Argirocastro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Argirocastro
comune
(SQ) Gjirokastra
Argirocastro – Stemma
Argirocastro – Veduta
Panorama della città
Localizzazione
StatoAlbania Albania
PrefetturaArgirocastro
Amministrazione
SindacoFlamur Golëmi
Territorio
Coordinate40°04′32.99″N 20°08′20″E / 40.07583°N 20.13889°E40.07583; 20.13889 (Argirocastro)
Altitudine193 e 286 m s.l.m.
Superficie469,55 km²
Abitanti28 673 (2011)
Densità61,06 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale6001–6003
Prefisso084
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Albania
Argirocastro
Argirocastro
Sito istituzionale
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Centri storici di Berat e Argirocastro
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Gjiro1.jpg
TipoCulturale
CriterioC (iii) (iv)
PericoloNessuna indicazione
Riconosciuto dal2005
Scheda UNESCO(EN) Historic Centres of Berat and Gjirokastra
(FR) Scheda

Argirocastro (in albanese Gjirokastër; in greco Αργυρόκαστρο, traslitterato Argyrokastro) è un comune dell'Albania, capoluogo dell'omonima prefettura. In seguito alla legge di riforma amministrativa del 2015 furono accorpati ad Argirocastro gli ex comuni di Antigonë, Cepo, Lazarat, Lunxhëri, Odrie e Picar. Al censimento del 2011, il più recente effettuato nel Paese, gli abitanti di tali centri risultavano complessivamente essere 8837[1] che, sommati ai 19836 di Argirocastro pre-accorpamento[1], dà un totale stimato di 28673 abitanti; al 2021 non sono ancora disponibili dati censuari sull'effettiva popolazione della nuova unità amministrativa.

Situato nella parte meridionale del Paese, Argirocastro è una delle più antiche città albanesi: costruita su una collinetta alta circa 300 metri che domina una vallata fra i monti Mali i Gjerë e il fiume Drino, il suo nome in greco significa fortezza argentata. La città antica mostra l'incontro delle culture greca, romana, bizantina, turca e albanese ed è inclusa tra i patrimoni dell'umanità.

Considerata il centro della minoranza greca d'Albania, ospita altre minoranze etnico-linguistiche, come i Valacchi e i Rom[2][3]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Argirocastro è situata nel sud dell'Albania, lungo la sponda sinistra del fiume Drino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I tipici tetti in pietra della città vecchia

Argirocastro è un'antica città le cui tracce archeologiche risalgono al I secolo d.C. La città venne probabilmente fondata nel XII secolo intorno ad una fortezza sulla collina. Durante l'Impero Bizantino divenne un importante centro commerciale conosciuto con il nome di Argyropolis, che in greco significa "città argentata", o Argyrokastron, che significa "castello argentato".

La città fece parte del Despotato d'Epiro nel XIV secolo prima di essere assoggettata all'Impero Ottomano nel 1417. Nel 1811 venne conquistata da Alì Pascià di Tepeleni, che si costruì il proprio feudo autonomo nei Balcani sudoccidentali. nella seconda metà del XIX secolo divenne un centro di resistenza contro i Turchi. Nel 1880 si tenne in questa città l'Assemblea di Argirocastro, un momento chiave per il movimento di liberazione albanese.

Durante la prima guerra balcanica del 1912-1913 la città fu occupata dalle truppe greche e poi reclamata dal governo di Atene. Dopo l'assegnazione di Argirocastro alla neonata Albania secondo le clausole del trattato di Londra, la popolazione greca della cittadina, guidata da Georgios Christakis-Zografos, proclamò la nascita della Repubblica Autonoma dell'Epiro del Nord. Nel 1917 il generale Giacinto Ferrero dal castello della città lanciò il famoso Proclama di Argirocastro. Re Vittorio Emanuele III visitò la città di Argirocastro negli anni quaranta. L'8 dicembre 1940 la città fu occupata dalle truppe greche dopo aver respinto con successo l'offensiva italiana. Dopo l'8 settembre 1943 Argirocastro fu occupato dalle truppe tedesche sino a tornare sotto il controllo albanese nel 1944.

Il regime comunista che si insediò dopo la guerra sviluppò qui un polo industriale e commerciale. Venne elevata allo status di città-museo principalmente perché era il luogo di nascita del dittatore Enver Hoxha, che nacque qui nel 1908. La sua casa natale venne trasformata in un museo che divenne il punto focale del culto della personalità di Hoxha.

Argirocastro ebbe seri problemi economici con la fine della dittatura comunista nel 1991, venne pesantemente danneggiata soprattutto dal crollo di un castello di carte nel 1997, crollo che destabilizzò l'intera economia albanese. La città divenne il centro della ribellione contro il primo ministro Sali Berisha e vennero inscenate violente manifestazioni di protesta che condussero alle dimissioni del governo. Il 16 dicembre 1997 la casa-museo di Enver Hoxha venne fatta saltare in aria da parte di ignoti. L'edificio fu successivamente restaurato.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Moschea Baazar
  • Moschea Teqe
  • Chiesa della Santa Trasfigurazione
  • Monastero dei Santi Quirico e Giuditta

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa Zekate

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo Etnografico

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Argirocastro è principalmente una città commerciale con industrie tessili, di pellame e di generi alimentari. Ora è noto il fatto che Argirocastro è la base più importante delle ditte e compagnie albanesi più dinamiche. Molto importante per tutta la regione del Sud d'Albania ed in particolare per quella di Argirocastro è lo sviluppo dell'attività turistica che ultimamente ha suscitato molto interesse.

Dal punto di vista amministrativo la regione di Argirocastro di 2880 km² di superficie e di circa 180.000 abitanti è composta da tre distretti, di cui Argirocastro è il centro più importante, sede della Prefettura, dell'Università del Sud, dell'ospedale regionale, di molte banche nazionali e straniere: Banca d'Albania, Intesa Sanpaolo Bank, Banca Commerciale Nazionale, Raiffaisen Bank, Tirana Bank, Nacional Bank of Greece, Emporiki Bank, Banca Popullore, ProCredit Banc.

Turismo e cultura[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Centri storici di Berat e Argirocastro.
Case tradizionali di Argirocastro
Argirocastro vista della Città
Un tipico edificio del centro cittadino

Argirocastro è uno dei importanti centri culturali e turistici del Sud Albania. Per le sue caratteristiche uniche e i valori storici ed architettonici dal 2005 Argirocastro fa parte nei centri mondiali protetti dall'UNESCO. Il castello di Argirocastro è la costruzione più grande del Centro Storico della cittadina albanese. È stato costruito su un grande masso di roccia che assomiglia con un'immensa nave da combattimento. All'interno si trovano delle gallerie, coperte con volte a botte che occupano la parte centrale della fortificazione. Secondo gli studiosi le origini del castello sono del V secolo d.C., ma secondo gli specialisti dell'UNESCO questo castello ha bisogno per studi e scavi archeologici per certificare bene la sua storia. Il Bazar caratteristico rappresenta un'altra entità in relazione alla parte abitata della città.

I musei visitabili sono il Museo Nazionale delle Armi al castello, il Museo Etnografico, le case storiche come quelle di Zekat (del 1812), Skendulatë, Angonatë, Babameto e Kabilatë. Di valore architettonico sono anche i complessi architettonici nei quartieri storici "Pazar i Vjetër", "Partizani" , "Dunavat" e "Hazmurat" . Oltre gli edifici di stile ottomano, di particolare interesse storico e architettonico nel Centro Storico di Argirocastro ci sono anche gli edifici in stile italiano del '900 con il palazzo dell'ex albergo "Royal", ex "Banco di Napoli", ex Centro Commerciale Zigai, il Liceo, villa "Kokalari", villa "Papavangjeli".

Nella regione di Argirocastro si trovano vari monumenti e siti archeologici, ma i più importanti da visitare sono: la città antica di Antigonea, del 297 a.C. e la città romana di Hadrianopolis, del II secolo d.C. Argirocastro è conosciuta anche per la presenza di edifici di culto, sia per la religione cristiana sia per quella musulmana: la chiesa paleocristiana di Santa Maria a Labovë e Kryqit, la chiesa di San Michele ad Argirocastro, vari monasteri cristiani, la moschea nel Pazar di Argirocastro e vari monasteri Bektascian.

Oltre ai vari monumenti, ci sono varie aree verdi per gli appassionati della natura, come il Parco Naturale di Virua, il Parco Naturale di Sotira, l'Altopiano di Çajupi 1200 m, i Parchi Naturali di Hotova e di Uji Ftohte (Tepelene) e le Acque Termali di Benja(Permeti). Argirocastro è sede universitaria con circa 5000 studenti, che studiano nelle Facoltà di Economia e Commercio, Turismo, Lingue, Scienze, Storia, Geografia, Matematica, Informatica.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Argirocastro è attraversata dalla strada statale 4 che unisce il porto di Durazzo al sud dell'Albania e alla frontiera con la Grecia.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra principale della città è il Klubi Sportiv Luftëtari Gjirokastër.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ENSQ) Resident population by sex, age group and municipality/commune (PDF), su Population and housing Census 2011, instat.gov.al, Tirana, Istituto albanese di statistica, p. 85. URL consultato il 6 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ (EN) Jeanne Guillemin, Anthropological Realities: Readings in the Science of Culture, New Brunswick, Transaction, 1980, ISBN 1412817293.
  3. ^ James Pettifer, The Greek Minority in Albania in the Aftermath of Communism (PDF), su da.mod.uk, Camberley, Surrey, Conflict Studies Research Centre, Royal Military Academy Sandhurst, 11–12. URL consultato il 20 dicembre 2010.
    «The concentration of ethnic Greeks in and around centres of Hellenism such as Saranda and Gjirokastra...».
  4. ^ Articolo di Albania NEWS, su albanianews.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN1558145424703386830781 · LCCN (ENn80036475 · GND (DE4229382-0 · BNF (FRcb12560913c (data)