Monumento naturale Altopiano di Cariadeghe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monumento naturale Altopiano di Cariadeghe
Tipo di areaMonumento Naturale
Codice WDPA83357
Codice EUAPEUAP0281
Class. internaz.Categoria IUCN III: monumento naturale
StatiItalia Italia
RegioniLombardia
Superficie a terra491,82 ha
Provvedimenti istitutiviD.C.R. III/2080, 27.03.85
GestoreComune di Serle
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

Coordinate: 45°35′26.88″N 10°21′11.16″E / 45.5908°N 10.3531°E45.5908; 10.3531

L'altopiano di Cariadeghe è un parco naturale posizionato tra la Val Gobbia, la Valle Sabbia, in provincia di Brescia e più precisamente nel comune di Serle.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Le colline che svettano dall'altopiano sono il monte Ucia, la Corna de Caì, il Dragone e il Dragoncello, l'altopiano è così delimitato da queste montagne che raggiungono una quota di 1160 msl, all'interno del parco si possono ammirare parecchie specie di alberi secolari quali: carpini, faggi, aceri e querce.

L'altopiano è famosissimo anche per la caratteristica geomorfologica, essendo un terreno carsico presenta numerosissime e interessanti grotte, usate un tempo come ghiacciaia.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

In tutte le stagioni si può ammirare una grandissima varietà di rapaci tra cui: falchi, gheppi, gufi, allocchi, poiane, si possono inoltre facilmente incontrare cinghiali, faine, volpi, scoiattoli.

La zona piena di pozze presenta anche una particolare affluenza del rospo comune, interessante notarlo verso marzo quando a migliaia si riversano nelle pozze, bellissime inoltre le varietà di salamandre. L'altopiano ospita anche la grotta Bus del Budrio, che è stata oggetto di un'importante azione di ripristino ambientale per favorire la specie Dendrocoelum italicum, una planaria endemica della grotta e del Monumento naturale [1].

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raoul Manenti, Benedetta Barzaghi, Gianbattista Tonni, Gentile Francesco Ficetola e Andrea Melotto, Even worms matter: cave habitat restoration for a planarian species increased environmental suitability but not abundance, in Oryx, 2018, pp. 1–6, DOI:10.1017/S0030605318000741, ISSN 0030-6053 (WC · ACNP).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]