Vito Zagarrio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vito Zagarrio (Firenze, 1952) è un regista, storico e critico cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel capoluogo toscano da famiglia siciliana, consegue nel 1975 una Laurea in Lettere presso l'Università degli Studi di Firenze e ottiene un Diploma di Regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, seguita nel 1983 dal Master of Arts in Cinema Studies alla New York University, dove consegue anche il PhD in Cinema Studies nel 1995.

Dal 1975, all'attività di studioso e saggista cine-televisivo alterna l'attività di regista per il cinema e la televisione[1]. Nel 1988 realizza il primo film in alta definizione col sistema Eureka, Un bel dì vedremo, con cui vince il premio speciale Seleco/David di Donatello per l'alta definizione.

Attualmente è docente presso l'Università degli Studi Roma Tre[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • La generazione del cinema (1979)
  • Marlene amore mio (1980)
  • L'energia difficile (1981)
  • Divine Waters (1983)
  • Quel sud diverso (1986)
  • Viva la pasta! (1988)
  • Alessandro Blasetti (1990)
  • China 1994 (1994)
  • 24 novembre 1994 (1995)
  • Uomo morto cammina! (1996)
  • Schermi del passato - Le grandi sequenze (1996)
  • L'infanzia di Ivan (e gli altri) (1997)
  • Cara, amata scuola (1999)
  • UER 2029 (1999)
  • Fulbright 1949-1999 (1999)
  • America Dreaming (2000)
  • Pillole di cinema (2002)

Opere scelte[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank Capra, (1995)
  • Non solo Hollywood. Percorsi e Confronti del Cinema Centenario, (1996)
  • Frank Capra: Authorship and the Studio System, (1998)
  • Cinema Italiano Anni Novanta, (2001)
  • L'anello mancante. Storia e Teoria del Rapporto Cinema-Televisione, (2004)
  • Cinema e Fascismo. Film. Modelli. Immaginari, (2004)
  • CinemaTv. Film, Televisione, Video nel nuovo millennio, (2004)
  • Francis Ford Coppola, (2004)
  • John Waters, (2005)
  • Overlooking Kubrick, (a cura di), (2006)
  • Primato e dintorni. Cultura, cinema e mass media nel fascismo (2007)
  • Argento vivo. Il cinema di Dario Argento tra genere e autorialità, (2008)
  • Quentin Tarantino, (a cura di), (2009)
  • Frank Capra tra sogno e incubo americano. Una proposta di controanalisi, (2009)
  • L'immagine del fascismo, (2009)
  • Carlo Lizzani. Un lungo viaggio nel cinema, (2010)
  • Nanni Moretti. Lo sguardo morale, (2012)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN119104595 · ISNI (EN0000 0000 8188 1014 · SBN IT\ICCU\CFIV\049512 · LCCN (ENn81086140 · BNF (FRcb13532980h (data)