Liegi-Bastogne-Liegi 1969

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Belgio Liegi-Bastogne-Liegi 1969
Edizione55ª
Data22 aprile
ArrivoRocourt
Percorso253 km
Tempo6h50'00"
Media37,024 km/h
Ordine d'arrivo
PrimoBelgio Eddy Merckx
SecondoBelgio Victor Van Schil
TerzoRegno Unito Barry Hoban
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Liegi-Bastogne-Liegi 1968Liegi-Bastogne-Liegi 1970

La Liegi-Bastogne-Liegi 1969, cinquantacinquesima edizione della corsa, venne disputata il 22 aprile 1969 su un percorso di 253 km. Fu vinta dal belga Eddy Merckx, giunto al traguardo con il tempo di 6.50'00" alla media di 37,024 km/h.

Riassunto[modifica | modifica wikitesto]

Si presentarono alla partenza 127 ciclisti. Cinque andarono a comporre la fuga di giornata, e tra essi anche l'italiano Tommaso De Prà e due gregari di Eddy Merckx, Victor Van Schil e Roger Swerts.[1] L'attacco decisivo venne però portato dallo stesso Merckx sulla salita dello Stockey, a ben 98 chilometri dal traguardo: sullo strappo il "Cannibale" allungò infatti sui principali rivali e andò a raggiungere i due compagni ancora in avanscoperta. In testa alla corsa si formò un terzetto, tutto targato Faema, che prese presto il largo, salvo ridursi poco più avanti a sole due unità, dal momento che Swerts, complice la fatica già accumulata, dovette staccarsi.[1]

Merckx e Van Schil si alternarono con regolarità alla guida della corsa, rendendosi protagonisti di una sorta di "cronometro a coppie" – già ai meno 45 potevano fare affidamento su un vantaggio di cinque minuti – fin sul rettilineo d'arrivo del velodromo di Rocourt a Liegi: qui la volata fu solo formale, la vittoria andò infatti al "Cannibale" Eddy Merckx, che poté così bissare la vittoria ottenuta tre settimane prima al Giro delle Fiandre.[1] Dietro invece il gruppetto degli altri favoriti, comprendente anche Felice Gimondi, Frans Verbeeck, Herman Van Springel ed Eric Leman, non riuscì ad organizzare un vero inseguimento, sia per la presenza nel plotoncino di altri gregari di Merckx, sia per il disinteresse di molti a collaborare; i componenti di tale drappello tagliarono così il traguardo staccati di 8 minuti e 5 secondi, con il britannico Barry Hoban ad aggiudicarsi la volata per la terza piazza.[1] Ancora più indietro Roger De Vlaeminck e Walter Godefroot, rispettivamente a 9'35" e 9'50". Trenta gli atleti classificati.

Classifica (Top 10)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Belgio Eddy Merckx Faema 6h50'00"
2 Belgio Victor Van Schil Faema s.t.
3 Regno Unito Barry Hoban Mercier-BP a 8'05"
4 Belgio Eric Leman Flandria s.t.
5 Paesi Bassi Wim Schepers Caballero s.t.
6 Belgio Roger Swerts Faema s.t.
7 Italia Felice Gimondi Salvarani s.t.
8 Belgio Frans Verbeeck Okay Whisky s.t.
9 Belgio Herman Van Springel Mann-Grundig s.t.
10 Belgio Willy In 't Ven Mann-Grundig s.t.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Gianni Pignata, Eddy Merckx trionfa a Liegi Gimondi staccato di 8 minuti, in La Stampa, 23 aprile 1969, p. 21. URL consultato il 23 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo