Múspellsheimr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Múspellheimr ("terra delle fiamme"), chiamata anche Múspell, è il regno del fuoco nella mitologia norrena. È la dimora dei Giganti del fuoco (chiamati anche "figli di Muspell") e del loro capo, Surtr. È costituito da puro fuoco, in opposizione alla terra del nord, Niflheimr, che è ghiaccio. I due regni si incontrarono e crearono l'acqua dalla fusione del ghiaccio nel Ginnungagap.

Così se ne parla nella Völuspá, il primo poema dell'Edda poetica:

(NON)
« Kjöll ferr austan,

koma munu Múspells
um lög lyðir,
en Loki styrir »

(IT)
« Una chiglia avanza da est:

verranno di Múspell
sul mare le schiere,
e Loki tiene il timone. »

(Edda poetica - Völuspá - Profezia della Veggente - Traduzione di Dario Giansanti)

Nel Gylfaginning, la prima parte dell'Edda in prosa dello storico islandese Snorri Sturluson, invece viene citato a più riprese:

(NON)
« Fyrst var þó sá heimr í suðrhálfu er Muspell heitir. Hann er ljóss ok heitr. Sú átt er logandi ok brennandi, er hann ok ófœrr þeim er þar eru útlendir ok eigi eigu þar óðul. »
(IT)
« Ma prima di ogni cosa vi fu quel mondo, a sud, chiamato Múspell. È luminoso e caldo, questo paese che arde e divampa, impervio agli stranieri e a coloro che non vi sono nati. »
(Snorri Sturluson - Edda in prosa - Gylfaginning IV - Traduzione di Stefano Mazza)

Il mito norreno sulla nascita delle stelle si riferisce a Múspellsheimr come luogo di provenienza di quei fuochi, come riporta il testo:

(NON)
« Þá tóku þeir síur ok gneista þá er lausir fóru ok kastat hafði ór Muspellsheimi, ok settu á miðjan Ginnungahimin, bæði ofan ok neðan til at lýsa himin ok jörð. »
(IT)
« Poi presero scintille e fiammelle, che correvano libere, e furono lanciate fuori dal Múspellsheimr, e le posero nel mezzo del Ginnungagap nel firmamento, sia in alto che in basso, affinché illuminassero cielo e terra. »
(Snorri Sturluson - Edda in prosa - Gylfaginning VIII - Traduzione di Stefano Mazza)

Múspellsheimr viene citato anche in riferimento al mito del sole:

(NON)
« Sá maðr er nefndr Mundilfœri er átti tvau börn. Þau váru svá fögr ok fríð at hann kallaði annat Mána en dóttur sína Sól, ok gipti hana þeim manni er Glenr hét. En guðin reiddusk þessu ofdrambi ok tóku þau systkin ok settu upp á himin, létu Sól keyra þá hesta er drógu kerru sólarinnar, þeirar er guðin höfðu skapat til at lýsa heimana af þeiri síu er flaug ór Muspellsheimi. »
(IT)
« Un uomo che si chiamava Mundilfœri ebbe due figli. Essi erano così belli e gentili che egli chiamò suo figlio Máni e sua figlia Sól e diede questa in sposa a quell'uomo che si chiamava Glenr. Ma gli dèi si adirarono per questa insolenza, presero i due fratelli e li posero in cielo, costringendo Sól a cavalcare quei cavalli che tirano il carro del sole, che gli dèi avevano creato per illuminare il mondo con quella favilla che era sfuggita dal Múspellsheimr. »
(Snorri Sturluson - Edda in prosa - Gylfaginning XI - Traduzione di Stefano Mazza)

Múspellsheimr è anche il luogo dove è custodita Naglfar, la nave fatta di unghie, che durante il Ragnarök trasporterà i nemici degli dèi:

(NON)
« Skíðblaðnir er beztr skipanna ok með mestum hagleik gerr, en Naglfari er mest skip, þat er á Muspell. »
(IT)
« Skíðblaðnir è la migliore delle navi ed è costruita con grande arte, ma è Naglfar la nave più grande, che sta in Múspell. »
(Snorri Sturluson - Edda in prosa - Gylfaginning XLIII - Traduzione di Stefano Mazza)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]