Dvalinn (nano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenz Frølich, Re Svafrlame si procura la spada Tyrfing (1906).

Dvalinn (o Dvalin, Dvalínn in norreno) è un nano della mitologia norrena, che compare in diversi racconti e kenning. È uno dei quattro nani artefici della collana Brísingamen per la dea Freyja e della lancia magica del dio Odino Gungnir.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Dvalinn si può tradurre come il "dormiente" o "l'addormentato", dal danese e norvegese dvale e dallo svedese dvala che significano "dormire", "condizione inconscia" o "ibernazione".

Dvalinn nella leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Il nano Dvalinn compare come uno dei quattro cervi di Yggdrasill sia nel Grímnismál dell'Edda poetica, sia nel Gylfaginning dell'Edda in prosa[1].

Edda poetica[modifica | modifica wikitesto]

Nel poema Vǫluspá dell'Edda poetica Dvalinn viene citato inizialmente in una lista di nani e successivamente come alla guida di un gruppo di nani alla ricerca di una nuova dimora.

(NON)

«Nýi ok Niði,
Norðri, Suðri,
Austri, Vestri,
Alþjófr, Dvalinn,
Bifurr, Bafurr,
Bömburr, Nori,
Ánn ok Ánarr,
Óinn, Mjöðvitnir.»

(IT)

«Nýi e Níði,
Norðri, Suðri,
Austri, Vestri,
Alþjófr, Dvalinn,
Bívörr, Bávörr,
Bömburr, Nóri,
Ánn e Ánarr,
Ái, Mjöðvitnir.»

(Edda poetica, Vǫluspá, st. 11)
(NON)

«Mál es dverga
í Dvalins liði
ljóna kindum
til Lofars telja,
þeir es sóttu
frá salarsteini
aurvanga sjǫt
til Jǫruvalla.»

(IT)

«È tempo che i dvergar
della stirpe di Dvalinn,
ai figli degli uomini,
fino a Lofarr enumeri.
Loro che arrancarono
dal suolo roccioso,
dimora di Aurvangar,
fino a Jǫruvellir.»

(Edda poetica, Vǫluspá, st. 14)

Nel poema Hávamál si narra che Dvalinn avesse introdotto la scrittura delle rune presso i nani, come Nani della Terra di Mezzo#Dáin I aveva fatto per gli elfi e Odino per gli dei.

(NON)

«Óðinn með ásum, en fyr alfum Dáinn,
Dvalinn ok dvergum fyrir, Ásviðr jǫtnum fyrir,
ek reist sjalfr sumar.»

(IT)

«Odino tra gli Asi, Dáinn tra gli elfi,
Dvalinn tra i nani, Ásviðr tra i giganti,
io stesso ne ho creata qualcuna.»

(Edda poetica, Hávamál, st. 143)

Nel Fáfnismál , Dvalinn è descritto da Fáfnir come il "padre delle Norne":

Louis Huard, Freyja nella grotta dei nani (1891).
(NON)

«Sundrbornar mioc segi ec at nornir sé,
eigoð þær ætt saman;
sumar ero áskungar, sumar álfkungar,
sumar dotr Dvalins.»

(IT)

«Sono di origine e razza diversa le norne,
non solo d'una;
alcune sono degli Asi, altre degli elfi,
altre sono figlie di Dvalinn.»

(Edda poetica, Fáfnismál, st. 13)

Nell'Alvíssmál, Dvalinn è citato in una kenning per il sole, "compagna di Dvalinn":

(NON)

«Sól heitir með mönnum,
en sunna með goðum,
kalla dvergar Dvalins leika,
eygló jötnar,
alfar fagrahvél,
alskír ása synir.»

(IT)

«"Sole" si chiama tra gli uomini,
"Sunna" tra gli dèi,
i nani lo chiamano "compagna di Dvalinn",
"perpetua fiamma" i giganti,
"ruota bella" gli elfi,
"tutto splendore" i figli degli Æsir.»

(Edda poetica, Alvíssmál, st. 16)

Saga di Hervör[modifica | modifica wikitesto]

Nella saga di Hervör, Dvalinn è uno dei due nani, insieme a Durinn, che forgiarono la spada magica Tyrfing.

Sörla þáttr[modifica | modifica wikitesto]

Nel racconto breve islandese del XV secolo Sörla þáttr, Dvalin è il nome di uno dei quattro nani (Alfrigg, Berling e Grer) che realizzano la collana Brísingamen in seguito data a Freyja, la concubina di Odino, in cambio di una notte d'amore con ciascuno dei nani.

(IS)

«Þat var einn dag, er Freyju varð gengit til steinsins, hann var þá opinn. Dvergarnir váru at smíða eitt gullmen. Þat var þá mjök fullgert. Freyju leist vel á menit. Dvergunum leist ok vel á Freyju. Hún falaði menit at dvergunum, bauð í móti gull ok silfr ok aðra góða gripi. Þeir kváðust ekki féþurfi, sagðist hverr vilja sjálfr sinn part selja í meninu ok ekki annat fyrir vilja hafa en hún lægi sína nótt hjá hverjum þeira. Ok hvárt sem hún lét at þessu komast betr eða verr, þa keyptu þau þessu. Ok at liðnum fjórum náttum ok enduðum öllum skildaga, afhenda þeir Freyju menit. Fór hún heim í skemmu sína ok lét kyrrt yfir sér, sem ekki hefði í orðit.»

(Sörla þáttr, cap. I, par. 3)

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Il nome è stato ripreso dallo scrittore inglese J. R. R. Tolkien per Dwalin, uno dei nani citati nel Lo Hobbit. Rich Burlew, invece, usò il nome Dvalinn per il re dei Nani nel fumetto The Order of the Stick[2].

Dvalin inoltre è il nome di un campo petrolifero nel mar di Norvegia[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dvergar. Dvalinn, su bifrost.it.
  2. ^ (EN) Rich Burlew, 1016 King of Indecision, su giantitp.com.
  3. ^ (NOEN) Dvalin, RWE.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia