Niflhel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Niflhel (letteralmente inferno delle nebbie) è nella cosmologia norrena il luogo posto nei più profondi abissi del mondo, sotto le radici del frassino Yggdrasill. È spesso confuso con il Niflheimr e con l'Hel.

Nel Gylfaginning[modifica | modifica wikitesto]

Così ne parla Snorri Sturluson nel Gylfaginning, la prima parte dell'edda in prosa:

(NON)

« [...] en vándir menn fara til Heljar ok þaðan í Niflhel, þat er niðr í inn níunda heim. »

(IT)

« [...] gli uomini malvagi andranno invece da Hel e da lì nel Niflhel, che si trova laggiù nel nono mondo. »

(Snorri Sturluson, Edda in prosa - Gylfaginning[1] III)

Nel Vafþrúðnismál[modifica | modifica wikitesto]

Se ne parla anche nel Vafþrúðnismál:

(NON)

« Vafþrúðnir kvað:

Frá jötna rúnom
ok allra goða
ek kann segja satt,
þvíat hvern hefi ek heim um komit;
nío kom ek heima
fyr Níflhel neðan,
hinig deyja ór heljo halir. »

(IT)

« Disse Vafþrúðnir:
Delle rune dei giganti
e di tutti gli dèi,
posso dire il vero,
poiché in ogni mondo son giunto:
giunsi nei nove mondi
fino al Niflhel in basso,
presso Hel, dove vanno i morti. »

(Edda poetica - Il discorso di Vafþrúðnir[2] XLII)

Note[modifica | modifica wikitesto]