Ecomuseo della Valvarrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ecomuseo della Valvarrone
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Vestreno
Indirizzo Sede operativa, Centro Scolastico della Valvarrone, Via Dervio 225
Caratteristiche
Tipo Ecomuseo
Fondatori Unione dei Comuni della Valvarrone (comuni di Vestreno, Sueglio, Introzzo e Tremenico)
Apertura 2009
Sito web

L'Ecomuseo dalla Valvarrone è un ecomuseo della Provincia di Lecco in Lombardia; il territorio dell'ecomuseo comprende l'Unione dei comuni della Valvarrone con i comuni di Vestreno, Sueglio, Introzzo e Tremenico, con sede legale a Introzzo e sede operativa a Vestreno. L'ecomuseo viene istituito nel 2009 ed è riconosciuto dalla Regione Lombardia[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Ecomuseo della Valvarrone nasce il 2 dicembre 2009 con la sua istituzione da parte dei comuni di Vestreno, Sueglio, Introzzo e Tremenico che costituiscono l'”Unione dei Comuni della Valvarrone”[2]. L'ecomuseo si basa su due studi sul territorio realizzati da Edo Bricchetti e commissionati dall'Unione dei Comuni della Valvarrone[3]

Patrimonio dell'Ecomuseo della Valvarrone[modifica | modifica wikitesto]

L'Ecomuseo della Valvarrone documenta, conserva e valorizza il patrimonio della Valvarrone attraverso un'attenzione particolare verso cinque aspetti del territorio: teatri di natura, sentieri storici, architetture in quota, architetture della fede e luoghi della quotidianità. I teatri di natura raggruppano i rilievi montuosi, i corsi d'acqua, le pendici dei monti e i pascoli; i sentieri storici sono le strade militari, le strade di culmine e i sentieri di montagna; le architettura in quota sono i borghi medioevali, le aggregazioni abitative e i segni architettonici; le architetture della fede sono le testimonianze del sentimento religioso; i luoghi della quotidianità sono i saperi e i ritmi domestici, le tradizioni, i mestieri e gli oggetti e le testimonianze della quotidianità[4].

I temi al centro dell'attenzione dell'ecomuseo sono poi declinati in una serie di percorsi, che permettono di vistare e scoprire il patrimonio del territorio: Il “Miraggio del lago” - Per borghi a mezza costa; Per Roccoli - “Looc” e trincee; Anfiteatri militari - Linea Cadorna, Monte Legnoncino; Le Valli dei molini - Sueglio, Tremenico; In Miniera - Tremenico e Lentrée; Monte Legnone - “Alta Via” della Valsassina. Valrasga.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L’Ecomuseo della Valvarrone tra gli ecomusei riconosciuti della Regione Lombardia sul sito della regione, consultato 22 agosto 2014.
  2. ^ Descrizione dell’istituzione dell’Ecomuseo della Valvarrone sul sito dell’Associazione Amici dell’Ecomuseo della Valvarrone http://www.amiciecomuseovalvarrone.it/lecomuseo/ecomuseo-della-valvarrone/, consultato 22 agosto 2014.
  3. ^ Edo Bricchetti, ‘’Studio per un atlante ecomuseale’’, 2006; studio commissionato dall’Unione dei Comuni della Valvarrone e realizzato nell’ambito degli “Interventi per attività di promozione educativa e culturale” del Settore Cultura della Provincia di Lecco, Legge IX; Edo Bricchetti, ‘’’Studio per la costituzione di un archivio “Memorie di una valle”’’’, 2008, studio realizzato nell’ambito dell’iniziativa “’Il 900 Lecchese” promossa dalla Provincia di Lecco.
  4. ^ Dominanti ecomuseali sul sito dell’Ecomuseo della Valvarrone http://www.ecomuseodellavalvarrone.it/pages/02_mappe000.html, consultato 22 agosto 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edo Bricchetti, ‘'Studio per un atlante ecomuseale'’, Unione dei Comuni della Valvarrone, 2006.
  • Edo Bricchetti, ‘'’Studio per la costituzione di un archivio “Memorie di una valle”'’', Unione dei Comuni della Valvarrone, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]