Miðgarðsormr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Jormungand" rimanda qui. Se stai cercando l'omonima serie manga, vedi Jormungand (manga).
Thor e Hymir mentre affrontano il Miðgarðsormr.

Il Miðgarðsormr è un enorme e mostruoso serpente che compare nella mitologia norrena. Miðgarðsormr non è tanto un nome quanto un epiteto, che significa: "Serpe di Miðgarðr". È altresì chiamato Jǫrmungandr ['jœrmuŋgandr]: "demone cosmicamente potente". La leggenda narra che egli sia talmente lungo da poter avvolgere il mondo con l'intero corpo, facendo arrivare la coda sino alla testa.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Jormungand, come ben descritto dagli antichi miti nordici, si tratterebbe di un colossale serpente marino. Il suo corpo è talmente lungo che può circondare l'intero mondo, per questo pare che sia più lungo della circonferenza della Terra stessa.

Sebbene in alcune raffigurazioni Jormungand venga disegnato più come un drago con zampe simile al Lindworm, la sua vera e originale rappresentazione e descrizione antica è quella di un vero e proprio serpente marino, quindi privo di zampe e dall'aspetto di ofide. Il suo nome originale stesso, Serpe di Midgard, conferma infatti che si tratti completamente di un serpente privo di zampe e non di un drago.

Jormungand non è assolutamente da confondere con l'Uroboro. Tale è invece un serpente che si morde la coda, nel mentre la Serpe di Midgard semplicemente avvolge il mondo col suo corpo.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

La nascita[modifica | modifica wikitesto]

Jormungand viene generato dal dio Loki, unitosi alla gigantessa Angrboða, assieme ai suoi due fratelli: il grande lupo Fenrir e la regina dei morti Hel. Esso era un gigantesco serpente marino dotato di un veleno formidabile. Tutti e tre vengono allevati in Jötunheimr, la terra dei giganti, finché gli dei non ne vennero a conoscenza. Le profezie annunciavano che da una simile progenie non sarebbero venuti che guai, per questo Odino ordina che i figli di Loki vengano portati al suo cospetto, perché si possa decidere come neutralizzarli. Stabilisce quindi di scagliare il serpente del mondo nel profondo delle acque. Nessuno, però, riesce a portare a termine questa impresa, con l'eccezione di Thor, il dio del Tuono, che da allora sarà nemico giurato di Jormungand. Recluso negli abissi marini, col passare del tempo iniziò a crescere talmente tanto tale da poter avvolgere il mondo col suo intero corpo.

Sotto forma di gatto[modifica | modifica wikitesto]

Il Miðgarðsormr abbocca alla testa di toro usata da Thor come esca

Il principale nemico del serpente del mondo è il dio del tuono Thor. In una spedizione che Thor e Loki compiono presso un gigante di nome Útgarða-Loki, quest'ultimo sfida le due divinità a una serie di prove di forza. Una è quella, apparentemente elementare, di sollevare il gatto della casa, impresa in cui Thor, nonostante la sua immensa vigorìa, riesce solo con grandissima fatica a sollevare una zampa del gatto. In realtà le prove si svolgevano sotto un incantesimo, e le sembianze del gatto celavano Jörmungandr, che Thor aveva senza rendersi conto sollevato in alto sino a fargli toccare il cielo.

Thor sta per colpire Miðgarðsormr

La pesca di Thor[modifica | modifica wikitesto]

Thor si scontra nuovamente col Miðgarðsormr in occasione di una visita che compie assieme al dio Týr dal padre di questi, il gigante Hymir. Hymir e Thor si recano insieme a pesca, per procurare la cena, in un'atmosfera di scarsa collaborazione, perché Thor è nemico di tutti i giganti e Hymir non crede nella forza di Thor. Mentre Hymir pesca senza troppa difficoltà due balene, Thor (secondo alcuni testi usando come esca la testa di un bue di nome Himinrjótr) cattura all'amo nientemeno che il Miðgarðsormr, che riesce persino a tirar su dagli abissi marini. Mentre Thor già si prepara a vibrare col suo martello un colpo mortale alla serpe, Hymir, terrorizzato dalla lotta furibonda tra il dio e il mostro, recide la lenza col suo coltello, suscitando tra l'altro l'ira di Thor.

Secondo alcune fonti il Miðgarðsormr riesce quindi a tornare sul fondo dell'oceano, in attesa di un futuro scontro con Thor. Secondo altre, che probabilmente riportano una versione maggiormente antica, Thor scaglia comunque il suo martello, riuscendo a staccare la testa alla bestia, uccidendola. Questa versione sarebbe stata "corretta" in seguito, immaginando che il Miðgarðsormr riesca a salvarsi, per giustificare la sua presenza al Ragnarǫk.

La lotta finale[modifica | modifica wikitesto]

Il Miðgarðsormr sorgerà dalle acque quando giungerà il Ragnarǫk, la fine del mondo, quando tutti i legami saranno sciolti. Infurierà sull'acqua e sulla terra, soffiando il suo terribile veleno e contaminando così l'intero mondo. Ingaggerà quindi una battaglia mortale con Thor. Questi riuscirà ad abbatterlo, ma non riuscirà a sopravvivere più di nove passi dopo la vittoria, ucciso dal veleno del serpente.

Nella partecipazione del Miðgarðsormr al Ragnarǫk, alcuni studiosi vedono un influsso da parte dell'Apocalisse cristiana, dove si parla della venuta di una Bestia del mare, ma in realtà si trattano di due creature completamente diverse.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Giochi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel gioco da tavolo Warhammer 40000, la Jormungandr è una flotta alveare, appartenente alla razza aliena dei Tiranidi, che attacca mondi e settori planetari avvolgendoli come fosse un gigantesco serpente.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

  • In Starcraft "Jormungand Brood" è il nome di una nidiata Zerg comandata da Araq.
  • In Age of Mythology l'anguilla di Jormund è un'unità mitica addestrabile dai popoli della cultura nordica. Tali serpenti sarebbero appunto i figli dell'enorme Jormungand, e come specificato nella descrizione pur essendo lunghi ben 20 mt sono molto piccoli se confrontati al loro titanico patriarca. Come il loro padre, sono estremamente velenosi e hanno la capacità di soffiare veleno dalla bocca contro i nemici.
  • In Boktai 2, il boss finale del gioco è l'"Ancestor Piece" Jormungandr, un enorme ed immortale serpente sigillato nelle profondità della terra sotto la città di San Miguel.
  • In Tomb Raider: Underworld, la Serpe di Midgard è un macchinario che tiene in equilibrio il mondo; quando Jacqueline Natla lo apre, Lara Croft deve trovare il modo di richiuderlo e scongiurare la fine del pianeta.
  • In Final Fantasy XV, uno dei nemici contro il quale si può combattere è Jǫrmungandr, rappresentato come un gigantesco drago acquatico. Inoltre Miðgarðsormr (rinominato nel gioco Midgardsormr) è rappresentato come un serpente, molto simile ad un cobra
  • In Final Fantasy VI può essere utilizzato come invocazione, In Final Fantasy X nella Piana della Bonaccia è presente un mostro particolare con sembianze di serpente chiamato proprio Jurmungandr, In Final Fantasy XII, Miðgarðsormr è il bersaglio da eliminare in una delle missioni secondarie de "la caccia al ricercato", mentre in Final Fantasy XIV Miðgarðsormr è il boss finale del dungeon Keeper of The Lake.
  • In Final Fantasy VII dopo essere usciti dall'area metropolitana di Midgar (dopo gli eventi al quartier generale della Shin-Ra e il flash back a Kalm Town) si potrà essere attaccati da un serpente enorme, localizzato nella steppa vicino alla cava di Mitrhil (per il cui ci si può avvalere dell'impiego di un chocobo, per potergli sfuggire) che può facilmente eliminare l'intero party, se non si è molto livellati e ben equipaggiati di materie (il che è improbabile, essendo a poche ore dall'inizio del gioco). Il suo nome è MIDGAR ZOLOM (da qui derivativo di Miðgarðsormr).
  • In God of Thunder, Jormungand compare come boss finale del primo episodio shareware.
  • In Too Human, lo Jormungand è un'immensa macchina da guerra costruita dagli Hymir che gli Aesir Baldur e Thor devono recuperare.
  • Nel videogioco arcade The Ocean Hunter, il boss del sesto livello si chiama Miðgarðsormr e appare come un lombrico di dimensioni mastodontiche.
  • Nel videogioco God of War, il Jǫrmungandr dei miti norreni assiste e supporta più volte Kratos e il suo giovane figlio Atreus.
  • Nel MOBA Smite di Hi-Rez Studios Jormungandr è uno dei personaggi giocabili.
  • Nel videogioco "For Honor", gli Jormungandr sono una setta di guerrieri vichinghi armati di pesanti martelli Hamarr, prendono nome dell'omonima bestia mitologica e hanno per obbiettivo lo sterminio dei deboli, vichinghi o non, in preparazione al Ragnarok, perché solo i più valorosi possano lottare con gli dei.

Anime[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'anime de I Cavalieri dello zodiaco il Cavaliere di Asgard Thor indossa un'armatura che rappresenta il mostro.
  • L'anime Jormungand prende il nome da questa creatura.
  • Nella prima stagione di Digimon Adventure appare un MegaSeadramon durante la saga di Myotismon, messo da lui sul ponte di Odaiba per bloccare le navi che tentavano di scappare per il fiume. I Digiprescelti T.K. e Joe lo incontrano mentre stanno navigando nel fiume in groppa ad Ikkakumon, e l'enorme serpente marino li sconfigge. Questo tuttavia causa la super-digievoluzione di Ikkakumon in Zudomon, un Digimon marino simile ad un tricheco ispirato ai vichinghi che possiede il Martello Saettante, il quale ricorda moltissimo il martello del dio Thor. Infatti Zudomon sconfigge MegaSeadramon proprio mediante questa arma, colpendo il serpente marino in testa. Questo è un chiaro riferimento alla battaglia tra Jormungand e Thor della mitologia norrena.

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel crossover Fear Itself della Marvel Comics, un ignoto e dimenticato fratello di Odino di nome Cul viene chiamato il Serpente di Midgard, o comunemente Serpente; questi attacca la Terra e nel combattimento finale si trasforma in una gigantesca viverna; alla fine viene ucciso da Thor, che muore dopo aver fatto nove passi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4558096-0
Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia