Mulholland Drive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima strada di Los Angeles, vedi Mulholland Drive (strada).
Mulholland Drive
Mulholland Drive (film).jpg
La strada dove ha inizio il film
Titolo originaleMulholland Dr.
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Francia
Anno2001
Durata146 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico, thriller
RegiaDavid Lynch
SoggettoDavid Lynch
SceneggiaturaDavid Lynch
ProduttoreNeal Edelstein, Tony Krantz, Michael Polaire, Alain Sarde, Mary Sweeney
Produttore esecutivoPierre Edelman
Casa di produzioneLes Films Alain Sarde, Asymmetrical Productions, StudioCanal, The Picture Factory
Distribuzione (Italia)01 Distribution
Universal Pictures
FotografiaPeter Deming
MontaggioMary Sweeney
Effetti specialiPhilip Bartko
MusicheAngelo Badalamenti
ScenografiaJack Fisk
CostumiAmy Stofsky
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mulholland Drive (stilizzato come Mulholland Dr.) è un film mistery neo-noir del 2001 scritto e diretto da David Lynch ed interpretato da Naomi Watts, Laura Harring, Justin Theroux, Ann Miller e Robert Forster. Racconta la storia di un'aspirante attrice di nome Betty Elms (Watts), appena arrivata a Los Angeles, che incontra e fa amicizia con una donna affetta d'amnesia (Harring) che si sta riprendendo da un incidente d'auto. La storia segue diverse altre vignette e personaggi, tra cui un regista di Hollywood (Theroux).

Originariamente concepito come un pilota televisivo, una grande parte del film è stata girata nel 1999 con il piano di Lynch di tenerlo con finale aperto per una potenziale serie. Dopo aver visto la versione di Lynch, tuttavia, i dirigenti televisivi l'hanno respinta. Lynch ha quindi fornito un finale al progetto, rendendolo un film. Il risultato del mezzo pilota e del mezzo film, insieme allo stile caratteristico di Lynch, ha lasciato il significato degli eventi del film aperti all'interpretazione. Lynch ha rifiutato l'offerta di fornire una spiegazione delle sue intenzioni per la narrazione, lasciando al pubblico, ai critici e ai membri del cast di speculare su quello che traspare. Ha dato al film lo slogam "Una storia d'amore nella città dei sogni".[1]

Classificato come thriller psicologico, il film ha fatto vincere a Lynch il Prix de la mise en scène (Premio Miglior Regista) al Festival di Cannes del 2001 e una nomination all'Oscar come Miglior Regista. Mulholland Drive ha lanciato le carriere della Watts[2] e della Harring ed è stato l'ultimo lungometraggio interpretato dalla veterana attrice hollywoodiana Ann Miller. Ora è ampiamente considerato uno dei migliori lavori di Lynch e uno dei più grandi film del XXI secolo. A.O. Scott del New York Times a scritto che mentre alcuni potrebbero considerare la trama n "reato contro l'ordine narrativo ... il film è una liberazione inebriante dal senso, con momenti di sentimento tanto potenti da apparire emergenti dal tetro mondo notturno dell'inconscio".[3]

Nel sondaggio Sight & Sound del British Film Institute del 2012, Mulholland Drive è stato classificato come il 28esimo più grande film mai realizzato.[4] Dopo aver ricevuto 40 voti dai critici, è l'unico film del XXI secolo ad essere incluso nella lista. Nel 2016, Mulholland Drive è stato nominato il più grande film del XXI secolo in un sondaggio condotto da BBC Culture,[5] grazie ai giudizi di 177 critici cinematografici provenienti da tutto il mondo.[6][7][8]

L'opera è spesso considerata una pietra miliare della storia del cinema.[senza fonte]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una donna dai capelli scuri è l'unica sopravvissuta di un incidente automobilistico a Mulholland Drive, una strada tortuosa in cima alle colline di Hollywood, mentre sta per essere uccisa dai suoi accompagnatori a bordo di una limousine. Dopo essersi allontanata dal luogo dell'incidente, ferita ed in stato di shock, e aver disceso la collina che porta alla città di Los Angeles, terrorizzata, cade in un sonno profondo nascondendosi nel giardino di una villa. Al risveglio la donna si introduce di soppiatto in un appartamento. Più tardi quella mattina, un'aspirante attricearrivata dal Canada in cerca di gloria di nome Betty Elms arriva nell'appartamento, che normalmente è occupato dalla zia Ruth. Betty è sorpresa nel trovare la donna, che soffre di amnesia e assume il nome di "Rita" dopo aver visto un poster del film Gilda con Rita Hayworth esposto nel bagno. Betty non appena comprende che Rita non ha nulla a che fare con la zia, decide di non contattare la polizia, bensì di aiutarla a ritrovare memoria e identità. Betty guarda nella borsetta di Rita, dove trova una grande quantità di denaro ed un'insolita chiave blu.

In un ristorante chiamato Winkie's, un uomo racconta al suo compagno di un incubo in cui sognava che dietro al ristorante c'era una figura orribile. Quando indagano sulla cosa, la figura appare, facendo svenire l'uomo che aveva avuto gli incubi dalla paura. Altrove, il regista Adam Kesher viene dapprima ricattato da dei mafiosi, i quali insistono nel lanciare un'attrice sconosciuta di nome Camilla Rhodes come protagonista nel suo film. Adam resiste, ma dopo essere stato buttato fuori di casa sua quando scopre che sua moglie lo tradisce, scopre anche che la sua banca ha chiuso il suo conto ed è al verde. Si rifugia allora in uno squallido hotel. Accetta di incontrare una misteriosa figura chiamata The Cowboy, che lo spinge ad assumere Camilla Rhodes per il suo bene. Nel frattempo, un sicario pasticcione tenta d rubare un libro pieno di numeri di telefono e uccide tre persone.

Mentre cercano di saperne di più sull'incidente di Rita, Betty e Rita vanno da Winkie, dove sono servite da una cameriera di nome Diane, che fa ricordare a Rita il nome "Diane Selwyn". Trovano Diane Selwyn nella rubrica e la chiamano, ma lei non risponde. Nel corso del loro tentativo di ritrovare la memoria, Betty e Rita si recano all'appartamento di Diane Selwyn e scoprono il corpo di una donna distesa esanime sul letto di casa in avanzato stato di decomposizione, tale da essere totalmente irriconoscibile.

La notte successiva le due donne diventano amanti. Rita prega Betty di accompagnarla al teatro Club Silencio, dove il maestro di cerimonie spiega in diverse lingue che tutto è un'illusione. Qui Rebekah Del Rio si esibisce nel brano di Roy Orbison Crying in spagnolo e poi cade in terra e il suo canto continua. Betty trova una piccola scatola blu nella sua borsetta che si adatta alla chiave di Rita. Aperta la scatola con la chiave blu, verrà svelata la realtà degli eventi. In realtà quanto accaduto era solo frutto di un sogno di Betty che si rivela essere Diane.

Diane è innamorata in maniera ossessiva di Camilla (vero nome di Rita) la quale, però, le preferisce il regista Adam, con cui durante una cena annuncia l'imminente matrimonio. Umiliata, piena di rabbia e disperata, Diane decide di assoldare un killer per uccidere Camilla. Divorata dai sensi di colpa e dal fallimento, in preda ad allucinazioni decide di suicidarsi sparandosi un colpo di pistola in bocca.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Mulholland Drive è stato concepito inizialmente come un episodio pilota di una serie televisiva commissionato dall'emittente ABC con l'intento di ripetere il successo ottenuto da Lynch con I segreti di Twin Peaks. Il progetto venne accantonato perché la ABC non era soddisfatta delle scene girate, preoccupata per il finale aperto e la trama complicata: l'episodio non venne mai trasmesso. StudioCanal, dopo aver prodotto Una storia vera, acquistò i diritti di Mulholland Drive e ne riavviò il progetto. Lynch riscrisse ed ampliò la sceneggiatura facendone un film.[9]

Distribuzione in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Mulholland Drive è stato distribuito al cinema in Italia da 01 Distribution il 15 febbraio 2002

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il regista e alcuni attori a Cannes, 2001 (da sinistra: Naomi Watts, David Lynch, Laura Harring, Justin Theroux)

Presentato in concorso alla 54ª edizione del Festival di Cannes, ha vinto il premio per la miglior regia (ex aequo con Joel Coen per L'uomo che non c'era).[10] Ha vinto il premio come miglior film dal New York Film Critics Circle, ed inoltre ha ricevuto 4 stelle nella recensione del critico Roger Ebert, conosciuto per essere uno dei più grandi detrattori del regista. Lynch ha anche ricevuto la sua terza nomination al Premio Oscar come miglior regista.

Nonostante i riconoscimenti, il film ha riscosso poco successo commerciale, guadagnando appena 7 milioni di dollari ai box office americani, più altri 13 milioni nel resto del mondo.[11] A dispetto degli incassi, il film ha raggiunto lo status di cult sin dall'uscita, con molte interpretazioni sulla storia e sul suo simbolismo. Lynch, come per tutte le sue opere, non ha dato nessuna spiegazione a proposito del "vero significato" del film. Il DVD americano e quello inglese includono 10 indizi scritti dal regista nel libretto allegato, probabilmente inseriti per ironizzare sull'alone di mistero che avvolge la trama e sull'ansia dei critici nel volerlo dipanare.

Nel 2010 la Los Angeles Film Critics Association ha stilato una lista dei migliori film del decennio 2000-2009 nella quale Mulholland Drive ha ottenuto il primo posto[12]. Nel 2016 il canale audio-televisivo britannico BBC ha compiuto un sondaggio tra 177 critici cinematografici da 36 paesi[13]. Lo scopo è stato quello di individuare il più grande film del 21° secolo (tra quelli distribuiti in sala tra il 2000 e il 2015)[13]. Il film Mulholland Drive si è guadagnato il primo posto in classifica, superando lungometraggi quali In the Mood for Love (al secondo posto) e Il petroliere (al terzo)[13].

Luoghi del film[modifica | modifica wikitesto]

La suggestiva sequenza all'interno del Club Silencio è stata ambientata al Tower Theater di Los Angeles, mentre per gli esterni è stato scelto il Palace Newsreel Theatre anch'esso a Los Angeles, ma con la decorazione del portone che richiama la Ennis House dell'architetto Frank Lloyd Wright. Le sequenze nella tavola calda Winkies sono state girate al Caesar's Restaurant a Gardena in California.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Interpretazioni e allusioni[modifica | modifica wikitesto]

Il logo del film.

Lynch ha mantenuto il suo rifiuto di commentare il significato del film o di raccontarne i dettagli della trama. Il carattere onirico della narrazione e il legame del modus operandi di Lynch con l'inconscio (Lynch è un grande praticante della meditazione trascendentale come liberazione della potenzialità creativa degli individui) suggeriscono un approccio emotivo che va oltre la razionalità.

La grande suggestione delle immagini di Mulholland Drive, il sonoro e le musiche che svolgono un importante ruolo nella narrazione, costituiscono un'esperienza a livello profondo, sicuramente non paragonabile alla mera ricerca di un dipanamento della trama o di una ricostruzione temporale degli avvenimenti.

Volendo comunque fornire un'interpretazione del film, la più comune è basata sulla visione freudiana della personalità. Secondo la psicologia freudiana la personalità è strutturata in tre parti: l'Es, l'Io e il Super Io. L'Io coincide con la percezione cosciente di sé stessi e del mondo, seppur filtrata da una serie di difese inconsce adoperate dal Super Io. Il Super Io rappresenta il censore che fa da filtro tra l'Es, l'inconscio, e l'Io cosciente. Il compito del Super Io è di opporsi al tentativo degli elementi inconsci di divenire coscienti, poiché ciò risulta sconveniente all'Io cosciente. Un caso particolare, però, in cui l'azione del Super Io è ridotta è il sogno: in questo caso, infatti, avviene una sorta di tregua nell'attività di censura (che tuttavia non viene eliminata del tutto) e gli elementi rimossi possono tornare alla memoria; tuttavia tali ricordi vengono mascherati al fine di ridurne il più possibile il potenziale negativo.

In quest'ottica, la prima parte del film è un sogno della reale Diane Selwyn, che nel sogno vede sé stessa come l'innocente e speranzosa Betty Elms (lo spostamento di identità è una tecnica del Super Io per nascondere l'inconscio all'Io), allo scopo di cancellare il suo passato e sostituirlo con la realizzazione delle sue speranze ormai infrante nella realtà.

La seconda parte del film, invece, inizia col risveglio di Diane nella sua attuale vita ad opera del Cowboy, quando tutti i desideri e le speranze della ragazza all'arrivo ad Hollywood sono stati infranti. Da questo momento Lynch mostra con flashback e scene allucinatorie quale sia il passato di Diane prima dell'inizio del sogno. Dato che il sogno di Diane non può sostituire il suo passato, i sensi di colpa per aver fatto assassinare Camilla la portano al suicidio.

I 10 indizi di David Lynch[modifica | modifica wikitesto]

Il DVD americano e quello inglese contengono, nel libretto allegato, 10 indizi del regista per la comprensione del film:

  • Prestate particolare attenzione all'inizio del film: almeno due indizi sono rivelati prima dei titoli di testa.
  • Fate attenzione alle apparizioni della lampada rossa.
  • Riuscite a sentire il titolo del film per cui Adam Kesher sta cercando l'attrice principale? È menzionato di nuovo?
  • Un incidente è un avvenimento terribile... notate il luogo dell'incidente.
  • Chi dà una chiave? E perché?
  • Notate il vestito, il posacenere e la tazza.
  • Cosa si prova, si comprende e si ottiene al club Silencio?
  • Solo il talento ha aiutato Camilla?
  • Notate le circostanze in cui si vede l'uomo dietro il Winkies.
  • Dov'è la zia Ruth?

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante il film è visibile nel corridoio della casa della Zia Ruth il ritratto di Beatrice Cenci attribuito a Guido Reni. In particolare il dipinto va a interporsi tra le due protagoniste durante la conversazione a proposito della telefonata anonima alla polizia. Data la storia di abusi sessuali con implicazioni incestuose e parricidio di Beatrice Cenci, questo dettaglio ha fatto nascere la supposizione che Betty\Diane sia stata vittima di abusi sessuali con ingravidazione e successivo aborto. In seguito a questi traumi Betty\Diane avrebbe sviluppato una psicosi il cui prodotto è Rita\Camilla, reincarnazione del figlio abortito.[14][15]
  • Alcuni aspetti della trama ricordano il famoso caso irrisolto dell'omicidio della Dalia Nera. Elizabeth Short era una giovane aspirante attrice e dai conoscenti veniva chiamata Betty, come la protagonista del film.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La strada Mulholland Drive è apparsa anche nel film Strade perdute di David Lynch come la strada che Mr. Eddy percorre per un giro con Pete Dayton.
  • L'attrice che interpreta l'attrice bionda Camilla Rhodes nel sogno (Melissa George) e l'attrice che effettua l'audizione come cantante, Carol (Lisa Lackey), hanno entrambe recitato nella soap opera australiana Home and Away. Anche Naomi Watts è apparsa nella soap opera.
  • La cantante sudamericana Rebekah Del Rio interpreta se stessa al Club Silencio, cantando in playback una versione a cappella di Llorando, la canzone di Roy Orbison Crying tradotta in spagnolo (così come Dean Stockwell canta In Dreams di Orbison nel precedente film di Lynch Velluto blu, tranne che Del Rio ha registrato con la sua voce la canzone).
  • Durante l'esibizione al Club Silencio dell'uomo chiamato "Il Mago" vengono riproposti alcuni elementi già presenti nella performance canora di Dorothy Vallens (interpretata da Isabella Rossellini) in Velluto blu, quali il sipario rosso, la forte luce blu sul palcoscenico e il microfono stile anni '50.
  • I DVD e Blu-ray del film sono stati realizzati senza la suddivisione in capitoli su espressa volontà del regista per incoraggiarne la visione per intero.
  • Il regista ha dedicato il film a Jennifer Syme, sua assistente alla regia e attrice in Strade perdute, morta in un incidente stradale il 2 aprile 2001.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Macaulay, Scott (October 2001). "The dream factory". FilmMaker.1) (10): 64-67
  2. ^ Big Thoughts from a Small Mind: Blow Out the Candles: Naomi Watts, su web.archive.org, 18 agosto 2012. URL consultato l'11 agosto 2018.
  3. ^ (EN) A. O. Scott, Critic's Notebook; Shoving Through the Crowd To Taste Lyrical Nostalgia. URL consultato l'11 agosto 2018.
  4. ^ (EN) Critics’ top 100 | BFI, su www.bfi.org.uk. URL consultato l'11 agosto 2018.
  5. ^ (EN) Mulholland Drive tops greatest film poll, in BBC News, 23 agosto 2016. URL consultato l'11 agosto 2018.
  6. ^ http://www.bbc.com/news/entertainment-arts-37164880
  7. ^ Lista dei 100 migliori film del XXI secolo secondo la BBC
  8. ^ http://www.bbc.com/culture/story/20160822-why-mulholland-drive-is-the-greatest-film-since-2000
  9. ^ Vedi Riccardo Caccia, "Mulholland Drive: i sensi, il senso", Duel 94( Febbraio 2002), p. 8.
  10. ^ (EN) Awards 2001, festival-cannes.fr. URL consultato il 7 luglio 2011.
  11. ^ (EN) Box office, boxofficemojo.com. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  12. ^ Films of the decade
  13. ^ a b c Mulholland Drive è il miglior film del secolo secondo la BBC. URL consultato il 25 agosto 2016.
  14. ^ The painting
  15. ^ The abortion theory

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316754333 · BNF (FRcb144319509 (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema