Dialetto calabrese centrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Dialetti calabresi.

Il dialetto calabrese centrale è un sottogruppo dialettale appartenente al gruppo dei dialetti italiani meridionali estremi[1] secondo la classificazione elaborata da Giovan Battista Pellegrini[2].

Localizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il calabrese centrale viene parlato nel centro della Calabria. L'area corrisponde in gran parte alla zona dell'istmo di Marcellinara, comprendendo tutta la provincia di Catanzaro, la provincia di Vibo Valentia e lambendo inoltre la zona meridionale delle province di Cosenza e di Crotone, nonché la zona settentrionale estrema della provincia di Reggio Calabria. Al suo interno si riconoscono circa sei o sette dialetti locali diversi per dimensione diatopica, sui quali, cioè, ha influito notevolmente la geografia della regione. Una delle varianti principali è il dialetto catanzarese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grassi et alii, 1998; Corrado Grassi, Alberto A. Sobrero, Tullio Telmon, Fondamenti di dialettologia, Bari, Laterza, 1998 (2 ed.).
  2. ^ La Carta dei Dialetti d'Italia, su italica.rai.it (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2012). (Pisa, Pacini editore 1977)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]