Jörð

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jörð ("Terra", pronunciato [ˈjœrð] in islandese o  [ˈjɔrð] in norreno, ma spesso anglicizzato in Jord o Jorth) è nella mitologia norrena un jötunn femminile, precisamente l'antica dea della terra, una delle Æsir. Era ricordata nella cosmogonia scandinava come figlia di Nótt e di Annarr. Era moglie di Odino e madre di Thor. È la personificazione della terra non civilizzata, chiamata anche Fjörgyn o Hlóðyn. Il suo nome appare spesso nella poesia scaldica e nelle kennigar.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Jörð era la parola comunemente usata per indicare l'antica terra nordica, ma viene utilizzata ancora oggi dai discendenti delle popolazioni nordiche, nelle moderne lingue scandinave (islandese: jörð; faroese: jørð; danese/svedese/norvegese: jord).

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Gylfaginning[modifica | modifica wikitesto]

In Gylfaginning (L'Inganno di Gylfi), Jörð è descritta una dei partner sessuali di Odino e madre di Thor. E' figlia di Annarr e Nótt e sorellastra di Auðr e Dagr. Tuttavia, lo studioso Haukur Thorgeirsson sottolinea che i quattro manoscritti di Gylfaginning contengono varie descrizioni dei rapporti familiari tra Nótt, Jörð, Dagr e Delling. A seconda del manoscritto, la madre di Dagr (e quindi partner di Delling) può essere Jörð o Nótt. Haukur evidenzia che "il manoscritto più antico, U, contiene la versione secondo la quale Jörð è la moglie di Delling e la madre di Dagr, mentre gli altri manoscritti, R, W e T, vedono Nótt nel ruolo di moglie di Delling e madre di Dagr" e aggiunge che "la versione U è nata per caso, quando lo scrittore di U o un suo antecedente ha accorciato un testo simile a quello dei manoscritti R, W e T. Le conseguenze di questo caso si sono poi diffuse nella tradizione poetica islandese".

Skáldskaparmál[modifica | modifica wikitesto]

In Skáldskaparmál, di Snorri Sturluson, Jörð (personificazione della terra) è denominata rivale della moglie di Odino, Frigg, e delle sue altre concubine gigantesse, Rindr e Gunnlöd, la suocera di Sif, moglie di Thor, figlia di Nótt e sorella di Auðr e Dagr.

Edda poetica[modifica | modifica wikitesto]

Nella Lokasenna, Thor è chiamato "Jarðar burr" ("figlio di Jörð"). Nello stesso verso, in Völuspá, è descritta come "mǫgr Hlóðyniar" e "Fjǫrgyniar burr" (figlio di Hlóðyn, figlio di Fjörgyn). Quel "Hlóðyn" altrimenti sconosciuto, quindi, è semplicemente un altro nome di Jörð. Si pensa che la dea fosse identica a Hludana, alla quale molte tavolette votive romane ritrovate nel Basso Reno erano dedicate.