Quattro bravi ragazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quattro bravi ragazzi
Quattro bravi ragazzi.png
Una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1993
Durata86 min
Generedrammatico, thriller
RegiaClaudio Camarca
SoggettoAurelio Grimaldi
SceneggiaturaPaolo Grimaldi, Claudio Camarca
ProduttorePietro Valsecchi, Camilla Nesbitt
Produttore esecutivoPietro Valsecchi
Casa di produzioneTaodue, Cineuropa' 92, Nova Films
Distribuzione in italianoReteitalia, Penta Video
FotografiaMaurizio Calvesi
MontaggioClaudio Di Mauro
MusicheRichard Horowitz
Interpreti e personaggi

Quattro bravi ragazzi è un film del 1993 diretto da Claudio Camarca.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film narra della doppia vita di tre ragazzi milanesi, che si comportano da bravi ragazzi di giorno e teppisti di notte. René Cordaro è figlio di baristi originari di Napoli, Marco Fumagalli e Davide Chiarelli sono ragazzi milanesi come tanti. A loro si unirà Giorgio Molteni, figlio di papà privilegiato ma dal carattere mentalmente instabile e la situazione peggiorerà in quanto i piccoli crimini diventeranno più gravi. Lunapark, stazioni di servizio, autogrill, zone abbandonate sono teatro dei loro crimini, e sono comandati da Marcione, magnaccia di cui dopo i ragazzi finiranno per essere dipendenti. Alcuni di loro finiranno in prigione: René e Giorgio continueranno il loro gioco, altri si pentiranno dei gesti compiuti (Davide cambia scuola e Marco lascia la compagnia per fidanzarsi con la ex di René). Un videogioco virtuale presagisce il destino infausto degli due ultimi protagonisti, René e Giorgio.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato a metà agosto del 1992 a Milano all'interno del silos dello stabilimento Fina di via Eritrea, al Parco Ravizza, all'interno di un pornoshop in via Sammartini, 12 nei pressi della stazione di Milano Centrale, nei giardini di Largo Marinai d'Italia, vicino alla Palazzina Liberty, sul ponte di ferro alla stazione di Porta Genova, al lunapark delle Varesine, sopra il cavalcavia Giardini e davanti al Tribunale.[1]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è stata pubblicata su CD dall'etichetta discografica Cam Jazz[2].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha riscosso un giudizio contrastante, critiche scaturite da una superficialità nella sceneggiatura, mista ad una rappresentazione di violenza spesso esasperata.

Michele Placido ha ritenuto inappropriato il suo ruolo nel film.[senza fonte]

«(...) I personaggi proclamano con saccenza e con boria delle verità che non sono mai tali, si confrontano, ma senza vere riflessioni, con una fauna spesso subumana in cui è sempre molto difficile cogliere il ritratto intenzionale ed attento di una società, sia di oggi sia, come si vorrebbe farci intendere, della ormai vicina fine secolo.»

(Gian Luigi Rondi, Il Tempo, 16 ottobre 1993)

Nora Lanfranchi del Corriere della Sera ha giudicato il film quale una versione meneghina di Mery per sempre[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Archivio Corriere della Sera, su archivio.corriere.it. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  2. ^ Colonna sonora - Quattro bravi ragazzi

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema