Luigi Maria Burruano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Maria Burruano (al centro) ne I cento passi (2000).

Luigi Maria Burruano, detto Gigi (Palermo, 20 ottobre 1948Palermo, 10 settembre 2017), è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore teatrale[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Palermo da una famiglia borghese, all'inizio degli anni settanta ha cominciato a recitare, dedicandosi al cabaret e al teatro dialettale in lingua siciliana. A metà degli anni settanta ha ottenuto un buon successo di pubblico: particolare scalpore ha fatto lo spettacolo da lui interpretato, La coltellata, che ha proposto per la prima volta in un teatro palermitano una scena di nudo femminile[senza fonte]. Dalla protagonista Aurora Quattrocchi, una volta divenuta sua moglie, ha avuto la figlia Gelsomina. Proprio a teatro Burruano ha scoperto e portato alla ribalta Tony Sperandeo e Giovanni Alamia, un duo di attori musicisti del quartiere "Boscogrande". La sua carriera teatrale lo ha portato sui palcoscenici di teatri stabili di Catania, Roma, Trieste e Prato.

Attore cinematografico e televisivo[modifica | modifica wikitesto]

Burruano ha esordito nel cinema nel 1970, ne L'amore coniugale di Dacia Maraini. Il teatro è rimasto tuttavia la sua occupazione principale fino al 1983, quando ha interpretato un carabiniere nel film Questo e quello di Sergio Corbucci e poi due anni dopo con una piccola parte in Pizza Connection di Damiano Damiani. Poi, un'altra pausa - interrotta da parti minori nel dittico di Marco Risi Mery per sempre (1989) e Ragazzi fuori (1990) - fino al 1992, quando con Nel continente nero ancora di Marco Risi ha fatto ritorno al cinema per farne la sua attività principale. Il successo per Burruano è arrivato però quattro anni dopo con la partecipazione alla serie televisiva La piovra 8 - Lo scandalo, diretta da Giacomo Battiato.

È lo zio dell'attore Luigi Lo Cascio, con cui ha girato il film I cento passi (2000) di Marco Tullio Giordana, in cui i due interpretano rispettivamente Luigi Impastato e il figlio Peppino, ruolo per il quale Lo Cascio fu segnalato a Giordana proprio da Burruano[1]: tale interpretazione gli ha valso l'anno successivo la candidatura al Nastro d'argento. Sempre nello stesso anno lo si vede tra i protagonisti della miniserie L'attentatuni - Il grande attentato, dove interpreta il ruolo di Leoluca Barone (ispirato al personaggio del noto boss mafioso Leoluca Bagarella).

Tra gli altri film da lui interpretati, La discesa di Aclà a Floristella di Aurelio Grimaldi (1992), L'uomo delle stelle di Giuseppe Tornatore (1995), Nowhere di Luis Sepúlveda (2002), Liberi di Gianluca Maria Tavarelli (2003), Il ritorno di Cagliostro di Ciprì e Maresco (2003), Miracolo a Palermo! di Beppe Cino (2005), Quo vadis, baby? di Gabriele Salvatores (2005) ed Eccezzziunale veramente - Capitolo secondo... me di Carlo Vanzina (2006).

Nel 2006 ottiene una notevole popolarità con le fiction L'onore e il rispetto di Salvatore Samperi e Raccontami, dove recita insieme a Massimo Ghini. Nel novembre 2007 esce nelle sale cinematografiche il film Milano Palermo - Il ritorno, dove recita con Raoul Bova e Giancarlo Giannini, diretto da Claudio Fragasso. Nel 2008 recita ne Il sangue dei vinti di Michele Soavi, per poi tornare ad essere diretto da Tornatore in Baarìa (2009) e da Fragasso in Le ultime 56 ore (2010), al fianco di Gianmarco Tognazzi e Luca Lionello. Nel 2012 interpreta il ruolo dell'avvocato Scalici ne La città ideale, film di esordio alla regia di Luigi Lo Cascio.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Burruano è morto nel sonno il 10 settembre 2017 nella sua casa nel quartiere Uditore di Palermo: aveva 68 anni ed era malato da tempo[2].

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 settembre del 2006 Burruano è stato arrestato con l'accusa di "tentato omicidio". Dopo aver accoltellato l'ex genero Fabio Guida, colpevole secondo Burruano di esasperare la moglie e di non pagare gli alimenti ai tre figli, è stato arrestato dalle forze dell'ordine mentre beveva una birra al bar[3], ottenendo undici giorni dopo gli arresti domiciliari. Successivamente l'attore ha patteggiato una pena di sedici mesi, ma la vicenda ha comunque avuto l'effetto di facilitare la riconciliazione familiare tra Guida e la moglie Gelsomina Burruano[4].

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • I giganti della montagna
  • Coriolano
  • La saga del signore della nave
  • Il giardino di inverno
  • La coltellata
  • Pulcinella
  • Studio per una finestra
  • Ohi Bambulè!
  • L'aquila deve volare
  • Rudens
  • Sticus
  • Palermo, oh cara
  • Virticchio e la peste a Palermo
  • Paracqua
  • Come fratelli

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MYmovies.it, Luigi Lo Cascio, su MYmovies.it. URL consultato il 10 marzo 2022.
  2. ^ Teatro a lutto, è morto l'attore palermitano Gigi Burruano, su palermo.gds.it, 10 settembre 2017.
  3. ^ Palermo, accoltella l'ex genero arrestato l'attore Burruano, in Repubblica, 05 settembre 2006. URL consultato il 5 marzo 2011.
  4. ^ Ferì il genero, Burruano patteggia, in TGCom, 5 novembre 2007. URL consultato il 5 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  5. ^ Ciak d'oro 2001, su news.cinecitta.com. URL consultato il 21/07/01.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68660228 · ISNI (EN0000 0000 4471 5682 · SBN RAVV254909 · LCCN (ENno2005033863 · BNE (ESXX1513551 (data) · BNF (FRcb145002782 (data) · J9U (ENHE987007442697905171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2005033863