Enrico Paolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enrico Paolini
Enrico Paolini.jpg
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Termine carriera 1979
Carriera
Squadre di club
1969-1979Scic
Nazionale
1969-1977Italia Italia
Carriera da allenatore
1987-1988Carrera Jeans
1989Jolly Componibili
1990-1991Del Tongo
1992-1993GB-MG Boys
1996-1998Scrigno
1999-2001Cantina Tollo
2002Acqua & Sapone
2003Domina Vacanze
2004-2006Acqua & Sapone
2007Team LPR
 

Enrico Paolini (Pesaro, 26 marzo 1945) è un ex ciclista su strada e dirigente sportivo italiano. Professionista dal 1969 al 1979, conta la vittoria di sette tappe al Giro d'Italia, tre campionati italiani e una Milano-Torino.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Corridore con doti di velocista, riuscì a passare professionista nel 1969 grazie all'aiuto decisivo di Wainer Franzoni, suo capitano nei dilettanti, appena passato pro con la neonata formazione Scic, che lo raccomandò alla stessa squadra[1].

Appena all'esordio vinse il Gran Premio Città di Camaiore e si confermò nei tre anni successivi vincendo altrettante tappe al Giro d'Italia; nel 1973 nella Tre Valli Varesine si fregiò del titolo di campione italiano. La carriera tra i pro, tutta svoltasi in maglia Scic e conclusasi nel 1979, vide Paolini imporsi in totale in sette tappe al Giro, cinque al Tour de Suisse, e in tre campionati italiani, e ottenere anche molte vittorie e piazzamenti nelle classiche italiane.

Dopo il ritiro è stato assistente direttore sportivo per numerose formazioni professionistiche italiane, tra cui la Carrera di Davide Boifava, la Del Tongo e la GB-MG Boys di Paolo Abetoni, la Scrigno di Bruno Reverberi, la Cantina Tollo/Acqua & Sapone/Domina di Vincenzino Santoni e l'Acqua & Sapone di Palmiro Masciarelli.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Circuito di Cesa
Gran Premio Pretola
  • 1969 (Scic, due vittorie)
Gran Premio Città di Camaiore
4ª tappa Tour de Suisse (Soletta > Gstaad)
  • 1970 (Scic, una vittoria)
2ª tappa Giro d'Italia (Zingonia > Malcesine)
  • 1971 (Scic, una vittoria)
6ª tappa Giro d'Italia (Bari > Potenza)
  • 1972 (Scic, tre vittorie)
Giro del Veneto
Giro dell'Umbria
20ª tappa Giro d'Italia (Arco > Milano)
  • 1973 (Scic, due vittorie)
Tre Valli Varesine (valida come Campionati italiani)
Gran Premio Industria di Belmonte Piceno
  • 1974 (Scic, nove vittorie)
1ª tappa Giro di Sardegna (Arezzo > Viterbo)
Gran Premio Cemab di Mirandola
13ª tappa Giro d'Italia (Forte dei Marmi > Pietra Ligure)
19ª tappa Giro d'Italia (Borgo Valsugana > Pordenone)
1ª tappa Tour de Suisse (Zurzach > Diessenhofen)
4ª tappa Tour de Suisse (Lenzerheide > Bellinzona)
7ª tappa Tour de Suisse (Losanna > Grenchen)
8ª tappa Tour de Suisse (Grenchen > Fislisbach)
Milano-Vignola (valida come Campionati italiani)
  • 1975 (Scic, tre vittorie)
Coppa Bernocchi
Giro dell'Emilia
9ª tappa Giro d'Italia (Sorrento > Frosinone)
  • 1976 (Scic, due vittorie)
Milano-Torino
Giro della Provincia di Reggio Calabria
  • 1977 (Scic, quattro vittorie)
Giro di Campania (valida come Campionati italiani)
1ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Carcassonne > Béziers
3ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Millau > Montpellier)
2ª tappa, 2ª semitappa Tour de l'Aude (Cuxac-Cabardès > Narbonne)
  • 1978 (Scic, una vittoria)
9ª tappa Giro d'Italia (Amalfi > Latina)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1969: 43º
1970: 24º
1971: 11º
1972: 39º
1973: 22º
1974: 46º
1975: 43º
1976: 64º
1977: 74º
1978: 68º
1979: 95º
1970: ritirato (11ª/2ª tappa)
1971: ritirato (non partito 19ª tappa)
1976: 50º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1970: 77º
1971: 33º
1972: ritirato
1973: 20º
1974: 5º
1975: 45º
1977: 37º
1978: 12º
1979: 95º
1972: 18º
1974: 13º
1969: 37º
1973: 16º
1975: 2º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Zolder 1969 - In linea: 8º
Barcellona 1973 - In linea: 12º
Montréal 1974 - In linea: ritirato
Ostuni 1976 - In linea: ritirato
San Cristóbal 1977 - In linea: ritirato

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Paolini, su museociclismo.it. URL consultato il 9 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]