Seiðr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La pietra runica di Skjern contiene una maledizione contro un seiðmaðr (siþi)

Il seiðr (in italiano anche seid o seidhr) è un tipo di magia sciamanica di tradizione nordica e germanica che consentiva di assumere "il più grande potere". Secondo la mitologia era una pratica di origine Vanir insegnata da Freyja a Odino. Buona parte della magia seiðr si basa sulla comunicazione con gli spiriti e potremmo trovare qualche analogia con il concetto di Mana melanesiano. Il seiðr permetteva di prevedere il futuro, ma anche di dispensare morte, sventura e malattia. Con la pratica del seiðr era infatti possibile privare un individuo della sua forza e della sua intelligenza per trasmetterle a qualcun altro.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola seiðr si crede derivi dal Proto-germanico *saiðaz, collegato al lituano saitas "segno, predizione", derivante dal Proto-indoeuropeo *soi-to- "corda" e la sua radice seH2i- "legare": Tuttavia, non risulta chiara la connessione con la pratica del seiðr. Si pensa che forse corde o lacci venissero usati durante le sedute del seiðr.

Nell'antico inglese i termini correlati sono siden e sidsa, entrambi conosciuti solo in contesti in cui sono gli elfi (ælfe) a praticare questa magia o qualcosa di simile al seiðr. Le parole più usate in antico inglese per indicare chi pratica la magia erano wicca (al maschile) e wicce (al femminile), da cui deriva il moderno inglese "witch".

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È una pratica stregonica di origine sciamanica o di cura utilizzata da singole individualità, quasi sempre di sesso femminile (seiðkona = donna che usa il seiðr). Infatti sebbene le attestazioni riguardanti i caratteri e le tecniche rituali non risultino facilmente reperibili, sembra che gli "atteggiamenti femminili fossero tanto numerosi che gli uomini si vergognavano di praticarla; allora si insegnò quest'arte alle sacerdotesse" (cit. Lanczkowski). Nella Lokasenna, Loki viene accusato dagli altri déi di praticare il seiðr e quindi di tenere atteggiamenti effeminati, Loki risponde facendo notare che anche Odino in molte occasioni si è accostato al seiðr. Un uomo che faceva uso della magia seiðr erachiamato seiðmaðr ed era visto come non virile ed effiminato, perciò chiamato ergi (o argr) e niðr, una delle peggiori accuse che potessere essere rivolte a un uomo. Tradizionalmente il seiðr non distingue tra magia buona o cattiva e non concerne la pratica magica delle rune.

I seiðmaður (o ergi) legati ad alcuni scogli da Olav Tryggvason e condannati ad affogare. Olav cristianizzò la Norvegia e combatté contro le usanze pagane.

Snorri Sturluson parla delle origini mitologiche del seiðr nella Saga degli Ynglingar. Egli connette il seiðr con le divinità Vanir, nella fattispecie è Freyja che ha insegnato il seiðr agli Æsir. Il termine è usato anche nel moderno paganesimo Ásatrú per indicare la pratica magica.

Il seiðr faceva uso di incantesimi (galðrar, sing. galðr) e a volte di danze individuali o di gruppo in senso circolare.

Le donne che praticavano questa magia appartenevano a livelli piuttosto alti della società e forse ricoprivano altri importanti ruoli. Per invocare l'aiuto di divinità o spiriti potevano fare affidamento anche ad altre persone. Alcuni testi suggeriscono che il seiðr veniva usato soprattutto in particolari momenti di crisi che potevano essere risolti attraverso la predizione del futuro o la maledizione dei nemici. Da qui si evince che il seiðr poteva avere una valenza positiva ma anche un grande potere distruttivo che poi ebbe il sopravvento soprattutto con l'avvento del Cristianesimo.

Un oggetto molto importante era il seiðstafr, un bastone di metallo che apparteneva alle seiðkonar e veniva probabilmente usato durante i rituali. Qui potrebbe esservi un collegamento con le völva, profetesse che derivavano il loro nome appunto dal fatto di portare un bastone (o scettro, völ). Un interessante rinvenimento archeologico nell'isola di Öland, la cosidetta tomba della signora di Öland [1], conteneva i resti di una donna sepolta insieme a uno scettro di 82 cm fatto di ferro, con dettagli di bronzo e in cima il modellino di un edificio. Inoltre, la donna era vestita con una pelliccia d'orso ed era seppellita in una nave insieme a sacrifici animali e umani.

Il seiðstafr dalla tomba della signora di Öland rinvenuta a Köpingsvik.

Riferimenti letterari[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al già citato Lokasenna, il rituale del seiðr compare anche in altri testi, soprattutto nelle saghe.

Saga di Eiríkr Rauðri[modifica | modifica wikitesto]

In questa saga del XIII secolo, nel capitolo 4, compare una völva di nome Thorbjǫrg (lett. Protetta da Thor)[2]. Il suo abbigliamento viene descritto in modo molto dettagliato e si dice che in quel periodo in Groenlandia vi era un particolare momento di carestia:

Í þann tíma var hallæri mikit á Grænlandi. Höfðu menn fengit lítit fang, þeir er í veiðiferðir höfðu farit,

en sumir ekki aftr komnir

"In quel tempo (tíma) vi era una grande carenza in Groelandia. Quelli che erano partiti per pescare avevano catturato molto poco e alcuni non erano tornati."

Sú kona var þar í byggð, er Þorbjörg hét. Hon var spákona ok var kölluð lítilvölva.

"Nell'insediamento (byggð) viveva una donna di nome Thorbjǫr. Era una profetessa (spákona) e la chiamavano Piccola Veggente (lítilvölva).

"Lei [Thorbjǫrg] era vestita (hafði) con un mantello azzurro [...] ed era intarsiato di gemme quasi fino alla gonna, e al collo portava perline di vetro. Sulla testa portava un cappuccio di pelle d'agnello foderato d'ermellino. In mano portava uno scettro (staf í hendi) con un'impugnatura; era ricoperto di ottone e ornato di gemme attorno al manico. [...] Possedeva una grande borsa di pelle dove conservava i talismani necessari alla sua conoscenza. Ai piedi portava scarpe di pelle di vitello [...] Alle mani portava guanti di ermellino, bianchi e foderati all'interno. [...] Li [gli uomini della fattoria di Thorkell che la ospitava] pregò di portare da lei quelle donne che conoscevano gli incantesimi conosciuti come Varðlokur."

Tuttavia, tra queste donne vi era una certa Guðrið che rifiutò di prendere parte al seiðr perché era cristiana. Inoltre, Guðrið disse che, sebbene non fosse esperta di questi canti, la sua madre adottiva Halldís, in Islanda, le aveva insegnato i Varðlokur. Questo potrebbe significare che le conoscenze e i rituali magici, quasi sempre nell'ambito femminile, erano abbastanza noti e condivisi a una larga parte di persone. Poi viene descritto il rituale.

"Le donne formarono un cerchio e Thorbjǫrg salì sull'impalcatura e il saggio preparati per i suoi incantesimi. Poi Guðrið [costretta a partecipare comunque al rito] cantò il Varðloka in modo così bello ed eccellente che sembrava che nessuno prima di allora avesse sentito una voce così bella come adesso. La spákona la [Guðrið] ringraziò per il canto."

Alla fine del seiðr Thorbjörg disse:

"E io adesso posso dire questo, che la carestia non durerà a lungo e la stagione sta migliorando, con la primavera che avanza. L'epidemia di febbre che ci ha oppressi sparirà più presto di quando avremmo potuto sperare."

Pietra runica di Skjern[modifica | modifica wikitesto]

Questa pietra runica si trova nel villaggio di Skjern in Danimarca e risale all'epoca vichinga. È identificata come Danish Runic Inscription 81 [3]o DR 81. Contiene una maledizione contro chi pratica il seiðr.

Il testo dice che la pietra è stata dedicata da una donna di nome Sasgerðr in memoria di Óðinkárr Ásbjǫrnson. Il nome Óðinkárr (uþinkaur) è un nome teoforico che si ricollega a Odino e forse a un culto iniziatico in cui si lasciavano crescere i capelli. Per questo motivo, è possibile che il signore (drott) menzionato sia proprio Odino, anche se è probabile si riferisca a un re o un uomo di rango (jarl o hersir).

Traslitterazione delle rune in caratteri latini[modifica | modifica wikitesto]

A: soskiriþr : risþi : stin : finulfs : tutiR : at : uþinkaur : usbiarnaR : sun : þoh : tura : uk : hin : turutin : fasta :

B: siþi : sa : monr : is : þusi : kubl : ub : biruti

Trascrizione in Antico Norreno[modifica | modifica wikitesto]

A: Sasgærþr resþi sten, Finnulfs dóttir at Oþinkor Asbiarna sun, þan dyra ok hin drottinfasta.

B: Siþi sa mannr æs þøsi kumbl of briuti

Traduzione in italiano[modifica | modifica wikitesto]

A: Sasgerðr, figlia di Finnulfr, ha eretto questa pietra in memoria di Óðinkárr figlio di Ásbjǫrn, stimato e leale al suo signore

B: Chi distruggerà questo monumento (sia) uno stregone/siþi [cioè sia maledetto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Gunter Lanczkowski, Dizionario delle religioni non cristiane, traduzione di Fernando Solinas, Oscar DIZIONARI, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1991, p. 161, ISBN 88-04-35073-3. Tit. orig.: Geschichte der nichtchristlichen Religionen, Francoforte sul Meno, Fischer Taschenbuch Verlag GmbH, 1989.
  • Karen Louise Jolly, Catharina Raudvere e Edward Peters, Witchcraft and Magic in Europe: The Middle Ages, vol. 3, Londra, Continuum International Publishing Group, 2001, ISBN 0-485-89003-8. URL consultato il 31 marzo 2016.
  • Hall, Alaric Timothy Peter (2004). The Meanings of Elf and Elves in Medieval England (Ph.D. University of Glasgow).
  • Jolly, Louise Karen, Catherine Raudvere, and Edward Peters. Witchcraft and Magic in Europe: The Middle Ages. Continuum International Publishing Group, 2002.
  • Price, Neil. The Viking Way: Religion and War in Late Iron Age Scandinavia. Uppsala: Department of Archaeology and Ancient History, 2002.
  • Gardela, Leszek. Into Viking Minds: Reinterpreting the Staffs of Sorcery and Unraveling Seidr. Brepols Publishers, 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vanherpens, Women – Key figures in medieval Sweden, su Sofie Vanherpen, 28 ottobre 2016. URL consultato il 02 marzo 2017.
  2. ^ (EN) The Saga of Erik the Red - Icelandic Saga Database, in Icelandic Saga Database. URL consultato il 02 marzo 2017.
  3. ^ (EN) List of runestones, in Wikipedia, 04 febbraio 2017. URL consultato il 02 marzo 2017.