Roberto Poggiali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Poggiali
Roberto Poggiali.JPG
Roberto Poggiali in maglia Salvarani
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Termine carriera 1978
Carriera
Squadre di club
1963Lygie
1964-1965Ignis
1966Bianchi
1967-1972Salvarani
1973Sammontana
1974-1975Filotex
1976-1977Sanson
1978Zonca
Carriera da allenatore
1982-1984Metauro Mobili
1986Magniflex
Statistiche aggiornate al 28 giugno 2020

Roberto Poggiali (Firenze, 16 aprile 1941) è un ex ciclista su strada italiano, professionista dal 1963 al 1978.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passato professionista nel 1963, dopo aver vinto il campionato italiano dilettanti e una tappa al Tour de l'Avenir l'anno precedente, seppe subito far bene al Giro d'Italia, dove si piazzò 24º.

Nel 1965 si classificò secondo in numerose prove ciclistiche italiane, ma soprattutto vinse la Freccia Vallone, edizione della manifestazione storica: in quel giorno di maltempo esordiva fra i professionisti Eddy Merckx; in quella gara Poggiali riuscì ad andarsene con un gruppetto che comprendeva anche Felice Gimondi e Tommy Simpson e sul traguardo di Marcinelle riuscì a giungere davanti a tutti.

Nel prosieguo della carriera si mise al servizio di grandi capitani fra i quali lo stesso Gimondi, Vito Taccone, Francesco Moser, Ercole Baldini e Gastone Nencini.

Poggiali fa parte della commissione che aggiudica il premio internazionale ciclistico Giglio d'Oro.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa Cicogna
Campionato italiano di ciclismo su strada, Gara in linea
9ª tappa Tour de l'Avenir (Aix-en-Provence > Antibes)
  • 1963 (Lygie, una vittoria)
Gran Premio Montanino
  • 1965 (Ignis, due vittorie)
Freccia Vallone
5ª tappa, 2ª semitappa Volta Ciclista a Catalunya (Sant Julià de Lòria > Olot)
  • 1970 (Salvarani, una vittoria)
Classifica generale Tour de Suisse
  • 1971 (Salvarani, una vittoria)
Coppa Sabatini
  • 1972 (Salvarani, una vittoria)
Grand Prix de Cannes
  • 1973 (Sammontana, una vittoria)
3ª tappa Giro di Puglia (Barletta > Monte Sant'Angelo)
  • 1974 (Filotex, una vittoria)
Giro del Lazio
  • 1975 (Filotex, una vittoria)
Giro del Friuli
  • 1976 (Sanson, una vittoria)
Giro dell'Umbria

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi giri[modifica | modifica wikitesto]

1963: 24º
1964: 14º
1965: 8º
1966: 22º
1967: 19º
1969: 14º
1970: 11º
1971: 32º
1972: 31º
1973: 12º
1974: 20º
1976: 16º
1977: 32º
1978: 36º
1967: 27º
1969: 51º
1975: 22º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1965: 33º
1966: 10º
1967: 82º
1968: 89º
1969: 36º
1971: 37º
1972: 55º
1973: 55º
1974: 16º
1975: 41º
1976: 53º
1977: 55º
1978: 80º
1967: 40º
1968: 34º
1974: 34º
1963: 25º
1964: 27º
1965: 17º
1969: 25º
1970: 16º
1973: 20º
1976: 13º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Salò 1962 - In linea Dilettanti: 25º
Mendrisio 1971 - In linea: 34º
Barcelona 1973 - In linea: 9º
Montreal 1974 - In linea: ritirato
Yvoir 1975 - In linea: 18º
Ostuni 1976 - In linea: 38º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giglio d'Oro, su gigliodoro.net. URL consultato il 10 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]