
  65. ^ a b Mario Massari, Imri Badallaj, Chieuti e la sua parlata arbëreshe, Apricena, Malatesta Editrice, 2011, p. 91, ISBN 978-88-95939-26-1.
  66. ^ a b Gennaro Maria Monti, La spedizione in Puglia di Giorgio Castriota Scanderbeg e i feudi pugliesi suoi della vedova e del figlio, in: Palaver. Volume 4 n.s., Issue 1. (PDF), Lecce, Università del Salento, 2015, p. 125.
  67. ^ Robert Mantran, Storia dell'impero ottomano, Lecce, Argo, 1999, p. 113.
  68. ^ Fan Stilian Noli, 1924, nota 230 a p. 184

    «La data di 17 Gennaio ce la danno gli Anonimi, l 'anno 1468 Giorgio Sphrantzes, 1. IV . c. 22. p. 430: «Mense Ianuario eiusdem anni (6976 anno bizantino, cioè 1468) Albanitarum princeps Scantares morbo obiit».»

  69. ^ a b Ludwig von Thallóczy, 1916, p. 83

    «[…] Skanderbeg starb 1468, an 63 Jahre alt, in der venezianischen Stadt Alessio und wurde dort in der Kirche des heiligen Nikolaus begraben; als die Türken den Ort später eroberten, erbrachen sie sein Grab und verschleppten seine Gebeine als Talismane. […]»

  70. ^ Jeton Omari, 2013/14, p. 65.
  71. ^ Demetrio Franco, 1584.
  72. ^ Jeton Omari, 2013/14, nota 120, p. 75

    «Nel 1933, Kurt Ohly, un esperto indagatore di incunaboli, nel suo lavoro "Eine Geschäftliche Radolt Inkunabel", dichiarò che durante le ricerche effettuate nei fondi dell'archivio della stamperia di Erhard Ratdolt a Venezia non era emersa nessuna traccia riguardo a una pubblicazione del presunto Antivarino nel 1480, inoltre, neanche in seguito si è riusciti a trovare una copia dell’opera in questione. Ohly, quindi, dedusse che la biografia dell’Anonimo Antivarino fosse, in realtà, un'opera inventata da Biemmi. Un'invenzione tra le più raffinate e meglio riuscite del suo tempo. Con riferimento a questa tesi, ancora un anno più tardi, quindi nel 1934, Babinger pubblicò a Berlino l’opera dal titolo "Ein erdichtetes Werk über Skanderbeg".»

  73. ^ Oliver Jens Schmitt, 2009, p. 342.
  74. ^ Jakob Philipp Fallmerayer, 1857-1866.
  75. ^ Carl Hopf, 1873.
  76. ^ Fan S. Noli, George Castrioti Scanderbeg (1405–1468), New York, International Universities Press, 1947. Edizione in italiano: Scanderbeg, traduzione di Alessandro Laporta e Halil Myrto, Lecce, Argo, 1993.
  77. ^ Dal testamento della regina Giovanna III emerge che Donika fu seppellito nella chiesa della Santa Trinità di Valencia. Inoltre esprime la volontà che il corpo di Andronica venga traslato a Napoli, in una cappella dell'erigenda chiesa del monastero di Santa Maria della Concezione. Non sembra che la volontà di Giovanna III sia mai stata eseguita, ed è dunque probabile che Andronica sia ancora sepolta a Valencia.( Giovanni Antonio Summonte, Historia della città e regno di Napoli, Tomo V, Napoli, R. Gessari, 1749, p. 103.
  78. ^ Paolo Petta, p. 69.
  79. ^ (EN) Arshi Pipa, Sami Repishti, Studies on Kosova in: East European Monographs, New York City, Columbia University Press, 1984, p. 14, ISBN 978-0-88033-047-3.
  80. ^ (EN) Giuseppe Staffa, I grandi condottieri del Medioevo, Roma, Newton & Compton, 2014, p. 113, ISBN 978-88-541-6457-4.
  81. ^ Franca Petrucci, Giovanni Castriota, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 22, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1979. URL consultato il 23 settembre 2019.
  82. ^ a b c d e f I Castriota - Linea antica, su castriotascanderbeg.it. URL consultato il 23 settembre 2019.
  83. ^ Palazzo Scanderbeg, Roma, su palazzoscanderbeg.com. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  84. ^ Giggi Zanazzo, nel suo Usi, costumi e pregiudizi del popolo di Roma, Torino 1908, gli dedica la nota 236, come segue: «Veramente li romaneschi lo chiameno Scannabbécchi: ma è llo stesso.
    Guasi da piede a la salita de Montecavallo, a ddritta de cchi la scénne, prima de svortà' pper annà' a Ssant'Anastasio e Ttrèvi, c'è un vicoletto che ddà ssopre a 'na piazzetta chiamata Scannabbécchi (Scanderbeg). Mbè' llì, ssempre a mmano ddritta, c'è una casa indove sur portone c'è un ritratto d'un vecchio co' ttanto de bbarba e un tòrcolo in testa.
    Que' ritratto sarebbe 'sto Scannabbécchi in persona, che ttanto tempo fa, scappato da la Turchia pe' nun morì' impalato, se rifuggiò a Roma, se comprò quela casa, ciabbitò ttanto tempo e cce morì.
    Chi ddice che sii stato un re, chi un gran generale, chi una cosa e cchi ll'antra.
    Er fatto sta, e è, cche pprima de morì', sse fece fa' quer ritratto sur portone, e passò quela casa a l'eredi cor patto che tutte le vorte che er su' ritratto se fussi scassato o ruvinato, je l'avesseno fatto aridipigne de bber nôvo. Quer tale de l'eredi che nun avessi mantienuto er patto, aveva da perde la casa.
    Infatti, doppo tanto tempo, si cce fate caso, è ritratto se mantiè' ssempre nôvo, perché li padroni de la casa a' l'effìggia de Scannabbécchi ogni tanto je ce danno una ritoccata.»
  85. ^ Inventario 1890. Dell'Altissimo Cristofano, ritratto di Giorgio Castriota Scanderbeg, Galleria degli Uffizi, Firenze, su polomuseale.firenze.it, Polo Museale Fiorentino. URL consultato il 31 dicembre 2020. Il «Ritratto di Giorgio Scanderberg» è visibile, previa ricerca, sul sito della Galleria degli Uffizi, ed è comunque riprodotto all'inizio della presente voce.
  86. ^ Torre Longobarda e Spalti esterni XII sec, su castellodicastelleone.com. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  87. ^ Arbër Agalliu, Scanderbeg come non lo avete mai visto, su video.albanianews.it. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  88. ^ Immagine del Monumento di Scanderbeg a Bruxelles, su picasaweb.google.com. URL consultato il 17 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Deuxième Conférence des études albanologiques à l'occasion du 5e centenaire de la mort de Georges Kastriote Skanderbeg (Tirana, 12-18 gennaio 1968), Tirana 1969-1970.
  • I Conti albanesi Ducagini a Capodistria: Castellani di San Servolo, Capodistria, David Runco, 2015.
  • Povijesno društro Hrvatske: Historijski zbornik, Columi 41-42, 1989.
  • Franz Babinger, Mehmed the Conqueror and His Time, Princeton University Press, 1992, ISBN 978-0-691-01078-6.
  • Peter Bartl, Arianiti, Gjergj in: Biographisches Lexikon zur Geschichte Südosteuropas. Band 1, Monaco di Baviera, Felix von Schroeder, 1974.
  • Papàs Lino Bellizzi, Giorgio Kastriota Skanderbeg - Monografia su Villa Badessa.
  • Jaho Brahaj - Skender Sina, Gjergj Kastrioti Skënderbeu, Tirana 1967.
  • John Van Antwerp Fine, The Late Medieval Balkans: A Critical Survey from the Late Twelfth Century to the Ottoman Conquest, Michigan, University of Michigan Press, 1994, ISBN 978-0-472-08260-5.
  • Franco Demarchi, Minoranze linguistiche tra storia e politica, Trento, Gruppo culturale Civis, 1988.
  • Franco Demarchi, Minoranze linguistiche tra storia e politica, Tirana, Fotokopie Canon sh.p.k., 2013.
  • Rigomera Eysser, Papst Pius II. und der Kreuzzug gegen die Türken in: Costantin Marinescu, Mélanges d'histoire générale, Bucarest, Imprimeria Nationalà, 1938, p. 1-134.
  • Jakob Philipp Fallmerayer, Das albanesische Element in Griechenland, Monaco, Verlag der Akademie, 1857-1866.
  • Monica Genesin, Joachim Matzinger e Giancarlo Vallone (a cura di), The Living Skanderbeg. The Albanian Hero between Myth and History, Amburgo, Verlag Dr. Kovač, 2010.
  • Irvin Faniko, L’evoluzione storico-giuridico della Carta Fondamentale Albanese, Tirana, Fotokopie Canon sh.p.k., 2013.
  • Demetrio Franco, Gli illustri et gloriosi gesti, et vittoriose imprese, fatte contra Turchi, dal sign. D. Giorgio Castriotto, detto Scanderbeg, prencipe d'Epirro, Venezia, Altobello Salicato alla libraria della Fortezza, 1584.
  • Kristo Frashëri, Gjergj Kastrioti Skënderbeu: jeta dhe vepra (1405-1468), Tirana, Toena, 2002, ISBN 978-9-992-71627-4.
  • Kristo Frashëri, The history of Albania: a brief survey, Tirana, 1964.
  • Carl Hermann Friedrich Johann Hopf, Chroniques gréco-romanes inédites ou peu connues, Berlino, Weidmann, 1873.
  • Christine von Kohl, Albanien, Monaco di Baviera, Verlag C.H. Beck, 1998, ISBN 3-406-50902-9.
  • Alban Kraja, Skenderbeg - La Campagna d'Italia, Roma-Rimini 2003.
  • Halil İnalcık, From Empire to Republic: Essays on Ottoman and Turkish Social History, Istanbul, Isis Press, 1998.
  • Heinrich Kretschmayr, Geschichte von Venedig, Zweiter Band: Die Blüte, Paderborn, Salzwasser Verlag, 2012, ISBN 9783846006580.
  • Anton Logoreci, The Albanians, Londra 1977.
  • Richard C. Martin, Encyclopaedia of the Muslim World, Macmillan Library Reference, 2003, ISBN 978-0-028-65603-8.
  • Iulian Mihai Damian, Umanesimo e crociata nel Quattrocento, Cluj-Napoca, Presa Universitari Clujeanà, 2018, ISBN 978-606-37-0452-9.
  • John Musachi, Brief Chronicle on the Descendants of our Musachi Dynasty, in Early Albania: A Reader of Historical Texts, 11th-17th Centuries di Robert Elsie, Wiesbaden, Harrassowitz, 2003, pp. 34-55, ISBN 3-447-04783-6.
  • Fan Stilian Noli, Storia di Scanderbeg (Giorgio Castriotto) trad. da Francesco Argondizza, Roma, V. Ferri, 1924.
  • Fan Stilian Noli, Scanderbeg, trad. dall'albanese da Alessandro Laporta e Halil Myrto, Lecce, Argo, 1993.
  • Francesco Pall, Marino Barlezio - uno storico umanista, Bucarest, Iprimeria Națională, 1938, p. 433-464.
  • Francisc Pall, Le condizioni e gli echi internazionali della lotta antiottomana del 1442-1443, condotta da Giovanni di Hunedoara in: Revue des Études Sud-est Européennes, Tome XIII - N°3-4., Bucarest, 1965, p. 433-464.
  • Paolo Petta, Despoti d'Epiro e principi di Macedonia. Esuli albanesi nell'Italia del Rinascimento, Lecce, Argo, 2000, ISBN 88-8234-028-7.
  • Arshi Pipa, Sami Repishti, Studies on Kosova, New York, East European Monographs, 1984, ISBN 978-0-88033-047-3.
  • Julius Pisko, Skanderbeg: Historische Studie, Vienna, W. Frick, 1894.
  • Jeton Omari, Scanderbeg tra storia e storiografia (PDF) (tesi di laurea), Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell Antichità, 2013-2014.
  • Agostino Pertusi, Martino Segono di Novo Brdo, vescovo di Dulcigno: un umanista serbo-dalmata del tardo Quattrocento: vita e opere, Istituto storico italiano per il Medio Evo, Roma, 1981.
  • Janko Šafařík, Acta archivi Veneti spectantia ad historiam Serborum et reliquorum Slavorum meridionalium, Belgrado, Typographia Principatus Serbia, 1860.
  • Italo Sarro, Albanesi in Italia, percorsi migratori (secc. XV-XVIII), Nardò, Besa Editrice, 2019, ISBN 884971002X.
  • Danilo Sbrana, Skanderbeg, Bari, Laterza, 2016, ISBN 978-88-6674-164-0.
  • Oliver Jens Schmitt, Skanderbeg. Der neue Alexander auf dem Balkan, Ratisbona, Friedrich Pustet, 2009, ISBN 978-3-7917-2229-0.
  • Oliver Jens Schmitt, Skanderbeg et les Sultans: Anatomie d'une rébellion contre l'Empire Ottoman (Testo di un corso tenuto al Collège de France, 27 maggio 2010), Parigi, 2010.
  • Oliver Jens Schmitt, Skanderbeg et les Sultans: Anatomie d'une Rébellion contre L'Empire Ottoman in: Turcica 43, Lovanio, Édition Peeters, 2011, pp. 55-90.
  • Giorgio Sfranze, Paleologo. Grandezza e caduta di Bisanzio, Palermo, Sellerio, 2008, ISBN 88-389-2226-8.
  • Ludwig von Thallóczy, Illyrisch-Albanische Forschungen, 1. Band, Monaco di Baviera, Duncker & Humblot, 1916.
  • Miranda Vickers, Shqiptarët - Një histori moderne, Bota Shqiptare, 2008, ISBN 978-99956-11-68-2.
  • Tajar Zavalani, Historia e Shqipërisë, 2 voll., Londra 1961-1966.
  • Pietro Zattoni, In bilico tra due mondi (PDF), Forlì, 2010.
  • Pietro Zattoni, Venezia e Skanderbeg, La guerra del 1447-1448 e i suoi riflessi sulla campagna di Kosovo in: Rivista di Studi militari, Anno IV, 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54941270 · ISNI (EN0000 0001 2280 2571 · LCCN (ENn50016935 · GND (DE11861486X · BNF (FRcb11973635b (data) · BNE (ESXX1349028 (data) · BAV (EN495/20229 · CERL cnp00396539 · WorldCat Identities (ENlccn-n50016935